Sport

Sport (11)

Integer suscipit accumsan sapien eu scelerisque. Suspendisse est turpis, tempor sed sagittis sed, ullamcorper sed velit. Cras at tortor nec est facilisis pharetra.

Diego Armando Maradona a pochi giorni dal suo 60' compleanno sarà costretto a ricorrere ad un delicato intervento chirurgico al cervello per la rimozione di un ematoma. Secondo un quotidiano argentino, infatti, il pibe de oro a causa di una caduta avrebbe riportato un trauma alla testa con successivo ematoma. L'intervento si è reso necessario perché Maradona nelle ultime ore aveva avvertito forti mal di testa. Tutti i tifosi del Napoli sono in apprensione per l'indimenticato numero 10. La società azzurra ha anche lanciato un hastag #FuerzaDiego per sostenere dimostrare vicinanza a Maradona. 

In un'epoca in cui il mondo del calcio si è dotato delle più sofisticate tecnologie per limitare gli errori arbitrali una storia, al limite dell'incredibile, arriva dalla Campania! Non bastano più la VAR e la gol line technology per stabilire realmente se un gol sia valido e se, grazie ai computer, l'andamento di una gara (con il corrispondente risultato finale) sia quello giusto. Perché la storia che si è consumata domenica scorsa sui campi della Campania è destinata ad entrare nel guinners dei primati. Ad Ottaviano domenica scorsa si è giocata la partita Terzigno - Sant'Antonio Abate (federalmente i vesuviani sono la Edilmer Cardito) i Rossoneri hanno meritatamente vinto sul campo 2-0 al termine di una partita tutto sommato regolare e, ad onor del vero, gestita anche bene dal direttore di gara Mario Petrone di Caserta. Ieri però, alla lettura del comunicato ufficiale del Comitato regionale campano è arrivata una brutta sorpresa per i tifosi Rossoneri. Il Giudice Sportivo, visto il reclamo della società Abatese non ha omologato il risultato sul campo! Motivo? Un grossolano errore del direttore di gara. Il signor Mario Petrone nel redigere il verbale di gara ha erroneamente riportato una sostituzione in più rispetto a quelle previste dal regolamento del gioco del calcio, 6 in luogo delle 5 autorizzate! Un mero errore di trascrizione che però è stato prontamente impugnato dal Sant'Antonio Abate per chiedere la vittoria a tavolino. Il Terzigno ovviamente, farà valere le proprie ragioni forte anche del fatto che la gara è stata ripresa in diretta dal "Vesuviano TV" e trasmessa anche dall'emittente regionale Italiamia canale 274. Dalle immagini è evidente che l'errore riportato dall'arbitro è di errata trascrizione. L'auspicio infatti è che ora il giudice sportivo chieda all'arbitro Petrone un supplemento al referto della partita e che soprattutto restituisca credibilità alla classe arbitrale.
Lunedì, 26 Ottobre 2020 08:24

