"Caccia agli invisibili" così la DIA annientó la camorra

Scritto da  Redazione Pubblicato in Cultura Letto 137 volte

La prestigiosa sede del museo archeologico territoriale di Terzigno (MATT) ha fatto da cornice alla presentazione del libro "Caccia agli invisibili". Un romanzo nato dal sinergico rapporto tra la penna di Francesco Romeo e la felice intuizione del sostituto commissario Carmine Gatti, nonché presidente dell'Associazione "Insieme tra la gente", libro già insignito della fondazione Antonio Caponnetto quale "libro anomalo". La presentazione- evento voluta dal primo cittadino Francesco Ranieri è stata organizzata grazie al fattivo contributo del presidente del consiglio comunale di Terzigno Giuseppe De Simone. "Abbiamo colto l'occasione quando, nelle settimane scorse, Carmine Gatti ci prospettó l'opportunità di organizzare questo evento che ha la duplice valenza - ha dichiarato il sindaco Ranieri-, da un lato si favoriva la crescita culturale e contestualmente si seminavank valori fondanti come la legalità in una struttura simbolo della memoria vesuviana quale è il MATT. Per questo abbiamo colto favorevolmente la proposta di Gatti". Gli fa da eco il presidente del consiglio comunale : "Abbiamo inteso proseguire il percorso per favorire la cultura della legalità che stiamo portando avanti con eventi del genere - precisa Giuseppe De Simone - questo appuntamento ha rappresentato un'occasione unica per poter mettere a confronto uomini e donne dello Stato impegnati in prima linea. "Deve essere motivo di orgoglio per la nostra realtà aver accolto personalità di altissimo profilo con le quali si sono trattati argomenti legati alla giustizia ed alla legalità - sottolinea il consigliere Tina Ambrosio". Sull'argomento è intervenuta anche l'assessore alla cultura Genny Falciano: "È una giornata importante per la nostra Terzigno, in questo luogo dove si conserva la nostra memoria, conserviamo anche questo evento e la viva voce di chi ha sacrificato e sacrifica la propria esistenza, affinché la legalità non sia un concetto astratto ma una tangibile priorità delle libere istituzioni". Molto apprezzati gli interventi, degli autori Francesco Romeo e Carmine Gatti che hanno illustrato la genesi di questo volume in cui si riscrivono gli anni bui della guerra tra i clan camorristici e la nascita della Direzione Investigativa Antimafia al fine di arginare l'escalation di violenza. Anni di guerre di quartiere e di migliaia di vittime lasciate sul campo per affermare l'egemonia camorristica nei territori vesuviani. Presente il capo della DIA Dott. Lucio Vasaturo che ha evidenziato l'utilità del lavoro sinergico Interforze tra l'intelligence delle Polizie ad ordinamento civile e militare e quanto lungimirante sia stata l'intuizione di Falcone. Ha lasciato attoniti gli astanti l'intervento del dirigente dello S. C. O Dott. Alfredo Fabbrocini, terzignese d'origine ancora legato a questa terra. Fuori dal coro l'intervento del presidente dell'ordine degli avvocati di Nola Avv.to Domenico Visone il quale, ha ricordato che gli anni difficili della lotta tra clan tolse di fatto serenità alla sua generazione. Il Procuratore aggiunto Dott.ssa Di Monte ha evidenziato quanto prezioso e difficile sia il lavoro degli uomini della DIA e quanti sacrifici si nascondono per portare al termine una missione alla ricerca di pericolosi latitanti. Dalla Di Monte una domanda provocatoria tesa a fronteggiare il muro dell'omertà :"come hanno fatto per anni i boss dell'area vesuviana a nascondersi facilmente senza che nessuno si accorgesse mai di nulla?" In chiusura l'intervento dell'assessore Alfredo Ranieri che ha interpretato un brano del romanzo dedicato all'omicidio del giornalista Giancarlo Siano. Serata ricchi di spunti da parte di uomini dello Stato presenti in sala come l'ex questore di La Spezia Francesco Di Ruberto e gli angeli in divisa Nello Odierna e Raffaele Gragnaniello i quali, unanimemente, hanno criticato gli scritti di Roberto Saviano. Un evento che difficilmente verrà cancellato dalla memoria dei terzignesi grazie anche alle capacità oratoriali del moderatore Genny Galantuomo che ha sapientemente coordinato la serata.