Vota questo articolo
(0 Voti)
Gianfranco Cabiddu propone un incontro 'magico' sull'isola dell'Asinara, fra La tempesta di Shakespeare e L'arte della commedia di Eduardo De Filippo in “La stoffa dei sogni”. Il film, con un cast che comprende Sergio Rubini, Ennio Fantastichini, Teresa Saponangelo e Renato Carpentieri, e in un cameo, Luca de Filippo, rende omaggio a due grandi maestri e capocomici «che hanno sempre pensato prima di tutto al pubblico, veicolando con la levità del racconto, i temi più profondi». Da ragazzo, spiega il regista «ho avuto la grande fortuna di lavorare per Eduardo, nel periodo in cui ha tradotto in napoletano antico 'La tempesta', registrandone anche una versione audio per voce sola». Anni dopo visitando l'Asinara, «che ora è un parco naturale, mi sono reso conto di come sia veramente l'isola di Calibano. Ho così deciso di ambientarci la storia di perdono de La tempesta, unendo anche elementi de 'L'arte della commedia' di Eduardo, dove c'è una compagnia di attori che resta senza teatro, quando questo va a fuoco». Nella favola moderna, ambientata in un'Italia da primi anni '60, dopo un naufragio notturno, due guardie, alcuni camorristi guidati da Don Vincenzo (Carpentieri), e la piccola compagnia familiare del capocomico Campese (Rubini), si salvano approdando sull'isola - carcere dov'erano destinati i criminali. Una forzata 'collaborazione' tra attori e malavitosi, rende difficile per De Caro (Fantastichini) il direttore del Penitenziario, capire quali siano i buoni e quali i cattivi.
Vota questo articolo
(0 Voti)

Le Perseidi, uno spettacolo unico

Mercoledì, 12 Agosto 2015 17:11 Scritto da
Quello di quest’anno si preannuncia come uno spettacolo unico. Sono le stelle cadenti più attese, le Perseidi delle notti d’agosto, chiamate così perché il radiante, ossia il punto sulla volta celeste dal quale provengono le meteore, si trova nella costellazione del Perseo e che promettono di essere davvero indimenticabili perché la luna nuova lascerà loro il giusto spazio e il giusto buio per risplendere. «Per ritrovare un cielo simile bisognerà aspettare ben tre anni - osserva l'astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope - Un'altra notte di stelle candenti, senza Luna, ci sarà infatti soltanto nell'agosto 2018». Astronomi, astrofili e appassionati del cielo sono già allerta, pronti a partecipare alle tante serate dedicate alle stelle cadenti in tutta Italia. '«Sebbene l'appuntamento più noto con le stelle cadenti sia quello della notte di San Lorenzo, il 10 agosto, il picco è atteso nella notte fra il 12 e il 13 agosto» spiega Paolo Volpini, dell'Unione Astrofili Italiani (Uai). Si può quindi cominciare al alzare gli occhi fin da adesso in cerca delle prime scie luminose.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Gli italiani spendono di più per lo spettacolo (+0,71%) e il volume d'affari cresce (+4,45). Parallelamente diminuiscono le attività (-2,56%) e gli ingressi (4,31%). E nel contrasto, aumenta il prezzo dei biglietti (+5,25%). A raccontarlo sono i dati 2017 dell'Annuario dello Spettacolo di Siae. Lo scorso anno il volume d'affari è cresciuto più del 2016 (+4,45% contro il +3,18% del 2016 su 2015), superando nelle performance altri settori economici. Ma è stato anche l'anno degli eccessi: da un lato il crollo del cinema che ha perso oltre 14 milioni di spettatori (orfano di Checco Zalone, il cui Quo vado fu visto da quasi 10 milioni di spettatori, mentre il film più seguito nel 2017 è stato La bella e la bestia con 3,4 milioni di biglietti), dall'altro il record mondiale di Vasco Rossi a Modena e le buone performance di lirica, balletto e sport.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il celebre fumetto Tex Willer, nato dalla fantasia di Giovanni Luigi Bonelli e dalla matita di Aurelio Galeppini, in arte Galep, compie 70 anni. Per celebrare l’anniversario di uno dei comics più famosi di sempre, gli verrà dedicata una mostra e si pensa anche ad una nuova serie dedicata al personaggio giovane, prima che diventasse un Ranger. Secondo quanto raccontato nell'albo "Neuces Valley", Tex sarebbe nato nel 1838. Ha un passato da fuorilegge perché si è sporcato la fedina penale per vendicare chi gli ha ucciso la famiglia. Pur essendo nato nel Texas ha combattuto la Guerra Civile nelle truppe del Nord, per la sua incrollabile fede antischiavista. E' il nemico giurato di ogni ingiustizia: fisicamente è un personaggio alla Charlton Heston o John Wayne (anche se si dice che il volto del primo Tex fosse ispirato a Gary Cooper), il suo è il West dei film di John Ford e Howard Hawks, le sue avventure hanno per teatro i canyon dello Utah e del Nevada, la Monument Valley, ma Tex ha viaggiato per tutti gli States, conosce benissimo il Canada e il Messico, è stato a Panama e in Melanesia. Nelle sue storie ci sono le grandi praterie del Mid-West, i deserti del Sud-Ovest, le foreste del Grande Nord, le città dell'Est, le giungle pluviali, le misteriose rovine maya e azteche e ha combattuto per la libertà in Messico. Dopo aver condotto la vita del cowboy, che in un rodeo ha vinto il suo fedelissimo cavallo Dinamite, diventa un Ranger e dedica la vita alla lotta all'ingiustizia anche a costo di sfidare le regole e le leggi. Il suo legame con i nativi americani ha anticipato le tematiche del New Western degli anni '70 e il suo antirazzismo è uno degli elementi che gli ha permesso di attraversare i decenni senza perdere il successo. A distanza di anni è stato ed è fonte di ispirazione per il mondo del cinema. Indimenticabili i movies con protagonista John Wayne, Clint Eastwood e le pellicole dirette da Sergio Leone.
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il 21 giugno è la Giornata mondiale del Selfie

Giovedì, 21 Giugno 2018 11:50 Scritto da
Nel 2013 il corrispettivo italiano di “autoscatto”, è stato inserito nell’Oxford English Dictionary ed è stato definito come “la parola dell’anno” e viene celebrata il 21 giugno. La febbre da selfie ha coinvolto tutti, da Obama al Papa . Si vip che nip non rinunciato ad immortalarsi nei posti più svariati. Come tutte le cose occorre usarle con moderazione. Ci sono infatti giovani che, pur di ottenere qualche like sui social, metteno in pericolo la loro vita ritraendosi sui binari dei treni o in situazioni pericolose ed estreme. A questo proposito c’è chi inizia a vietarli: all'ultimo festival di Cannes il curatore Thierry li ha banditi dicendo che "9 volte su 10 sono brutti". Il bisogno ossessivo di postare selfie, definito 'selfite' è stato definito un vero e proprio disturbo mentale da uno studio della Nottingham Trent University e della Thiagarajar School of Management in India pubblicato a dicembre 2017. Ha esaminato il fenomeno scoprendo che non solo la patologia esiste ma ci sono tre categorie: quella cronica, quella acuta e quella borderline.