Vota questo articolo
(0 Voti)
Gli italiani spendono di più per lo spettacolo (+0,71%) e il volume d'affari cresce (+4,45). Parallelamente diminuiscono le attività (-2,56%) e gli ingressi (4,31%). E nel contrasto, aumenta il prezzo dei biglietti (+5,25%). A raccontarlo sono i dati 2017 dell'Annuario dello Spettacolo di Siae. Lo scorso anno il volume d'affari è cresciuto più del 2016 (+4,45% contro il +3,18% del 2016 su 2015), superando nelle performance altri settori economici. Ma è stato anche l'anno degli eccessi: da un lato il crollo del cinema che ha perso oltre 14 milioni di spettatori (orfano di Checco Zalone, il cui Quo vado fu visto da quasi 10 milioni di spettatori, mentre il film più seguito nel 2017 è stato La bella e la bestia con 3,4 milioni di biglietti), dall'altro il record mondiale di Vasco Rossi a Modena e le buone performance di lirica, balletto e sport.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il celebre fumetto Tex Willer, nato dalla fantasia di Giovanni Luigi Bonelli e dalla matita di Aurelio Galeppini, in arte Galep, compie 70 anni. Per celebrare l’anniversario di uno dei comics più famosi di sempre, gli verrà dedicata una mostra e si pensa anche ad una nuova serie dedicata al personaggio giovane, prima che diventasse un Ranger. Secondo quanto raccontato nell'albo "Neuces Valley", Tex sarebbe nato nel 1838. Ha un passato da fuorilegge perché si è sporcato la fedina penale per vendicare chi gli ha ucciso la famiglia. Pur essendo nato nel Texas ha combattuto la Guerra Civile nelle truppe del Nord, per la sua incrollabile fede antischiavista. E' il nemico giurato di ogni ingiustizia: fisicamente è un personaggio alla Charlton Heston o John Wayne (anche se si dice che il volto del primo Tex fosse ispirato a Gary Cooper), il suo è il West dei film di John Ford e Howard Hawks, le sue avventure hanno per teatro i canyon dello Utah e del Nevada, la Monument Valley, ma Tex ha viaggiato per tutti gli States, conosce benissimo il Canada e il Messico, è stato a Panama e in Melanesia. Nelle sue storie ci sono le grandi praterie del Mid-West, i deserti del Sud-Ovest, le foreste del Grande Nord, le città dell'Est, le giungle pluviali, le misteriose rovine maya e azteche e ha combattuto per la libertà in Messico. Dopo aver condotto la vita del cowboy, che in un rodeo ha vinto il suo fedelissimo cavallo Dinamite, diventa un Ranger e dedica la vita alla lotta all'ingiustizia anche a costo di sfidare le regole e le leggi. Il suo legame con i nativi americani ha anticipato le tematiche del New Western degli anni '70 e il suo antirazzismo è uno degli elementi che gli ha permesso di attraversare i decenni senza perdere il successo. A distanza di anni è stato ed è fonte di ispirazione per il mondo del cinema. Indimenticabili i movies con protagonista John Wayne, Clint Eastwood e le pellicole dirette da Sergio Leone.
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il 21 giugno è la Giornata mondiale del Selfie

Giovedì, 21 Giugno 2018 11:50 Scritto da
Nel 2013 il corrispettivo italiano di “autoscatto”, è stato inserito nell’Oxford English Dictionary ed è stato definito come “la parola dell’anno” e viene celebrata il 21 giugno. La febbre da selfie ha coinvolto tutti, da Obama al Papa . Si vip che nip non rinunciato ad immortalarsi nei posti più svariati. Come tutte le cose occorre usarle con moderazione. Ci sono infatti giovani che, pur di ottenere qualche like sui social, metteno in pericolo la loro vita ritraendosi sui binari dei treni o in situazioni pericolose ed estreme. A questo proposito c’è chi inizia a vietarli: all'ultimo festival di Cannes il curatore Thierry li ha banditi dicendo che "9 volte su 10 sono brutti". Il bisogno ossessivo di postare selfie, definito 'selfite' è stato definito un vero e proprio disturbo mentale da uno studio della Nottingham Trent University e della Thiagarajar School of Management in India pubblicato a dicembre 2017. Ha esaminato il fenomeno scoprendo che non solo la patologia esiste ma ci sono tre categorie: quella cronica, quella acuta e quella borderline.
Vota questo articolo
(0 Voti)

