Vota questo articolo
(0 Voti)

Ricordate il maggiordomo Alfredo? Quel simpatico personaggio che conquistò in poco tempo l'ammirazione di tanti fans della soap opera un posto al sole? Dopo un periodo di pausa, il maggiordomo interpretato dall'attore vesuviano Mario Grazio Balzano tornerà sul piccolo schermo. In questi giorni, infatti, nelle incantevoli location partenopee si stanno registrando le nuove puntate della serie televisiva molto amata dal pubblico della terza rete. Una conferma della produzione RAI per Balzano che evidenzia, ancora una volta, quanto le capacità interpretative dell'attore vesuviano siano state particolarmente apprezzate dopo le prime apparizioni dell'estate scorsa. Le immagini di queste riprese, molto probabilmente, andranno in onda nella tarda primavera su RAI 3.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devo confessarlo: sono una fan sfegatata del Commissario Ricciardi. Questo personaggio fuori dal comune -nato dalla prolifica penna di Maurizio De Giovanni - ha il volto di uno straordinario Lino Guanciale, chiamato a dare corpo ed anima ad uno dei protagonisti più enigmatici della letteratura noir contemporanea. Sei film per altrettanti libri, dove il noir si mescola al giallo e al melò nel contesto della Napoli anni ’30. Il merito di questo encomiabile lavoro di equilibrio e misura va al regista, Alessandro D’Alatri e all’intero cast, quasi totalmente napoletano. Una prova d’attore che Guanciale restituisce in maniera impeccabile, giocando sulla potenza dello sguardo, sui suoi magnetici occhi verdi e su di una espressività facciale che comunica molto più delle parole. Perché Ricciardi non è uno che parla tanto. È cupo, ombroso, taciturno; ma, allo stesso tempo, è sensibile, empatico e capace di fare proprio il dolore delle persone, dare loro giustizia, mettendo in pratica, maniacalmente, la sola cosa che conosce: il lavoro. Con il suo impegno quotidiano allevia la sofferenza di quei morti di morte violenta che lo perseguitano, ripetendogli in maniera ossessiva il loro ultimo pensiero prima di morire. Ricciardi vive il dolore costantemente. Ad ogni angolo della strada vede i fantasmi di quelli che non ci sono più, ai quali non può donare la pace che cercano. Il mondo dei vivi si intreccia a quello dei morti e lui, spettatore alla finestra, non può fare altro se non continuare ad osservare e a convivere con il suo dono che è anche una maledizione. Ma quella finestra sul suo mondo di sofferenza e malinconia lascia intravedere uno spiraglio di umanità: la possibilità di essere felice. Enrica. La vicina di casa di cui lui è innamorato (corrisposto) che ogni sera, immancabilmente, si attarda nelle sue mansioni domestiche, volgendo un occhio alla lastra di vetro che ha di fronte, nella speranza che lui (di cui in prima battuta non conosce neppure il nome, men che meno la professione) si affacci. Un amore fatto di sguardi, di silenzi carichi di speranza. Di attese che aspettano solo di essere trasformate in occasioni concrete. Enrica attende, con animo gentile e paziente, ma determinato. Maria Vera Ratti incarna al meglio questa ragazza poco più che ventenne, abituata a vivere in casa, in un universo, quello familiare, che è tutto il suo essere. Un amore poetico. E poi c’è lei: Livia Lucani Vezzi (Serena Iansiti). La vedova del grande tenore Arnaldo Vezzi che si invaghisce di Ricciardi quando il cadavere di suo marito è ancora caldo. Una donna di una bellezza felina, dal profumo esotico, dice di lei De Giovanni. Una donna piena di fragilità che però vorrebbe accompagnare il Commissario nel suo cammino verso la luce. La tata Rosa (Nunzia Schiano), di contro, è tutto ciò che resta della famiglia del barone di Malomonte. Tenace, attenta, meticolosa, che adora il suo “signorino” e vorrebbe vederlo sistemato. Un uomo che non capisce fino in fondo, ma che ama in modo viscerale ed incondizionato. E poi ci sono i due amici di Ricciardi: il dott. Bruno Modo (Enrico Ianniello), antifascista, e il brigadiere Raffaele Maione (Antonio Milo), devoto al Commissario da quando egli li riportò l’ultimo pensiero del figlio Luca, morto in un’azione di Polizia. Il Commissario Ricciardi è un prodotto diverso da quelli a cui la Rai ci ha abituati, osando con un personaggio di non facile prima lettura ma che, passo dopo passo, ti cattura. E gli ascolti lo confermano: sei milioni di telespettatori per la prima puntata, 5.7 milioni per la seconda con il 23.5% di share. Ricciardi vive in un tempo sospeso, tra passato e presente. Ci porta nei vicoli di Napoli, dove la contraddizione è il sale della vita, dove vige l’ingiustizia del fascismo e del clientelismo, dove si uccide per “fame e per amore”.