La pandemia ha inciso pesantemente in tutti i settori e l'ultimo anno ha generato una crisi senza precedenti a causa dei divieti. Ora si intravede la luce in fondo al tunnel, così come affermato dallo stesso premier Draghi, tuttavia esiste un mondo legato agli eventi e alle cerimonie rimasto ancora senza certezze. È arrivato ieri, infatti, un durissimo comunicato dei rappresentanti di categoria, i quali minacciano una vera e propria class action se non ci saranno date certe sulle riapertura alle cerimonie ed eventi come ad esempio sono i matrimoni. Eventi intorno ai quali gira un indotto che vede impegnati fotografi, wedding planner, strutture alberghiere e ristorazione. Ecco perché adesso battono i pugni sul tavolo. Fermi per decreto da oltre un anno, ignorati dal nuovo governo, che riesce nell’impresa eroica di ignorare le esigenze del nostro settore più di quanto fatto dal governo Conte. La bozza del decreto sulle riaperture pare infatti non contenere nessuna data per la ripresa di matrimoni e degli eventi privati. Ricordiamo al governo che le nostre attività – che fino al 2019 davano lavoro a circa mezzo milione di persone – richiedono programmazione: non avere già oggi una data certa mette in grande difficoltà le nostre attività e le decine di migliaia di coppie di sposi, gran parte delle quali giunta al terzo o quarto rinvio. La Conferenza delle Regioni ha ricevuto il protocollo sanitario predisposto da Assoeventi e condiviso da Afvp e altre associazioni, e avallato dal notoriamente cauto assessore regionale alla Salute della Regione Puglia Pierluigi Lopalco: il governo la prenda in considerazione non ponga voti pregiudiziali. Vogliamo sperare che quella che sta girando sia una bozza datata e soggetta a modifiche, tra cui una data certa e ragionevole per le cerimonie e le altre feste. Diversamente i 15mila operatori economici iscritti alle 15 associazioni che compongono Unanime sono pronti a sottoscrivere una class action per il risarcimento dei danni sofferti dagli operatori economici del settore Wedding ed eventi privati.Afvp ha proposto l'approvazione del protocollo anche alla regione Campania,non trovando opposizioni. L AFVP attenderà insieme alle associazioni impegnate nella campagna di ripartenza del settore wedding le decisioni del governo sul protocollo e ripartenza.Da fonti governative entro i primi di Maggio dovremmo avere una decisione per le riprese dei matrimoni ed eventi,seguendo il protocollo già presentato.Aspetteremo queste ultime decisioni,rispettando il lavoro degli onorevoli deputati del parlamento italiano e dei ministri tutti. Non tollereremo più oltre il suddetto periodo una non decisione sulla ripartenza del nostro settore.

In un anno scolastico fortemente segnato dalla pandemia e dall'obbligo delle lezioni a distanza, una buona notizia arriva dall'istituto Da Vinci di Poggiomarino. Grazie alle competenze di una brillante docente si è focalizzata l'attenzione su uno degli  elementi fondanti del ciclo vitale quale è l'acqua. Di seguito la descrizione del progetto.

