Vota questo articolo
(0 Voti)

Si torna in scena, finalmente! Dopo oltre un anno di limitazioni causate dalla pandemia riaprono i teatri e riprendomo gli spettacoli, concerti e commedie. La Compagnia Teatrale I GIULLARI DI CORTE di Caserta, nata a luglio del 2020 da un'idea di Titti Canzano, docente e amante dell'arte in genere ritorna in scena dopo le costrizioni anticovid. I GIULLARI DI CORTE si somo esibiti in vari scatch anche durante il difficile periodo, per gli spettacoli, senza mai perdere la voglia e l'entusiasmo di esternare le loro emozioni e l'amore per il teatro. Il prossimo 27 novembre, con l'opera "Dove vai tutta nuda"? di Georges Feydeau, I GIULLARI DI CORTE ritorneranno finalmente a calcare la scena. La commedia, riadattata da Titti Canzano e diretta da Riccardo de Dato, entrambi con diverse esperienze teatrali alle spalle, prenderà corpo sulle tavole del Teatro Comunale di Casapulla (CE)

Vota questo articolo
(0 Voti)

Dal 21 al 25 ottobre si è tenuta la prestigiosa esposizione di Biennale Milano, con Salvo Nugnes, già curatore delle mostre del Festival di Spoleto, Pro Biennale di Venezia e manager di personalità importanti, e il Prof. Vittorio Sgarbi, nella suggestiva location di Palazzo Stampa di Soncino (Via Torino, 61), palazzo nobiliare sito a pochi passi dal Duomo. Il grande evento ha usufruito della preziosa presenza di grandi nomi del mondo dell’arte, della cultura e dello spettacolo. Biennale Milano è il “fiore all’occhiello dell’arte italiana” grazie alla quale noti artisti, insieme a nuove promesse, colgono l’occasione di far conoscere la loro Arte. Provenienti da oltre 40 paesi, con dipinti, sculture, poesie e fotografie, la cui potente carica emotiva ha saputo meravigliare il pubblico e affascinare i presenti. La Mostra ha beneficiato del contributo di ospiti d’eccezione, come Francesco Alberoni, sociologo di fama mondiale, Romina Power, cantante e noto personaggio televisivo, Maria Rita Parsi, scrittrice e psicoterapeuta, il direttore del Tgcom 24 Paolo Liguori, Silvana Giacobini, già direttore di Chi, lo storico e presidente del Vittoriale degli Italiani Giordano Bruno Guerri, Massimo Giletti, giornalista e conduttore televisivo, Mario Luzzatto Fegiz, noto critico musicale e giornalista del Corriere della Sera, Piero Chiambretti, conduttore ed autore televisivo, Carolyn Smith, presidente di giuria di Ballando con le Stelle, Marco Columbro, presentatore televisivo, il noto critico d’arte Luca Beatrice, Alviero Martini, stilista di fama, Yari Carrisi Power, musicista e figlio d’arte, Jim Beckwith, cantautore internazionale, Patrick Ray Pugliese, inviato di Striscia la Notizia, il Presidente della Regione Lombardia, il sindaco della città di Milano e tanti altri.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lo scorso 6 luglio le studentesse e gli studenti della squadra Nanoflakes Flying Hunters dell’ITCG-LS Leonardo da Vinci di Poggiomarino, in collegamento Zoom con il Politecnico di Torino dall'aula innovativa dell’istituto, hanno partecipato alla finale del progetto concorso ZR-SAT. Il concorso ha avuto inizio nell’anno scolastico 2019-2020 come competizione internazionale, e, a causa della situazione pandemica venutasi a creare, è continuato nell’anno scolastico 2020-2021, diventando solo nazionale e con modalità leggermente diverse, che inevitabilmente hanno anche parzialmente modificato l’iniziale progetto. La preparazione del prototipo e della presentazione sono stati impegnativi ed il nostro esperimento di CubeSAT 2D Nanomaterials- live cells interaction in microgravity è stato particolarmente apprezzato dalla Giuria che ha premiato l’impegno, la dedizione e l'originalità con un bellissimo secondo posto nella