Venerdì 20 Settembre 2013 17:36    Stampa
Sono italocinesi e studiano alla Giusti le alunne più buone d'Italia
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Attualità - Attualità

I primi ad essere orgogliosi di loro sono i docenti della scuola media “Giusti”: se Angela e Lucia sono state indicate come “le alunne più buone d’Italia” il merito è anche loro. Angela e Lucia di cognome fanno Zhao, sono figlie di genitori cinesi e si sono aggiudicate due premi:  “Ignazio Salvo – l’alunno più buono d’Italia” e il premio “Hazel Marie”. Il primo lo riceveranno entro fine mese, il secondo direttamente dal ministro per l’integrazione Cecyle Kyenge, quando verrà a Terzigno per la cittadinanza onoraria, il 14 novembre. Ed è Terzigno il luogo dove è nata questa bella storia di integrazione. A 13 e 14 anni, le due ragazzine possono essere considerate vere e proprie mediatrici culturali, in una cittadina che sta ancora facendo i conti con il fenomeno della migrazione cinese, come del resto tutta l’area vesuviana. 

Nate a Prato, hanno sempre frequentato le scuole italiane, ma in famiglia hanno continuato a parlare il cinese. Grazie all’ottima conoscenze delle due lingue, hanno iniziato quasi inconsapevolmente la loro attività di mediatrici culturali. All’età di quattro e tre anni le due sorelline  si sono trasferite a Terzigno e qui hanno visto da vicino le difficoltà della convivenza tra le due comunità. Il loro apporto, per l’integrazione, è stato fondamentale: “Attraverso i loro gesti di bontà aiutano ogni giorno i docenti a favorire l’inserimento degli alunni cinesi presenti nelle varie classi dell’istituto. Sempre disponibili, aiutano sia i loro connazionali che i compagni italiani in difficoltà nello svolgimento delle attività scolastiche”, dice la docente Silvana Casillo, che ha curato la loro candidatura ai premi. Lucia e Angela danno una mano persino in segreteria, per esempio, ogni volta che ci sono nuovi iscritti, per le formalità del caso. Spiega il dirigente scolastico, Gaetano Ranieri: “La candidatura di Angela e Lucia è stata doverosa. Il loro impegno è servito a tutti”. Ma le due sorelle non si sono limitate a sbrigare pratiche o tradurre. Lucia si è distinta per aver aiutato nella comprensione e nello studio due amiche italiane in difficoltà, dedicandosi a loro nelle ore di lezione ma senza tralasciare i propri compiti, che svolge sempre con dedizione e precisione. È una delle più brave della classe. La sorella Angela altrettanto ha fatto con una nuova alunna cinese, arrivata ad anno iniziato senza alcuna conoscenza della lingua italiana. L’ha presa sotto la propria ala protettiva, facendola sentire a proprio agio, facendola diventare un elemento trainante della classe e riuscendo a farla primeggiare nell’inglese, una terza lingua divenuta lo strumento per capirsi. Con perfetto accento italiano, ora spiegano di essere  davvero contente: “Quando abbiamo saputo che ci volevano premiare abbiamo fatto salti di gioia. Certo, noi non abbiamo agito sperando in un premio, ma sapere che qualcuno ha apprezzato il nostro impegno ci fa piacere”. 

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com