Il Terzigno vince e vola in vetta

Scritto da

Ottaviano. Con il più classico dei risultati all'inglese il Terzigno di Mr. Vivace regola i conti con un Sant'Antonio Abate volitivo ma inconcludente. La gara, disputata sul neutro di Ottaviano, è stata l'unica preservata dai protocolli sanitari anti covid 19 del girone D, le altre gare del girone sono state infatti, rinviate a data da destinarsi (Conte permettendo). I Rossoneri erano chiamati ad una pronta risposta dopo il passo falso di Massalubrense, contro un avversario arcigno e ben messo in campo dal tecnico D'Aniello. Di fronte anche due bomber di razza:Balzano per i rossoneri compete la classifica marcatori al bulldozer Martone. Neanche il tempo di accomodarsi in tribuna che i rossoneri passano in vantaggio. Azione insistita dei rossoneri con Auriemma che dal limite dal limite dell'area lascia partire un tiro tutt'altro che irresistibile, l'estremo difensore ospite Panariello respinge corto e per l'astuto Sepe è un gioco da ragazzi mettere nel sacco a pochi metri dalla porta. Sono appena passati 4 minuti ed il Terzigno è in vantaggio. Il Sant'Antonio Abate cerca di riorganizzarsi e trova negli uomini di esperienze con Cerchia e Romano dei sicuri punti di riferimento per cercare di servire palloni utili all'ariete Martone. I rossoneri trovano un Ugramin e Ceparano due baluardi insormontabili bravi ad anticipare le giocate degli avversari e mettere al sicuro Menzione. Il Terzigno arretra il baricentro e lascia metri agli ospiti. Romano, Paolino e Scognamiglio tessono trame di gioco che puntualmente, un pittbull di nome Aufiero, spezza con le buone o con le cattive maniere. Al 17' ci prova Martone di testa ma la palla termina fuori. Al 25' punizione dal limite battuta da Romano con la palla che sorvola di pochissimo la traversa con Menzione fuori causa. Pochi minuti dopo il talentuoso centrocampista giallorosso Romano è costretto a lasciare il campo per infortunio e per il Sant'Antonio Abate si spegne la luce. Al suo posto Paolino Francesco. Al 32' arriva il raddoppio dei rossoneri:azione insistita sulla sinistra di Casillo e Sepe, cross al centro dell'area per il bomber Balzano che approfitta dell'errore in marcatura, stoppa di petto e trafigge l'incolpevole Panariello. 2-0 e palla al centro. Nella ripresa il liet motiv della gara non cambia, Terzigno attendista e cinico si arrocca a difesa della trequarti per sfruttare le ripartenze degli esterni con Balzano come punto di riferimento nel terminale di attacco. Gli uomini di D'Aniello macinano gioco e gestiscono l'iniziativa ma a tanta buona volontà non corrispondono altrettante azioni gol. Martone riceve pochi cross e palloni utili anche perché Esposito e Ferrara arginano diligentemente i tentativi di Celotto e Di Nola. Solo nel finale si registrano due azioni degne di nota. Al 30' è Scognamiglio ad impensierire Menzione ed al 37' sempre Scognamiglio su punizione dal limite centra il palo. Il Terzigno si difende bene e senza grossi affini ed al 40' in contropiede potrebbe mettere a segno il gol del 3-0. Giocata veloce tra Casillo ed Arianna con quest'ultimo che serve di prima intenzione Balzano, il bomber rossonero calcia da ottima posizione ma il pallone termina di poco a lato. La gara, in pratica, finisce qui con i rossoneri che grazie a questa vittoria si portano in vetta alla classifica del girone D in attesa della ripresa del campionato. Da sottolineare la buona direzione di gara dell'arbitro Petrone di Caserta.

TABELLINO:

Terzigno 1964: Menzione 6,5 Esposito 7 Ferrara 7 Liberti 6,5 Ugramin 7 Ceparano 6,5 Sepe 7 (15' st Nunziata) Aufiero 7 (30' st Gentile) Balzano 7 (48' st Avino) Arianna 7 (47'st Muntariello) Casillo 6,5 (42' st Liccardo). A disp: Prisco, Cipolletta, Romano. All. Vivace 6,5

Sant'Antonio Abate: Panariello 5 Fortunato 5,5 (23' st Abbagnale) Celotto 6 Scala 6 Montuori 6 (40 st Galasso) Chierchia 5,5 Romano 6 (30'pt Paolino F) Paolino 6 Martone 5,5 Scognamiglio 6 Di Nola 5,5 (15' st D'Aniello. A disp: D'ambrosio, Longobardi, Russo.

Arbitro:Petrone di Caserta 6

Reti: 4'pt Sepe, 32' pt Balzano

Note: gara giocata sul neutro di Ottaviano. Ammoniti :Ugramin, Sepe, Aufiero, Martone, Montuori e D'Aniello. Angoli 5 per parte. Min di recupero 2 e 4

Martedì, 14 Aprile 2020 18:32

È morto il giornalista Franco Lauro

Scritto da

Il noto giornalista sportivo Franco Lauro è morto nel pomeriggio a Roma. Secondo le prime notizie il 59enne conduttore sportivo sarebbe stato colto da un malore improvviso al quale non è sopravvissuto. Il mondo dello sport perde un importante narratore italiano, il quale ha prestato la sua voce per 28 anni di servizio, sempre con la professionalità che lo caratterizzava: il personale medico è intervenuto prontamente, ma non ha potuto fare altro che constatarne il decesso.

