Giungano, domani al via l'erasmus plus sport

Scritto da  Pubblicato in Salute Letto 464 volte
Sabato 13 gennaio 2018 alle ore 10,30 verrà presentato nell’aula Consiliare del Comune di Giungano il progetto Erasmus+ Sport : “ SPORT IS YOUR HEALTH, SPORT IS YOUR LIFE” Promotrice di questo progetto internazionale è l’AVIS Comunale di Giungano, associazione polo, presieduta da Ennio FRANCIA, che avrà tra l’altro anche il compito di coordinare e diffondere sia a livello nazionale che internazionale le varie attività . L’Avis di Giungano è stata l’unica associazione del genere in Italia ad aver avuto approvato un progetto ERASMUS PLUS SPORT. Per aggiornare in tempo reale riguardo alle iniziative intraprese si utilizzeranno anche i maggiori social ed è stato creato un sito europeo dedicato – www.avisgiunganoeurope.eu Le associazioni partner che affiancano l’AVIS di Giungano in questo progetto sono • L’Associazione bulgara “ The Change is you” Questa associazione vuole favorire l’integrazione e prevenire fenomeni come la criminalità giovanile, la dipendenza da droghe, la prostituzione o il razzismo, e • l’Associazione greca “Association of Paraplegics, Tetraplegics and Phisically Disabled of Kavala” che si prefigge impiego, educazione e riabilitazione delle persone disabili, per dare un senso e migliorare la loro quotidianità. Tale progetto promuove lo sviluppo delle competenze cognitive, metodologiche, sociali e relazionali attraverso lo sport, proponendo, quindi, lo sport come nuovo strumento per educare e formare la persona. L’AVIS di Giungano, con il Presidente Ennio FRANCIA è impegnata da sempre nel sociale, vuole favorire proprio la diffusione di concetti fondamentali che aiutino a garantire il benessere e la salute di chi dona; e, tra le altre cose, vuole promuovere lo sport, quale strumento formidabile per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, i tumori, l’obesità e tutte quelle malattie che non permetterebbero ad un donatore di poter essere definito sano. Il progetto persegue gli obiettivi delle politiche europee in materia di sport e gli obiettivi inseriti nella Carta Olimpica, sottolineando come lo sport sia un diritto di tutti, come ogni discriminazione rispetto la nazionalità, la razza, la religione, l’orientamento politico o qualsiasi altra forma di esclusione sia incompatibile con una pratica sportiva responsabile. Lo scopo è quello dell’aggregazione sportiva, intesa a pieno titolo anche come strumento di prevenzione del disagio giovanile e di una migliore qualità della vita. Vi saranno laboratori, conferenze, seminari e tantissime attività sportive che verranno svolte nei singoli paesi partner ( Italia, Bulgaria e Grecia) oltre a vari incontri internazionali in presenza per lo staff responsabile di progetto. L’Italia, la Bulgaria e la Grecia sono tra i paesi in cui si pratica meno attività fisica ed è attribuita scarsa importanza al valore dello sport quale mezzo per la prevenzione delle malattie e strumento di coesione sociale. Lo sport è uno straordinario garante di salute ed è un veicolo per la socializzazione, per favorire l’inclusione sociale, per accorciare le distanze tra le persone provenienti da ambiti lontani (geografici, culturali, religiosi). E’ per tale motivo che, col presente progetto, si intende promuovere l’educazione allo sport quale mezzo per favorire l’integrazione attraverso lo sport: l’integrazione è l’obiettivo; lo sport è il mezzo.