Giovedì 12 Maggio 2011 17:00    Stampa
A Montecitorio è tutta questione di lato b.
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Politica - Nazionale

Alla vigilia delle elezioni amministrative l'unico compito importante dei nostri cari parlamentari sembra essere l'emanare sentenze. Si, ma sull'estetica delle onorevoli. Celebri ormai le parole del nostro presidente del consiglio, ripetute dal coordinatore del Pdl, Mario Mantovani e poi dal Ministro della Difesa, Ignazio La Russa: “Le nostre deputate mai più brutte di quelle di sinistra”. Affermazione questa che allora suscitò non poche polemiche in politica. Il coordinatore Mantovani addirittura si lasciò andare in commenti non tanto gradevoli quando  in una cena affermò “Possiamo dire di essere messi bene mentre Pisapia (il candidato sindaco del Partito Democratico) si deve accontentare di Concia e Bindi”, ma la discussione poi finì lì. La bufera si è scatenata ancor più quando il pdl Mazzuca, responsabile della comunicazione del Pdl alla Camera, voleva inserire Alessandra Mussolini e il suo lato b al quinto posto della classifica dei fondo schiena più belli della politica. Giancarlo Mazzuca avrebbe detto esplicitamente alla Mussolini che sarebbe finita sulla rivista Panorama al quinto posto della classifica del lato b più bello del pdl. Sconvolta la Mussolini ha raccontato tutto alla Concia dicendo che se sarebbe uscita fuori mezza di quella sconcia classifica sarebbe stata lei a scriverne una sull'Espresso, ma di quanto è lungo o corto il microchip dei nostri parlamentari. Ed eccoci svelato il duro e lungo lavoro svolto a Montecitorio, un lavoro da lato b.

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com