Avete mai vissuto un'esperienza così bella? Una alla quale appena ci pensate vi viene da sorridere? Ecco in quest’anno così difficile, la nostra classe ha vissuto un'esperienza al di fuori dal comune, riuscendo a coniugare lo studio con la conoscenza di altre culture e l’approfondimento di quella italiana su una tematica particolarmente complessa: L’acqua. Scommetto che vi starete chiedendo come sia mai stato possibile,la risposta è semplice: il Progetto eTwinning, The water agents. Il progetto ci ha impegnati nelle più svariate attività con intrecci tra le diverse discipline, matematica, scienze naturali, inglese, storia, geografia, educazione civica e siamo riusciti a conquistare il brevetto dell’Onu Yunga Water. Abbiamo compreso veramente quanto siamo privilegiati ad avere l’acqua sul nostro pianeta e che dobbiamo imparare a non sprecarla; si è rivelato, per noi, una sorpresa poter arrivare a questo obiettivo con ragazzi di altri paesi: come la Francia, la Turchia, l’Ucraina e la Grecia. Grazie al completamento di varie attività, siamo riusciti a capire l’importanza dell’acqua e il ruolo vitale che gioca nelle nostre vite. Abbiamo incrementato le nostre conoscenze dal punto di vista principalmente scientifico e linguistico. Non basterebbe il breve spazio di un articolo per illustrare le svariate e diversificate attività svolte, citiamo ad esempio quella di calcolare la nostra impronta idrica; attività per noi particolarmente formativa e significativa perché ci ha fatto capire realmente quanta acqua sprechiamo ogni giorno. Un’altra attività a nostro parere stupenda, è stata “How much water is in your wardrobe?”, in quest’attività ci era stato chiesto di prendere i nostri capi d’abbigliamento preferiti, e successivamente scoprire quanta acqua è stata impiegata per realizzarlo. Sorpresa delle sorprese i risultati sono stati incredibilmente sbalorditivi. The water agents ci ha fatto capire che l’acqua non è necessaria solo alla vita domestica, ma è anche essenziale per ogni tipo di comodità. Il progetto inoltre ha consentito di vedere in altro modo la scuola, di metterci in gioco tutte le volte che veniva proposta una nuova attività con tanti obiettivi da raggiungere. Le sfide che sono state proposte hanno contribuito a migliorare le nostre competenze umane, relazionali, sociali, ma anche disciplinari. L’impegno e le energie spese sono state davvero tante ma ne è valsa la pena. Se vi fa piacere saperne di più collegatevi al sito web della nostra scuola dove vi è un apposito banner dedicato ad eTwinning.

Sta per scoppiare lo scandalo del mancato bonus per i collaboratori sportivi. Questa categoria di lavoratori completamente abbandonati al loro destino, nei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2021 avrebbero dovuto ricevere un bonus di 600 euro mensili . Emolumenti che sarebbero dovuti essere erogati a partire dall 8 aprile, dato che il 7 aprile la piattaforma digitale predisposta, ha chiuso i termini lasciando molti aventi titolo senza possibilità di poter segnalare la propria posizione, ma dopo qualche giorno di ritardo ed articoli apparsi su alcuni giornali che parlavano già di problemi con il MEF, per quanto riguarda le risorse a disposizione, è stato direttamente l'ente erogatore, Sport e Salute a rassicurare con un comunicato tutti coloro che attendono questo sostegno economico dopo mesi di stop forzato delle attività: "Tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima Sport e Salute S.p.A. riceverà dagli uffici competenti le risorse stabilite dal Decreto Sostegni per l’indennità ai Collaboratori Sportivi. Come è sempre successo per le precedenti erogazioni, nella stessa giornata in cui avrà in cassa le somme previste Sport e Salute effettuerà i pagamenti ai beneficiari." A sollevare la questione anche i parlamentari di Forza Italia che hanno prontamente evidenziato le discrepanze e falle di un sistema di erogazione dei benefici economici troppo poco trasparente e che, in molti casi, ha lasciato a bocca asciutta tanti aventi titolo solo per la mancata comunicazione di una mail. Un sistema burocratizzato che ha generato ulteriori problemi ai tanti tecnici, operatori sportivi, addetti alle palestre e piscine ai quali, si spera a breve venga riconosciuto quanto la legge, e non il Mef, ha sancito.

Pasquetta, chiusi gli accessi al Vesuvio

Lunedì, 05 Aprile 2021 11:51

Pasquetta in epoca covid con limitazioni negli spostamenti e soprattutto di tanti divieti  di accesso ai luoghi e parchi pubblici. In ottemperanza alle ordinanze regionali e dall'ultimo decreto del governo Draghi, anche nell'area vesuviana si sono attivati i vari sindaci per limitare l'accesso alla pineta del Vesuvio. A Terzigno dalle prime ore del mattino nuclei della polizia locale e della protezione civile stanno transennando le vie di accesso al parco del Vesuvio. Transenne in via Salvatore Emblema e su strade secondarie per evitare che la pasquetta possa rivelarsi fatale nella trasmissione dei contagi. Limitazioni di accesso al parco anche ad Ottaviano e negli altri comuni Vesuviani. Da domani nuove colorazioni per le regioni in base ai dati dell'istituto superiore della sanità relativi al contagio da Covid 19.

