“A tutta birra” verso l’inclusione dei ragazzi speciali

Scritto da  Pasquale Stanziano Pubblicato in Salute Letto 718 volte

 È stato Un Sabato differente e divertente per i ragazzi della Residenza Lars di Episcopio che hanno preso parte all'iniziativa "A tutta Birra". Attività che li ha visti impegnati a spillare birra e servire ai tavoli affollati del Royal London Pub. La disabilità vissuta con gli occhi di questi giovani ragazzi sembra essere un tratto marginale d i sorrisi dispensati sono la conferma che l’inclusione sociale può essere un valore aggiuntivo per rendere sempre più partecipi nella vita comune i portatori di handicap. A catalizzate l’interesse degli stupiti clienti è stata l’accoglienza della simpaticissima e piccola Antonella accompagnata dall’enorme ed erculeo Nando , proprietario del locale. Al bancone a spillare le birre non troviamo, come al solito Teresa ma Mario, che con precisione e meticolosità stappa bottiglie e sistema i bicchieri. Proprio quando spilla la birra il buon Mario mette in mostra il meglio di se; tra i tavoli invece, Raffaele non si ferma mai e come un equilibrista si fa spazio tra la folla con i vassoi colmi. Questa è stata solo la prima delle serate "A tutta Birra" che si ripeterà il mese prossimo. Oltre alle attività di abilità domestica e gestione del denaro che hanno visto concretizzarto il lavoro svolto con questa iniziativa è opportuno ricordare che alla Residenza Lars si svolgono attività ricreative, ippoterapia, teatro e tanto altro.

Ultima modifica il Mercoledì, 07 Febbraio 2018 19:57