Vota questo articolo
(1 Vota)

Città Metropolitana di Napoli, presentate le liste

Mercoledì, 21 Settembre 2016 11:15 Scritto da

E’ scaduto ieri il termine di presentazione delle liste per l’elezione del Consiglio Metropolitano. Al dott. Meola, responsabile dell’Ufficio elettorale sono pervenute le seguenti liste: Forza Italia, Napoli Popolare, Noi Sud, Movimento 5 Stelle, Lista Con De Magistris e Partito Democratico. Diversi i candidati dell’area vesuviana, tra cui il primo cittadino di Palma Campania Vincenzo Carbone, inserito nella lista Noi Sud, stessa lista per il consigliere di maggioranza del comune di Terzigno, Antonio Vaiano e quello di Boscoreale, Ciro Raiola. I consiglieri Carillo e Cozzolino di San Giuseppe Vesuviano rafforzano le fila del partito caro a Berlusconi così come Antonio Mappa della vicina Boscoreale. Nel Movimento 5 Stelle c’è la dott.ssa Silvana Nappi, già candidata alla carica di sindaco nella vicina San Gennaro Vesuviano. Incontriamo Stefano Abilitato, già consigliere comunale a Torre del Greco nel gruppo consiliare di Forza Italia. “La mia candidatura nella lista di Forza Italia, risponde alla scelta del partito di valorizzare la competenza, la rappresentatività territoriale, la tenacia e l'impegno di giovani che come me intendono apportare concretamente un contributo all'intera area metropolitana, contribuendo a dare una svolta decisiva a un ente che ha bisogno di un reale cambiamento”. “Credo molto nelle sinergie su tutti i livelli, continua Abilitato, per questo ho deciso di scendere in campo con l'intenzione di coinvolgere tutti i giovani amministratori che come me sono animati da passione politica e amore per la propria terra, per dare una svolta reale e concreta nel modo di fare politica; con spirito di gruppo e leale cooperazione vorrei, insieme con voi, affrancarmi dall'atavico sistema politico ancora troppo lontano dai territori, aderire al mio progetto significa sposare un'idea innovativa dove la tenace collaborazione di un gruppo compatto, nel pieno espletamento di ogni competenza e personalità possa relazionarsi con i diversi comuni dell'area metropolitana così da valorizzare tutte le potenzialità e tutti i singoli territori ”. “Rilanciare l'intera provincia di Napoli, finisce il candidato, dirigendola un futuro ove assume un ruolo primario nella dimensione comunitaria, rappresenta per me un’occasione ineludibile per la quale chiedo il vostro sostegno e la vostra rappresentanza".

Vota questo articolo
(2 Voti)

In questi giorni d’agosto l’amministrazione comunale terzignese guidata da Francesco Ranieri ha programmato delle attività di manutenzione per la Piazzetta Miranda. Uno dei luoghi di ritrovo di tanti giovani terzignesi che da tempo versava in condizioni di abbandono. L'assessore competente, Vincenzo Ranieri ci ha assicurato che l’opera di cambiamento tanto declamata in campagna elettorale sta partendo e questo è uno dei primi segnali. “ Siamo sulla griglia di partenza- esordisce l’assessore- dare un volto nuovo alla nostra città, Piazzetta Miranda è solo l’inizio di un progetto di riqualificazione del decoro urbano su tutto il territorio”. Uno dei punti all’ordine del giorno previsti per il prossimo consiglio comunale sarà la proposta di riqualificazione del territorio e il ripristino di tratti stradali. “ La burocrazia è lenta, continua l’assessore, ma noi vogliamo il cambiamento reale e non vogliamo essere espressione di quella politica che vive di spot e propaganda". In questi giorni è stato diffuso un comunicato stampa di chi si appropriava della legittimità dell’opera, ma l’assessore Ranieri ha precisato “ chi è stato il promotore della riqualificazione del decoro urbano è il gruppo di consiglieri formato da Carillo e Bonavita con la mia fattiva partecipazione. Adesso, chiedo soltanto pazienza ai cittadini, quello che posso garantire è che daremo molte risposte, noi, continua ancora l'assessore Vincenzo Ranieri, stiamo lavorando per questo processo di crescita e sviluppo, il percorso è duro, perché bisogna guardare in tante direzioni, ma ripeto, noi vogliamo il cambiamento, una sana e attenta programmazione è il mio credo di far politica”.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Un appalto per la realizzazione di nuovi ossari all’interno del cimitero di Palma Campania è ufficialmente partito nella giornata odierna. Facendo seguito ad un impegno preso con i propri cittadini, l’amministrazione comunale è pronta a recepire proposte da parte di operatori economici dotati dei requisiti richiesti per l’aggiudicazione della gara. Contestualmente, un altro appalto è stato lanciato per i lavori di adeguamento strutturale e sismico all’edificio che ospita gli alunni della Scuola media “Vincenzo Russo” di via Trieste. La scadenza è fissata per 12 settembre per il bando legato agli ossari, mentre è fissata per l’8 dello stesso mese per quello relativo ai lavori alla scuola media. Tutte le informazioni necessarie a chi fosse interessato a partecipare sono contenute nei file pubblicati sul portale istituzionale del comune di Palma Campania. Il sindaco Carbone fa il punto della situazione: «Siamo finalmente riusciti – spiega il primo cittadino – a portare a termine un tortuoso iter destinato alla soluzione di due delicate problematiche come quella della realizzazione di nuovi ossari all’interno del nostro cimitero, e la ristrutturazione della scuola media Vincenzo Russo. Due opere a cui abbiamo lavorato a lungo, al fine di trovare la soluzione più adeguata per la loro realizzazione. Siamo consapevoli, soprattutto per ciò che concerne i nuovi ossari, di aver fatto attendere i cittadini oltre le loro aspettative, ma ora siamo certi che, alla scadenza del bando, potremo contare, chiunque si aggiudicherà la realizzazione dei lavori, su un’opera adeguata all’enorme valore, non solo materiale, ma anche e soprattutto spirituale, che un cimitero riveste all’interno di una comunità. Ancora un po’ di pazienza e le esigenze della nostra gente saranno soddisfatte. Stesso discorso per la scuola media Vincenzo Russo, bisognosa di interventi di ristrutturazione che la tengano in linea con gli standard di sicurezza imposti dalla legge. Anche su questo punto, non ci siamo fatti trovare impreparati e, già nella prima metà del mese di settembre, avremo il nome della ditta che si incaricherà dei lavori. Come già dimostrato in occasione del restyling della palestra del primo circolo a via Municipio, la mia amministrazione ha a cuore la piena efficienza e la funzionalità delle strutture nelle quali si svolge l’attività dei ragazzi».