Ci sono storie di vita che, in un periodo di privazioni e tristezza in cui la morte aleggia, purtroppo, in ogni casa, rappresentano una sorta di riscatto sul tragico destino in epoca covid 19.Questa è una storia felice che dona speranza e luce verso un futuro in cui le nuove generazioni dovranno ricostruire una società anestetizzata da dpcm, ordinanze e divieti vari. La storia arriva da San Giuseppe Vesuviano, cittadina alle falde del Vesuvio, in cui batte il cuore forte di Francesca Pia, un batuffolo di tenerezza simbolo dell'amore per la vita, la fede e la tenacia di una coppia di sposi che mai hanno perso la speranza di poter vedere coronato il loro sogno: avere un figlio. Una attesa di 19 anni, tanto è il tempo che hanno aspettato per il lieto evento Peppe, 49 anni e Michela 47 anni, la coppia sangiuseppese protagonista di questa incredibile storia. Una gioia che sta rimbalzando in giro per l'area vesuviana tanto che sono stati affissi addirittura dei manifesti 6x3 in cui è riportata questa frase : "... Ti abbiamo atteso per 19 anni, alla fine le nostre preghiere, infine, sono state ascoltate". La fede incrollabile di questa gioiosa famiglia è ritratta in questo manifesto in cui la neonata Francesca Pia è sorridente con gli occhi splendenti verso un futuro di pace e riscatto per l'intera comunità. Ai familiari di Francesca Pia i nostri più affettuosi auguri.

Ricordate il maggiordomo Alfredo? Quel simpatico personaggio che conquistò in poco tempo l'ammirazione di tanti fans della soap opera un posto al sole? Dopo un periodo di pausa, il maggiordomo interpretato dall'attore vesuviano Mario Grazio Balzano tornerà sul piccolo schermo. In questi giorni, infatti, nelle incantevoli location partenopee si stanno registrando le nuove puntate della serie televisiva molto amata dal pubblico della terza rete. Una conferma della produzione RAI per Balzano che evidenzia, ancora una volta, quanto le capacità interpretative dell'attore vesuviano siano state particolarmente apprezzate dopo le prime apparizioni dell'estate scorsa. Le immagini di queste riprese, molto probabilmente, andranno in onda nella tarda primavera su RAI 3.

Con il repot aggiornato alle prime ore dell'8 gennaio sul sito del ministero della Salute è stata certificata la professionalità e la responsabilità del personale medico e sanitario della regione Campania. A fronte delle 67.020 dose di vaccino Covid 19 - assegnate dal commissario straordinario Domenico Arcuri - nella regione Campania ne sono già stati somministrati 40121 con un percentuale del 60%. Un dato che porta la Campania ad essere la prima regione d'Italia in numero percentuale di vaccinati. Numeri che dimostrano, ancora una volta, come nel settore sanitario, nonostante gli indiscriminati tagli ed i commissariamenti degli ultimi anni, come stia rispondendo il personale del comparto sanità. Un trand tuttavia, destinato a migliorarsi dopo le festività natalizie. Male invece il report  dei vaccinati in Lombardia, Calabria, Piemonte e Valle d'Aosta.

Sono iniziati questa mattina di buon ora le vaccinazioni anticovid in tutta Italia. Anche in Campania - l'Esercito Italiano - ha provveduto a consegnare alle strutture ospedaliere specializzate le dosi assegnate dal commissario straordinario Domenico Arcuri. L'ospedale del Mare ed il Cotugno tra le strutture nella provincia di Napoli presso le quali questa mattina i primi medici ed operatori sanitari si sono sottoposti al vaccino anticovid. Tra questi il dott. Vincenzo Sangiovanni, terzignese doc, ed in servizio presso l'ospedale Cotugno, vera eccellenza regionale nel contrasto della pandemia. Con un breve messaggio sul suo profilo facebook il medico vesuviano ha annunciato la sua decisione di vaccinarsi. Un gesto molto apprezzato dai suoi estimatori che hanno plaudito all'iniziativa. "Oggi finalmente è il vaccino day"- così ha scritto il dottor Sangiovanni sui social invitando indirettamente a sottoporsi alla vaccinazione per contrastare questa pandemia.

Pagina 1 di 23