Al Museo del Sottosuolo di Napoli la Mostra d'arte Subterranea

Mercoledì, 28 Novembre 2018 13:30 Scritto da  Pubblicato in Cultura Letto 51 volte
Dopo il successo di inizio novembre la rassegna di arti visive e performative Subterranea, ideata e diretta da Vanna Veglia, ritorna ad animare le profondità del Museo del sottosuolo di Napoli con il suo secondo appuntamento, ricco di novità e carico di emozioni, in programma venerdì 30 Novembre a partire dalle ore 19. Numerose le adesioni alla chiamata alle arti, sempre aperta e senza scadenze, che anche questa volta ha raccolto interessanti progetti: Introspezione, coscienza individuale e sociale, legame con le proprie radici, solidarietà, riscatto sociale, sono alcune delle personali interpretazioni proposte dagli artisti per questo nuovo viaggio nel profondo della terra, che attraverso l’arte condurrà il pubblico nel profondo dell’animo umano. Questa cooperazione in continua trasformazione permette al pubblico di vivere un'esperienza sempre nuova, unica e coinvolgente, che affianca al fascino dell’atto e del processo creativo l'esposizione delle opere realizzate. La mostra d'arte Subterranea, vero e proprio festival delle arti visive e performative, ritorna venerdì 30 novembre al Museo del Sottosuolo di Napoli, i partecipanti sono stati suddivisi in due sezioni: per le arti visive e arti performative. Il gruppo di musica elettronica, The Key, composto da Livia Bertè e Giuseppe Bellotta, offrirà ai presenti le sue particolari sonorità che sposano le melodie della tradizione celtica con contaminazioni provenienti dal rock melodico. Monica Balzano, tatuatrice e body painter, sorprenderà con una nuova straordinaria performance di bodypainting adoperando il corpo come forma d'espressione. Luigi Davino, giovane street artist napoletano, incanterà i presenti con la sua writing performance, realizzando dal vivo un murale pensato per questa iniziativa e ispirato alla location. Il gruppo Vandalia porterà nelle immense sale del museo una performance vocale basata sull’improvvisazione e sulla spontaneità. In programma in una delle sale la proiezione di un interessante documentario sulla musica emergente e underground partenopea: Na Wave, scritto, prodotto e diretto da Salvatore De Chiara, e con Giuseppe Pettinati, Mariano. Infine Albachiara De Lucia e Lucia Molino dell’associazione Arti terapeutiche Napoli presenteranno in Profondià, progetto di Arti terapie in collaborazione con il Museo del sottosuolo, di cui sarà esposto il programma in occasione di SubTerranea.