Vota questo articolo
(1 Vota)
È ancora sotto torchio il giovane nato in Italia da padre tunisino e madre italiana che, secondo gli inquirenti la scorsa notte avrebbe massacrato di botte il bambino di 7 anni (figlio dell'attuale compagna) fino ad ammazzarlo. La sorellina, ricoverata al Santobono di Napoli, è ancora sotto choc e porta sul viso il segno tangibile della furia scatenata dall'uomo. Secondo le prime indiscrezioni la bambina avrebbe riferito di essere stata picchiata per gelosia. Nel frattempo continua l'interrogatorio dell'uomo e della sua compagna.
Vota questo articolo
(0 Voti)

Napoli, bomba contro la storica pizzeria Sorbillo

Mercoledì, 16 Gennaio 2019 08:16 Scritto da

Un boato nel cuore della notte ha squarciato il sonno dei napoletani di via Tribunali. Nel mirino degli attentatori,  ancora una volta, la sede della storica pizzeria di Gino Sorbillo. Giá cinque anni fa il locale venne preso di mira dalla malavita che lo distrusse con un raid incendiario. Per la seconda volta Gino Sorbillo si ritrova di fronte la stessa scena di distruzione per non essersi piegato alle logiche repressive di un metodo, quello camorristico, che sovente ricorre a queste pratiche per intimidire obiettivi riottosi.

Vota questo articolo
(1 Vota)
Ancora in fiamme le due autovetture coinvolte nell'incidente sulla panoramica terzignese, non a caso denominata "la strada della morte". In base ai dati riferiti da alcuni passanti l'impatto è avvenuto tra una Fiat 500X e un Audi A1 delle quali non si è specificato il colore. La fiat 500, forse per la troppa velocità, si è ribaltata invadendo la corsia di marcia opposta scaraventandosi contro l'Audi A1. Illesi i proprietari delle auto che prontamente si sono messi in salvo allontanandosi dagli abitacoli che pian piano sono stati inondati dalle fiamme. Si attendono i soccorritori e le forze dell'ordine per stabilire con esattezza da dinamica dell'incidente.
Vota questo articolo
(1 Vota)

Gli agenti del commissariato di Poggioreale hanno arrestato A.A., napoletano di 25 anni, responsabile dei reati di detenzione di TLE e munizionamento da guerra. Ieri pomeriggio in via della Bussola i poliziotti hanno visto due persone allontanarsi da una Smart per poi entrare velocemente in uno stabile. Uno di loro, resosi irreperibile, aveva nelle mani due sacchi neri. Gli agenti hanno bloccato invece A., che aveva le chiavi dell’auto all’interno della quale gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato tre buste nere contenenti diversi chili di sigarette di contrabbando. Quindi è stato controllato l’intero edificio e sono state rinvenute nella tromba dell’ascensore, precisamente sul tetto della cabina, altre due buste di sigarette ed una scatola con 50 cartucce cal. 9. Le sigarette (circa 30 kg) e le cartucce sono state sequestrate, mentre l’uomo è stato condotto presso la Casa Circondariale di Poggioreale.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Ponte di Genova, morti 4 giovani di Torre del Greco

Mercoledì, 15 Agosto 2018 13:05 Scritto da

Cullavano un sogno, quello di vivere una vacanza all'insegna del divertimento tra la Costa azzurra e Barcellona ed invece, per una pura fatalitá hanno trovato la morte nella tragedia di Genova. Sono quattro i ragazzi di Torre del Greco, che stanotte sono stati ritrovati dai vigili del fuoco fra le macerie del ponte Morandi di Genova. Si tratta di Matteo Bertonati, Giovanni Battiloro, Gerardo Esposito e Antonio Stanzione, tutti poco più che ventenni, e ieri alle 11.50 si sono trovatil posto sbagliato nel momento sbagliato. I parenti delle vittime sono in viaggio verso il capoluogo ligure straziati dal dolore.