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Mina Settembre, la nuova fiction di RaiUno che ha per protagonista l’attrice e cantante napoletana, Serena Rossi, fa centro, regalandoci un prodotto godibile, allegro, spensierato (visti i tempi cupi e di incertezza che stiamo vivendo causa Covid) e in linea con la messa in onda della rete ammiraglia, carico di personaggi positivi che esaltano i buoni sentimenti. Nata dalla penna di Maurizio De Giovanni, prolifico scrittore partenopeo, autore (tra gli altri) de Il commissario Ricciardi - dal 25 gennaio sempre su RaiUno - Mina Settembre è un’assistente sociale presso il Consultorio del Rione Sanità. Una vita spesa per gli altri, a risolvere i problemi legati ad uno spaccato della società che spesso si tende ad occultare, negare o, semplicemente, ignorare, facendo finta che non esista. Ecco, Mina sta dalla parte dei più deboli, dei più fragili, donandoci la sua umanità, la sua capacità di commuoversi e la sua empatia. Il tutto condito dal talento di Serena Rossi che, dai tempi in cui interpretava Carmen ad “Un posto al sole”, ha dimostrato di stare bene in qualsiasi ruolo le venga assegnato - vedi alla voce Mia Martini. Come ogni storia che si rispetti, il triangolo è dietro l’angolo, come pure la storyline che accompagna la protagonista alle prese con un piccolo segreto di famiglia da risolvere. Mina, infatti, si divide tra l’amore che prova (ancora) nei confronti del marito fedifrago Claudio - Giorgio Pasotti; e il ginecologo del Consultorio, lo scanzonato e piacione Domenico (Giuseppe Zeno) che cerca in tutti i modi di far capitolare la bella Mina. Una foto trovata per caso in una cassaforte, accompagnata da una lettera scritta per metà dal padre morto mesi prima, tinge questo dramedy sentimentale di giallo. Mina non riesce a smettere di pensare alla donna ritratta nella foto e vuole saperne di più. Intorno all’universo Settembre gravitano personaggi tipici della commedia: la madre (Marina Confalone), una borghese altolocata incontentabile e snob; e le due amiche Irene (Christiane Filangieri), avvocato di grido e maniaca del controllo, e Titti (Valentina D’Agostino), allegra e frizzante proprietaria del bar in cui le tre amiche si incontrano ogni sera per raccontarsi le loro vicende quotidiane. Un trio pimpante e scanzonato, a metà strada tra Sex and the City e Charlie’s Angels, odierne eroine metropolitane. A fare da cornice, lo splendido scenario di una Napoli che mescola alto e basso: rione sanità, Gianturco, la vista mozzafiato che si ammira dalla funicolare di Montesanto, il Vomero, il porticciolo di Mergellina e tutti i posti più belli e suggestivi della città. Una fiction godibile, lontana anni luce dalle atmosfere drammatiche de L’amica geniale, che mette al centro la figura dell’assistente sociale che si fa in quattro per gli altri alle volte contro la loro stessa volontà. Tuttavia, si sarebbe potuto rischiare di più, approfondendo determinati contesti sociali, ponendo sotto l’occhio sonnecchioso del telespettatore di RaiUno certe situazioni di grande degrado, pane quotidiano per chi svolge questo mestiere. Invece, la sensazione che si ha è quella di voler ammantare sotto il mantello dell’invisibilità ciò che potrebbe urtare lo spettatore medio, turbarlo e non rendere rassicurante una fiction che nasce proprio con l’obiettivo di esserlo. La risoluzione dei casi che Mina affronta, il più delle volte, è affrettata, rocambolesca, quasi troppo facile per corrispondere alla realtà dei fatti, e restituisce una venatura di artefatto e di poco realistico. Un prodotto che ha fatto registrare ottimi ascolti (una media di 6 milioni di spettatori e il 23% di share), ma se si vuole competere contro le corazzate delle piattaforme streaming (una su tutte Netflix) bisogna osare qualcosa di più.