Continua la marcia verso la vetta dei rossoneri, il mezzo passo falso nell'ultimo turno contro un coriaceo Marzano non pregiudica gli obiettivi stagionali del team Vesuviano. Allo stadio Vecchione, su un terreno di gioco ai limiti della praticabilità, si sono gagliardamente affrontate Atletico Marzano e Terzigno, in un incontro intenso e combattuto sin dalle prime fasi di gioco. Gli uomini di mister Celestino Bufalo sono scesi in campo privi della coppia titolare d’attacco, per le contemporanee defezioni di Pelagione, stiramento ad una coscia, e per lo sfortunato Ciccio Beato( stagione finita?), seri guai al ginocchio destro per un infortunio patito mercoledì scorso in Coppa Campania contro la Royal Acerrana, e sono stati costretti anche a rinunciare nel primo tempo ad Aprea, sostituito dal giovane e possente D’Apice. Nonostante questi problemi, i rossoneri hanno subito assunto le redini del gioco e sono stati più pericolosi dei loro avversari, che si sono solo distinti per alcune confuse azioni di mischia nell’area di rigore avversaria. Primo tempo scarno di grosse note tranne che per una palla-gol , quasi allo scoccare del duplice fischio arbitrale, con il solito Palumbo che non centrava la rete avversaria, a tu per tu con l’estremo difensore biancoverde, per un falso rimbalzo del pallone sul terreno, poco “battuto” per la verità, dell’impianto sportivo marzanese. Nella ripresa, su angolo, il difensore centrale vesuviano Santaniello colpisce di testa la traversa, a portiere battuto; subito dopo, Luca Palumbo centra il palo interno con una magnifica punizione calciata dal limite. Finisce in 10 all’85’ il Marzano per l’espulsione di uno dei suoi. Proprio allo scadere delle ostilità uno strepitoso intervento del portiere biancoverde, nega una meritata vittoria agli ospiti, respingendo una conclusione del fantasista terzignese Palumbo, strozzandogli l’eventuale urlo di gioia in gola. Un’occasione sprecata per il Terzigno che, non conquistando l’intera posta in palio, lascia il primo posto all’Abellinum.

Sabato, 02 Febbraio 2019 22:39

Napoli, Hamsik ceduto in Cina?

Scritto da

Marek Hamisk ai saluti? Sembrerebbe proprio di si,stando alle ultime voci di mercato il capitano azzurro, alle falde del Vesuvio dal 2007 avrebbe accettato l'offerta del Dalian Yafang, societá cinese che ha offerto 25 milioni di euro per il cartellino del numero 17 partenopeo. Allo slovacco un contratto faraonico da 9 milioni di euro all'anno. La definizione del contratto entro la giornata di lunedi. Quella di oggi potrebbe essere stata l'ultima partita in azzuro di marechiaro. I tifosi sperano in una smentita della notizia.

