Confronto pubblico, Aquino all'attacco e la platea lo osanna In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Locale Letto 1785 volte

Tutto esaurito nella sala teatrale della Parrocchia Immacolata Concezione. La Diocesi di Nola, con stile disinteressato, libero e gratuito ha convocato i sei aspiranti sindaci del Comune di Terzigno a un confronto pubblico affrontando temi ben precisi e spinosi. Le domande sono state poste dal moderatore, il giornalista Marco Iasevoli di Avvenire nonché Presidente diocesano dell’Azione Cattolica. La prima domanda posta è stata: Terzigno è un comune che vive un grave e noto problema ambientale, con preoccupazione anche sulla tutela della salute dei cittadini. L’altro elemento evidente nella vita della città, visibile anche a occhio nudo, è la presenza di una forte comunità straniera, che certamente pone sfide e interrogativi circa i modelli di convivenza e integrazione. Quali sono le vostre proposte su questi due temi specifici? I candidati hanno affrontato il tema con decisione, soprattutto perché  le domande sono state date in anticipo agli interessati. Serafino Ambrosio, primo a rispondere ha inserito nel suo programma lo Sportello per il Registro Tumori, puntando l’indice soprattutto sulla qualità ambientale mentre per la problematica stranieri ha ben precisato che è si favorevole alla convivenza con gli stranieri, ma per quanto concerne le opportunità di lavoro devono esser data la possibilità prima ai locali e poi a loro. L’avvocato Aquino in premessa ha dichiarato che ci vuole passione per la propria terra e Terzigno ha bisogno di una maggior competenza fra gli amministratori. Ha poi citato una frase di Don Luigi Sturzo, quale “la politica deve essere competenza e anche moralità”. L’attività politica dell’ex senatore a vita si basava su una questione centrale: dare voce in politica ai cattolici. Ha poi continuato premettendo che questo confronto pubblico è all’interno del suo programma elettorale perché i cittadini devono conoscere ciò che gli amministratori fanno. Nello specifico ha trattato la problematica ambientale affrontando vari punti, la tutela della salute deve essere al sicuro e poi ha interrogato la sala chiedendo il perché dopo l’accordo fra il sindaco Domenico Auricchio e il dottor Bertolaso del 30 marzo 2009 che prevedeva la bonifica dei suoli e delle acque tutto ciò non si è mai verificato. Ha sottolineato l’importanza della video sorveglianza e alla lotta contro il sacchetto selvaggio. Per la tematica immigrati ha dato il suo benestare anzi bisogna dare accoglienza e capire le loro potenzialità attraverso l’istituzione di corsi in lingua, indirizzarli verso un orientamento civile e professionale e garantire il diritto alla casa. L’amministrazione uscente rappresentata dal sindaco facente funzioni Stefano Pagano ha dichiarato che martedì prossimo la società SORGESID, terrà una conferenza stampa per spiegare i lavori effettuati nel comune vesuviano. L’attività di tale società è rivolta alle soluzioni di problematiche in materia di tutela del territorio e a difesa di tutte le risorse naturali attraverso interventi operativi che vanno dalla bonifica alla riqualificazione ambientale. Mentre è in totale disaccordo sulla questione immigrazione, l’attuale sindaco ha dichiarato che non è felice dell’arrivo di personale straniero. La giovane Lina Panfilo del Movimento cinque stelle ha posto come punto fermo del suo programma un presidio sanitario permanente, un controllo periodico delle acque per la tutela della salute dei cittadini, il ripristino della guardia medica perché non si può ammalare soltanto nel fine settimana. Ha interrogato i cittadini sui soldi spesi per la società SORGESID, quei 920.000,00 euro spesi per cosa? E soprattutto perché mai l’amministrazione non ha compiuto solleciti alla suddetta società per l’istallazione, fra l’altro delle telecamere per combattere il problematico inquinamento. Ha posto poi rilievo l’interrogazione ancora fatta per la disciplina e l’ordinamento per gli stranieri. La vasta comunità cinese presente sul nostro territorio deve essere regolata e disciplinata. I rifiuti prodotti dalle industrie tessili, se sfruttati, possono essere una risorsa per il territorio anche in termini economici oltre per la qualità della vita. L’avvocato Ranieri propenso al confronto con i cittadini ha rilevato i valori di due suoi concorrenti alla carica, quei giovani Ambrosio e Panfilo che si sono cimentati in quest’avventura perché amanti della propria terra. Ha sottolineato il fatto di mantenere i toni calmi per tutta la campagna elettorale perché i cittadini sono stanchi, non credono nelle istituzioni e non c’è più interesse per la collettività. Nel suo programma sono punti fermi quelli della conoscenza delle bellezze che offre la nostra terra, bellezze architettoniche e artistiche. Dobbiamo dare una speranza ai nostri figli, la nostra comunità ha più volte sottolineato l’avvocato deve cambiare, deve sposare un progetto nuovo e il giusto connubio fra giovani e persone con esperienza può portare a un mix perfetto per ben governare. Ha chiuso la prima mandata, la dottoressa Rosanna Rosa del Patto civico per Terzigno. La dottoressa ha illustrato diversi progetti da poter realizzare al di là di come andranno le amministrative del 31 maggio, è stata la comunità a darle la vera spinta per compiere questo passo e fra i molteplici impegni professionali ha spazio per la politica perché lei, ha dichiarato che vive per la politica e non di politica. Il suo sogno è di rendere  pubblica ogni cosa che si fa e la partecipazione attiva dei cittadini alla vita politica può essere uno sprono a fare sempre meglio. Ha condiviso il sì alla problematica immigrazione ed è favorevole a una comunità integrata. La seconda domanda di natura più generale ha avuto come tema l’illegalità, la disoccupazione giovanile, la scarsa valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale. Alla domanda tutti hanno condiviso la problematica lavoro e la possibilità  di un bilancio partecipativo. Ogni probabile primo cittadino ha rilevato poi di interagire con i cittadini, a valorizzare il territorio, ma a rompere gli equilibri è stato il candidato del Partito democratico, l’avvocato Aquino, il quale ha chiesto alla popolazione se è contenta degli ultimi cinque anni amministrativi del governo locale, la risposta: grida e urla da stadio. Il tutto era pronosticabile soprattutto perché si è in piena campagna elettorale e questo è il primo confronto politico. Dagli errori del passato ognuno può trarre le giuste considerazioni, l’importante è non sbagliare e non ricadere negli stessi errori. All'uscita dell'area parrocchiale sarcastici i commenti dei cittadini: "in campagna elettorale promettono tutto ma alla fine finisce sempre allo stesso modo, dimenticandosi cioè della nostra realtà". Il primo atto è comunque finito la palla adesso passa agli elettori. 

Ultima modifica il Mercoledì, 20 Maggio 2015 15:23