Vota questo articolo
(0 Voti)

Non si ferma l’impegno sociale del brand estetico e di bellezza “Sàvisàge” creato dalla giovane imprenditrice Cira Perna, di Somma Vesuviana. Dopo aver aiutato i pazienti oncologici con diverse iniziative, oggi ha deciso di aiutare chi vuole realizzarsi nel mondo del lavoro con un progetto che consentirà a diverse persone di seguire gratuitamente i suoi corsi per i primi tre mesi. Un impegno che arriva dopo tanta concretezza. La Perna negli anni scorsi, infatti, ha realizzato “Il giorno del sorriso", un primo progetto, studiato ed elaborato dal 2018, e portato a termine da enti pubblici e privati, riguardante la dermoricostruttiva medicale per pazienti oncologici, continuando poi con diverse iniziative come “Donna sorriso” dedicato alle vittime di violenza, “Un progetto rivolto alle donne che hanno un vissuto particolare”, spiega l’imprenditrice Cira Perna, “e che hanno intenzione di rimettersi in gioco “resettando" anche con l'aiuto di specialisti, quegli stralci di vita buia”. Progetti che ora si sono consolidati in una accademia di estetica, e non soltanto, formata da un’equipe di professionisti e specialisti del settore che hanno sposato questo progetto certo imprenditoriale, ma che si basa su una forte motivazione etica e sociale. Entro la fine di quest’anno aprirà l'accademia Sàvisàge, e la titolare Cira Perna ha stabilito che “tutte le persone che accederanno e si iscriveranno ai vari corsi di aggiornamento e master, saranno accolti con corsi di perfezionamento GRATUITI PER IL PRIMO TRIMESTE. Altre novità in programma saranno le edizioni digitali che si svolgeranno nel web e su una nuovissima piattaforma, perché la tecnologia ci ha aiutato tanto durante l’isolamento a non avere paura e oggi deve aiutarci ad uscire dalla crisi”. Iniziativa che sarà correlata al progetto televisivo in collaborazione con il dottor Giuseppe Chirico in veste di produttore e regista di “CAMERA2”, e analizzato in area business dalla consulente dottoressa Alessia Abbate. “Oggi siamo, purtroppo, in un mondo stravolto dalla pandemia del Covid 19 con la quale ‘combattiamo’ ancora”, conclude la Perna, “Gli appuntamenti che riprenderemo a settembre, in diverse sedi in Campania e nel Lazio, sono programmati nel massimo rispetto dei protocolli di sicurezza. Questo per me è un segnale di augurio e rinascita per tutte quelle donne che, con il loro coraggio, si racconteranno e si mostreranno disponibili a condividere il progetto insieme a SàVisàge”. Per info riguardanti i corsi o altri dettagli delle iniziative è possibile scrivere alla Pagina Facebook SàVisage oppure alle mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Vota questo articolo
(0 Voti)

L’importanza del profumo dei libri

Domenica, 10 Febbraio 2019 11:29 Scritto da
I booklovers lo sanno bene. Il profumo dei libri è qualcosa di inebriante, che crea dipendenza. Entrare in una libreria ed annusare centinaia di volumi disposti negli scaffali ed incolonnati per autore, casa editrice, anno di pubblicazione: è una medicina per l’anima. I libri, vecchi e nuovi, emanano una varietà di profumazione, frutto dei composti - tra cui la lignina che aiuta le fibre di cellulosa a concatenarsi insieme e anche responsabile dell’ingiallimento e del percorso finale dell’ossidazione e della degradazione del volume - con i quali vengono realizzati e che, nel corso del tempo, si volatilizzano, conferendo loro quella tipica fragranza: il classico profumo dei libri. Tuttavia, l’aroma dei libri è diverso. Per un’enciclopedia è necessario l’utilizzo di una carta specifica e una lavorazione tale da mantenerne nel tempo la stabilità e la consistenza; mentre, per una pubblicazione che avrà una vita più breve, vengono utilizzati composti con una minore concentrazione. Oggi vengono utilizzati procedimenti chimici per abbattere l’uso di lignina, amalgamando la cellulosa con le fibre di cotone naturale sottoposto ad idrolisi e ad altre lavorazioni al fine di fornirci un prodotto di alta qualità resistente nel tempo.