La Juventus supera facilmente il turno di coppa Italia con il classico 0-2 sul Bologna di Inzaghi. Una rete per tempo, entrambi con la complicità della retroguardia felsinea, consentono agli uomini di Massimo Allegri di proseguire il cammino nella manifestazione tricolore. È prima Bernardeschi, in apertura di gara a sfruttare il pasticcio difensivo rossoblu ed a portare in vantaggio i bianconeri. Nella ripresa la seconda marcatura di Kean che risolve in mischia con un preciso tiro all’angolo di Da Costa. Proprio in occasione del goldi Kean i cronisti della Rai hanno sottolineato, come, dalle tribune si udivano cori a sfondo razziale. La tifoseria bolognese ha prontamente risposto specificando che i cori erano di sfottô contro tutti i giocatori dellla squadra ospite. I tifosi organizzati hanno poi diffuso una nota ripresa da ‘il Resto del Carlino” . Come riportato erroneamente da alcuni media, gli “uuuu” rivolti a Moise Kean, giovane attaccante della Juventus, autore della prima occasione da rete del match, sono stati poi estesi a tutti gli altri bianconeri in campo, di qualsiasi etnia o colore della pelle; a tal proposito è intervenuto il Centro Bologna Clubs, che coordina i vari gruppi organizzati di fede rossoblù, per chiarire meglio la vicenda che ha riguardato da vicino la curva del Bologna ieri sera: “Facendo riferimento a quanto riportato in sede di telecronaca Rai, scritto dai maggiori quotidiani e dai vari siti specializzati circa gli ululati razzisti partiti dai tifosi del Bologna all'indirizzo del giocatore della squadra ospite Moise Kean, il Centro Bologna Clubs, vista l'infondatezza di quanto accusato (gli "uuuuu", erano semplici sfottò all'indirizzo dei tifosi ospiti che accompagnavano ogni azione offensiva della propria squadra con lo stesso "verso"), chiede una immediata smentita da parte degli organi di informazione di cui sopra. Inoltre invita la società Bologna Football Club 1909 a promuovere, nelle sedi preposte, qualsiasi iniziativa volta alla difesa dell'immagine civile della propria tifoseria nonché del buon nome della città intera”.

In occasione del prossimo Campionato del Mondo di Calcio che si svolgerà in Russia CRIF Ratings ha realizzato uno studio volto ad individuare quali dei team partecipanti ha più probabilità di vincere il torneo in base anche a variabili macroeconomiche e finanziarie del Paese di provenienza. In base a questi parametri, le nazionali di Francia Belgio e Svizzera hanno le maggiori probabilità di risultare vincenti. La classifica che restituisce lo studio può sembrare paradossale e contrasta con le previsioni dei bookmaker che vedono la Germania, campione in carica, ed il Brasile come i principali candidati al titolo mondiale. L’analisi è stata condotta con la combinazione di quattro variabili principali: l’attuale ranking FIFA della squadra, l’età media dei giocatori che la compongono, il ranking di ciascun paese su base PIL pro capite ed il tasso di crescita medio del PIL nell’ultimo decennio. Queste variabili, osservate su una serie storica dei campionati del Mondo disputati dal 1982 in poi, sono la base di riferimento del CRIF World Cup Score. Sulla scala, compresa tra zero e 100, sono state misurate tutte le squadre che prenderanno parte al Mondiale 2018, assegnando un valore più alto a quelle con maggiori possibilità di vincere la competizione. Sui 100 punti conseguibili, Francia e Belgio ottengono 90 punti ciascuno, seguiti dalla Svizzera al terzo posto con 75. Nell’impostazione dell’analisi CRIF Ratings ha soppesato le variabili sportive rispetto a quelle di natura economica assegnando ai fini del calcolo del CRIF World Cup Score un peso del 75% alle variabili di natura sportiva quali il ranking FIFA (37,5%) e l’età media della squadra (37,5%), e il 25% inerente alle variabili economiche, rispettivamente nella misura del 15% al PIL pro capite e del 10% al tasso di crescita del PIL nel decennio precedente. L’esercizio condotto da CRIF Ratings presenta i limiti tipici dell’analisi statistica e quelli di razionalizzare uno sport come il calcio, cercando di anticipare il nome del prossimo Campione del Mondo. Ciononostante, riteniamo che l’esito del prossimo seguitissimo evento sportivo, osservato sotto la lente macroeconomico-finanziaria, offra una lettura del Campionato del Mondo da una prospettiva molto diversa.
Mercoledì, 07 Febbraio 2018 10:33