Vota questo articolo
(2 Voti)

Le immagini delle fiamme che nei giorni scorsi hanno divorato la pineta di Terzigno e buona parte del versante vesuviano del parco Nazionale del Vesuvio hanno lasciato un segno indelebile nella memoria dei cittadini vesuviani che avvertono un senso di impotenza di fronte a quella che sta diventando una vera e propria emergenza incendi. Anche nella giornata di ieri una lunga colonna di fumo si levava dalla pineta vesuviane in prossimità di Tenuta Giugliano, credano allarmismo tra soccorritori e cittadinanza. Le fiamme ardendo hanno bruciato speranze lacerando e ferito nell'intimo tutti quei vesuviani che nel parco del Vesuvio si identificano. Dagli uomini delle istituzioni come il sindaco di Terzigno Francesco Ranieri ed il presidente Agostino Casillo sono arrivati segnali importanti di impegno costante per fronteggiare una emergenza che tutti sperano possa essere ormai essere consegnata alle pagine del passato. Anche Il Comitato Armando Diaz di Terzigno tramite il suo presidente Michele Sepe ha voluto fornire il proprio contributo, sensibilizzando gli amministratori attraverso un'interrogazione presentata al Comune di Terzigno per chiedere all'Ente chiarimenti sul grave disastro ambientale che ha colpito il nostro territorio. L'interrogazione è stata indirizzata al sia Sindaco di Terzigno Ranieri che al Presidente del Parco Vesuvio Agostino Casillo per avere risposte (per quegli aspetti che sono di specifica competenza ovviamente) relativamente agli eventi e per sapere se:

-la magistratura ha aperto un fascicolo per indagare sulla vicenda e se ci sono già nomi iscritti nel registro degli indagati;

-il comune e l'ente parco chiederanno un sostegno al ministero dell'ambiente e al ministero della salute;

- perché l'acqua durante le operazioni di soccorso è stata presa nella vasca del Pianilo per poi cambiare "rotta" dopo la denuncia del giornalista del Vesuviano Francesco Servino e dall'attivista Mimmo Russo

- nelle zone colpite dall'incendio verrà fatta una bonifica.

Oltre ai 4 punti la lettera, a firma del giovane presidente Michele Sepe, si conclude con un appello rivolto alla cittadinanza oltre che alle istituzioni : IL NOSTRO PAESE PIÙ CHE MAI HA BISOGNO DI UNITÀ E SOPRATTUTTO CONOSCERE LA VERITÀ!

Vota questo articolo
(1 Vota)

Il consiglio comunale di Ottaviano ha approvato, all’unanimità, l’adesione al consorzio “Gal Vesuvio Verde”, la rete composta da Comuni, Parco nazionale del Vesuvio ed altre realtà dell’area vesuviana che avrà il compito di individuare azioni di sviluppo, condivise e partecipate, del territorio vesuviano. In modo particolare, il “Gal Vesuvio Verde” parteciperà al bando per la selezione e l’attuazione dei Piani di Azione Locale nell’ambito del PSR Campania 2014-2020 (decreto regionale dirigenziale n. 19 del 20 maggio 2016, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania numero 32 del 23/05/2016). Il PSR della Campania 2014-2020, infatti, ha previsto la misura 19, denominata “Sviluppo locale di tipo partecipativo”, che contempla proprio che la gestione dei progetti di sviluppo sia effettuata da Gruppi di Azione Locali (Gal), composti da rappresentanti degli interessi socio-economici locali sia pubblici che privati. Il consiglio comunale di Ottaviano è il primo, tra tutti i Comuni della zona vesuviana, ad aver adottato la delibera di adesione a “Vesuvio Verde”. Spiega il presidente del consiglio comunale Biagio Simonetti: “Il voto unanime è un dato importante: dimostra che l’intera assemblea crede in questo importante strumento di sviluppo. Ci aspettiamo, ora, che gli altri enti approvino l’adesione in modo da lavorare tutti insieme per la crescita del territorio”