Vota questo articolo
(0 Voti)

Martedì 25 settembre 2018 alle ore 20:00, a Trecase presso la parrocchia di S. Antonio di Padova in Via Regina Margherita n. 341 arrivano le reliquie del Beato Vincenzo Romano, l’umile parroco della città di Torre del Greco, prossimo Santo il 14 ottobre 2018. La città di Trecase e i fedeli delle comunità parrocchiali di S. Antonio di Padova, retta da don Federico Battaglia e del santuario S. Maria delle Grazie e San Gennaro, rettore don Aniello Gargiulo, si preparano a vivere un momento di viva religiosità per accogliere, in momenti d’intensa preghiera comunitaria, le reliquie del Beato Vincenzo Romano, che dal 1799 al 1831 è stato Preposito presso la chiesa di Santa Croce l’unica parrocchia di Torre del Greco e che, domenica 14 ottobre 2018 in Piazza San Pietro, sarà iscritto da Papa Francesco nell’Albo dei Santi della Chiesa. Mercoledì 26 settembre, dalle ore 9:00 alle 12:00, presso la parrocchia di S. Antonio, si tiene la celebrazione del Sacramento della Penitenza; alle ore 18:30, solenne concelebrazione Eucaristica presieduta da don Salvatore Accardo, decano del XIII Decanato della Diocesi di Napoli, a seguire peregrinatio delle reliquie del Beato Vincenzo Romano dalla parrocchia di S. Antonio di Padova al santuario-parrocchia di S. Maria delle Grazie e San Gennaro in Piazza San Gennaro, con un breve momento di preghiera e la Benedizione Eucaristica. Giovedì 27 settembre, al santuario-parrocchia di Santa Maria delle Grazie e San Gennaro, alle ore 9:00, momento di preghiera comunitaria; alle ore 10:00, incontro con i ragazzi della scuola; alle ore 20:00, momenti di preghiera con i giovani. Venerdì 28 settembre, alle ore 9:00, momento di preghiera comunitaria; alle ore 10:00, incontro con i ragazzi della scuola; alle ore 19:00, concelebrazione Eucaristica presieduta da Sua Ecc.za Mons. Lucio Lemmo, Vescovo Ausiliare di Napoli. Domenica 14 ottobre 2018 si tiene il pellegrinaggio a Roma in Piazza San Pietro per partecipare alla Canonizzazione del Beato Vincenzo Romano.

Vota questo articolo
(0 Voti)

È tutto pronto per la prima della commedia dei “Nuovi Teatranti - Ma chi c’o ffa fa’”. Dopo il grande successo dello scorso spettacolo “O ricco fa chello che vo’, ‘o pezzente fa chello che po’” la compagnia è scesa in teatro con una nuova commedia in 3 atti: “‘O miedeco d’e pazzi”. Il gruppo teatrante nasce circa 12 anni fa da un gruppo di amici che, per gioco e diletto, inizia a recitare commedie ironiche ma con valori profondi. Ricca di colpi di scena e simpatia, “‘O miedeco d’e pazzi” racconta le stravaganti avventure di Alberto Sciosciammocca, un giovane di paese che va a Napoli per intraprendere gli studi universitari. In questa nuova città e con un altro stile di vita, il giovane si lascia rapire dalla vita mondana e per mantenersi gli studi, ha bisogno dell’aiuto di alcuni parenti che vivono in paese e... ne vedrete delle belle! La compagnia vede sul palcoscenico 20 attori, sarà una commedia esilarante che trascinerà il pubblico in mondo tutto matto intersecato da follia, tante risate e riflessioni. Tutti al teatro San Pietro di Scafati quindi, il 6 (ore 20:30) e 7 ottobre (ore 18:30).

Vota questo articolo
(0 Voti)

È un bilancio positivo, quello stilato dalla SMA, al termine della campagna antincendio boschivo della regione Campania. Dopo la forte situazione di calamità ed emergenza, registratasi durante l’estate del 2017, quest’anno su tutto il territorio nel mese di luglio, si sono avute 214 segnalazioni di incendio, di cui 180 reali (a luglio 2017 gli eventi furono 1189); mentre nel mese di agosto le segnalazioni sono state 260, di cui 153 reali (ad agosto 2017 gli eventi furono 1542). Senza dubbio la maggiore piovosità, riscontratasi quest’estate, ha favorito la condizione di tranquillità verificatasi. Il contributo SMA Campania, sopperendo in alcuni casi alle emergenze organizzative degli altri enti, nelle attività di lotta attiva nei mesi di luglio e agosto 2018, è stato del 39,6% sul totale. Si ricordi che la SMA Campania S.p.A. è una società in house della Regione Campania, Con un’attività incentrata sulla prevenzione e sul contrasto degli incendi nelle aree boschive, sull risanamento ambientale, sul monitoraggio del territorio e sul riassetto idrogeologico.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Sorpresa, riaperta la SS 268 per Napoli

Mercoledì, 15 Agosto 2018 11:26 Scritto da

È stato ufficialmente aperto ieri sera il tratto di statale 268 del Vesuvio che obbligava l'uscita degli automobilisti vesuviani ad Ottaviano zon aindustriale per proseguire verso Napoli. Da ieri infatti, seppur ad una sola carreggiata, la statale 268 del Vesuvio consente il collegamento diretto da e verso Napoli. Una bella notizia per i residenti nell'area vesuviana che potranno, dopo mesi di disagio, raggiungere il capoluogo partenopeo senza dover impattare con interruzioni di tragitto. Entro fine anno, assicurano da Anas , i lavori saranno ultimati anche in direzione Angri con la relativa immissione sull'autostrada A3 Napoli - Pompei -Salerno.

Vota questo articolo
(0 Voti)

E' accaduto lo scorso 28 luglio, davanti al Castello Maschio Angioino. Una coppia emiliana, di ritorno da una vacanza ad Ischia, aveva deciso di visitare la Piazza Municipio prospicente la stazione marittima. Durante la passeggiata, la donna è stata avvicinata da un giovane uomo e derubata di una catenina d'oro al collo. Il malvivente ha cominciato a fuggire verso via Vittorio Emanuele, rincorso dal marito della donna. La furia dello scippatore non ha avuto tregua: una volta raggiunto, anziché arrendersi, non ha esitato a sferrare calci e pugni contro l'uomo. La situazione sarebbe sicuramente degenerata se non fosse stato nei paraggi un poliziotto, in forza al IV Reparto Mobile di Napoli che, libero dal servizio, è sceso dalla sua autovettura in aiuto della vittima. Nel senso opposto di marcia, un altro poliziotto  in servizio presso il medesimo reparto mobile, è sceso dall’auto di servizio, ha attraversato la strada per aiutare il collega. Entrambi hanno rincorso il malvivente che nel frattempo era riuscito a sottrarsi alla presa del marito della vittima, bloccandolo definitivamente, in Piazza Municipio. Lo scippatore, S.I, trentenne napoletano, è stato arrestato per lo scippo ed indagato per lesioni  personali dolose nei confronti del marito della vittima.