A Milano una "casa" del Napoli

Scritto da
L’emozione della gioia non è mai un’emozione pura, ma è sempre turbata da un oscuro timore di perderla: nel momento in cui stringiamo in mano l’oggetto agognato, ne percepiamo la precarietà e la transitorietà. La gioia è infatti è molto friabile, impalpabile, delicata: si effonde facilmente, ma altrettanto facilmente può vanificarsi’’. Pensieri e parole di Lucrezio, che ben descrivono il significato di gioia, un sentimento e un’emozione piacevole di alta intensità che proviamo quando crediamo in un qualcosa di importante che – con il passare del tempo- riesce a render i nostri sogni meno virtuali e più reali. Realtà: è la situazione tangibile che stanno vivendo i tifosi del Napoli in tutta l’Italia. Una squadra che –indipendentemente- dalla conquista dello Scudetto, da molti anni è posizionata ai vertici del calcio nazionale con notevole visibilità anche in Europa per effetto delle continue partecipazioni alle Coppe del Vecchio Continente. Restare accanto alla propria squadra del cuore e vivere in simbiosi con buona parte della tifoseria azzurra è possibile anche a Milano. Dal mare trasparente di Mergellina ed il cielo azzurro della città partenopea alla fredda città meneghina il passaggio è breve ed i tanti supporter del Napoli hanno trovato da tempo una confortevole collocazione: una CASA. CASA NAPOLI: Ogni martedì alle h 21:30 sarà come entrare in una casa di un tifoso napoletano. La domus di chi tifa con molta passione Napoli accoglie gentilmente gli ospiti. Studio caloroso e aperto a tutti grazie ai social sui quali le persone possono inviare messaggi, articoli, domande da porre a chi è in studio. In diretta ci saranno anche di volta in volta i rappresentanti di tutti i club Napoli presenti in Lombardia. La trasmissione ideata da Pietro Maiello e condotta magistralmente da Marika Fruscio sta ottenendo consensi e grandi indici di ascolto sul canale Sky 903 e sul DGT Campania Telenuova canale 85.
Domenica, 21 Maggio 2017 12:03

Una capanna e 50mila cuori azzurri

Scritto da
Napoli ci crede! Crede che la strada intrapresa dal club azzurro possa, in un prossimo futuro, portare allo Scudetto. ‘’Il Napoli è la squadra più forte che ho affrontato in tutta la mia carriera”: ad affermarlo è Paulo Sousa, allenatore della Fiorentina, dopo la netta sconfitta subita dalla squadra viola al San Paolo contro la compagine azzurra. Il tecnico portoghese, dimostrando una sportività non comune tra gli addetti ai lavori del calcio italiano, non ha addotto alcuna scusante alla gara condotta dai suoi uomini, ma ha voluto rivolgere un sincero, obiettivo e disinteressato apprezzamento al lavoro del suo collega Maurizio Sarri che continua a raccogliere consensi in Italia ed in Europa. Riconoscimenti che azzerano le pretestuose critiche rivolte al tecnico toscano anche da parte di alcuni opinionisti che, in mancanza di argomentazioni valide, si appellano al suo carattere e ad un qualsivoglia aspetto inerente al suo ‘’credo calcistico’’. Napoli, 50mila cuori azzurri ed una ‘capanna’. Il Napoli sta incuriosendo il Mondo intero per il magnifico e produttivo gioco che sviluppa. Solo una grande Juventus, che sta battendo ogni record della storia del calcio italiano, ha impedito al club azzurro di conseguire uno o più trofei. La metafora dei “due cuori e una capanna” si può ampliare ed espanderla a tutto il magnifico popolo napoletano ed, essendo un’espressione che descrive una situazione in cui l’amore ha il potere di ovviare anche a transitorie situazioni di carattere economico soccombenti a circostanze non volute dalla propria volontà, si potrebbe affermare: 50mila cuori azzurri ed una capanna. La capanna è lo stadio San Paolo, teatro di epiche gesta -nei vari anni della storia del Napoli- da parte di attori protagonisti di magnifiche rappresentazioni eseguite nello scenario dell’impianto flegreo. Napoli ha capito che la squadra rappresentante la città partenopea sta deliziando i palati fini del mondo del pallone e si sta ponendo sotto i riflettori internazionali essendo assurta tra i club con maggiore visibilità nel vecchio continente. Napoli ci crede! Crede che la strada intrapresa dal club azzurro possa -in un prossimo futuro- ricompensare il popolo partenopeo, per le tante pregresse delusioni, con il completamento del riconoscimento ottenuto dalla compagine di Sarri, ovvero con il raggiungimento del tanto agognato Scudetto.