categoria II ovvero la categoria delle squadre che hanno presentato sia il First che il Second Elevator Pitch. Siamo stati coordinati nel progetto dalle docenti Maria Rosaria Del Sorbo e Anna La Montagna. Ringraziamo la Dirigente Scolastica Olimpia Maria Tiziana Savarese che sempre incoraggia e sostiene le iniziative che coinvolgono attivamente noi studentesse e studenti. E un grazie speciale al ricercatore del dipartimento di Fisica dell’Università Federico II Manjot Singh, per la preziosa e fattiva collaborazione. I link per poter vedere i lavori presentati sia nella data della finale con commento contemporaneo degli studenti Giuseppe Martino, Valentina Malagnino, Carolina Urraro che il video inoltrato agli organizzatori sono rispettivamente: https://youtu.be/0pjuFV7LHtM e https://youtu.be/CB66zF0J3Cs.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Eccezionale ritrovamento in Molise che riportano alla luce i fasti dell'impero romano. Dalla pagina facebook della Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio del Molise, si apprende di un eccezionale ritrovamento archeologico avvenuto nella Città di Isernia. Il post è del 29/04/2021. Dunque, è stata rinvenuta la testa di una statua dell’Imperatore Augusto. Il reperto è venuto alla luce durante i lavori per il crollo di una parte delle mura di via Occidentale. Ora si attendono i responsi degli Organi preposti alla tutela del patrimonio archeologico e se le indagini successive confermeranno il ritrovamento, l’evento potrebbe conferire nuovo lustro alla Città isernina. Ovviamente il ritrovamento della statua del “Pater Patriae” è motivo di orgoglio anche per le zone del Vesuviano, nelle quali Ottaviano Augusto visse a lungo, ivi morendo, nel 14 d.C., nella Città di Nola.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il liceo statale "Pascal" di Pompei rappresenta da anni una eccellenza del territorio vesuviano in particolar modo per quegli studenti che cercano dei percorsi di formazione all'avanguardia e sempre più vicini agli standard dei coetanei europei. Da circa 5 anni affianco agli indirizzi tradizionali liceali quali sono il liceo scientifico, linguistico artistico e umanistico, si è posizionato l'indirizzo coreutico musicale. Un liceo rivolto principalmente ai giovani che prediligono uno studio abbinato alla pratica coreutica e della danza classica o contemporanea. Partito in sordina - sotto l'attenta supervisione dell'Accademia nazionale della danza- il liceo coreutico di Pompei in pochi anni si è affermato come sicuro punto di riferimento per i giovani dell'area vesuviana e dell'hinterland napoletano che tra le mura del Pascal trovano la giusta dimensione per abbinare allo studio delle materie classiche anche apposite sale per la pratica della danza e dei laboratori coreutici. Il liceo coreutico si costituisce nel 2010 ed ha lo scopo di conferire una preparazione adeguata sia in ambito scolastico che in ambito coreutico. In questo indirizzo, per i primi due anni è possibile acquisire la prima conoscenza delle basi della tecnica della danza sia classica che contemporanea, i successivi tre anni si caratterizzano per una sostanziale differenza rispetto al biennio,la classe, infatti, in base alle competenze acquisite verrà proiettata su uno studio più approfondito delle due discipline,quindi o di tecnica di danza classica o di tecnica di danza contemporanea. All’interno dell’indirizzo, ovviamente oltre allo studio della danza, c’è anche l’obbligo di studiare le materie tradizionali (italiano, matematica, geostoria, storia dell'arte e inglese) Il liceo coreutico, come tutti gli indirizzi delle scuole secondarie, consente l'accesso a tutte le facoltà universitarie senza alcuna limitazione.