Venezia74. Jululu trionfa nella sezione MigrArti

Venerdì, 22 Settembre 2017 17:05 Scritto da
Jululu ha vinto la sezione MigrArti 2017, all’interno dell’ultima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia , aggiudicandosi il premio come miglior regia, assegnato aMichele Cinque. Il cortometraggio, già trionfatore della II edizione del bando MigrArti promosso dal Mibact, visibile sulle piattaforme online e da ottobre su Rai 1, nasce da un’idea di Sestilia Pellicano - calabrese DOC, i suoi natali sono infatti made in Frascineto (Cosenza), nonché presidentessa dell’associazione culturale “Pretiosa Project”- e di Yvan Sagnet, attivista camerunense ed esponente della rivolta dei braccianti in Italia del 2011, testimone chiave al processo SABR. La sentenza, emessa dalla Corte d’Assise del Tribunale di Lecce nel luglio scorso, ha riconosciuto per la prima volta in Italia il reato di “riduzione in schiavitù” e condannato in primo grado “caporali” e imprenditori agricoli salentini che costringevano gli immigrati a lavorare nei campi in condizioni disumane, contravvenendo ad ogni forma di civiltà e giustizia sociale. Prodotto da Lazy Film srl in collaborazione sinergica con le associazioni culturali “Pretiosa Project” e “Ghetto Out - Casa Sankara”, Jululu è l’anima collettiva africana che, errabonda, si rifugia in quel pezzetto d’Africa che colora il sud Italia. Attraverso i volti e le voci dei due protagonisti,Yvan Sagnet e BadaraSeck- noto musicista griot senegalese e custode della tradizione orale degli avi - riusciamo a penetrare all’interno delle problematiche riguardanti lo sfruttamento dei braccianti nei terreni agricoli, alla logica del profitto estremo e della finanza speculativa che impone prezzi da fame ai produttori agricoli italiani e alla filiera lunga. Quello che si leva dalle ampie coltivazioni di Terra di Capitanata, in provincia di Foggia, è un grido di denuncia che trova la sua catarsi nella fotografia di Stefano Usberghi e nella voce straziante diSeck, vera e propria guida sciamanica. «Qui ci sono i caporali ma i generali siedono nelle multinazionali» sostiene Sagnet, recentemente insignito del titolo di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana. La giuria di Venezia74, presieduta dal regista e scrittore Francesco Patierno, con Jululuha voluto premiare la capacità di aver: «sfruttato ed indagato tutte le possibilità del mezzo e delle modalità comunicative cinematografiche, offrendo allo spettatore un film in grado di animarsi soprattutto di meravigliose intuizioni e ottima capacità di messa in scena». «Non è possibile effettuare il cambiamento senza una certa dose di follia» - riflette Yvan - «Ci sono voluti i pazzi di ieri per permetterci di agire oggi. Voglio essere uno di quei pazzi, dobbiamo avere il coraggio di inventare il futuro». Gli fa eco il regista: «Questo piccolo filmè dedicato alla capacità di inventare il futuro, come dice Yvan sul finale, prendendo in prestito alcune parole da Thomas Sankara. Penso che il futuro dipenda, ora più che mai, dalla capacità di immaginare un altro mondo possibile e lottare per costruirlo». Chiosa infine l’ideatrice del corto, Sestilia Pellicano: «I canti dei Migranti mostrano anche i “segni” del lungo e doloroso viaggio verso lʼItalia. Cantando e suonando insieme, i musicisti africani trovano così un “nuovo canto”, una musica che, nel solco della tradizione, esprime lʼesperienza e i rischi del viaggio, dello sfruttamento, ma anche lʼattesa, la speranza, la ricerca».
Vota questo articolo
(0 Voti)
Un vecchio spartito “Gordinflòn” trovato per caso su di una bancarella al mercato di San Telmo. Un’omonimia condivisa con un mito della musica argentina. La scoperta di avere le medesime origini: Paola, Cosenza. La decisione di cambiare vita. Abbandonare la fisica, con un dottorato di ricerca in tasca e una specializzazione in studio della voce presso l’organizzazione di Ricerca Statale francese (CNRS), per dedicarsi totalmente ad una passione travolgente, quella del tango. Sembra il soggetto adatto ad un film, invece è quello che è capitato a Denise Sciammarella che, sulla scia di un sentimento viscerale per la musica, ha fondato nel 2013 il gruppo Sciammarella Tangonel quale lei è voce solista. Un’ “Orchestra Archeologica” composta da 8 giovani donne, provenienti da altrettante diverse nazioni, accomunate dallo scopo di salvaguardare e far riscoprire i lavori inediti del periodo d’oro del tango che gravitano intorno alla figura di Rodolfo Sciammarella. «La nostra proposta - spiega la Sciammarella - è cercare il rinnovamento salvando ciò che la storia lascia da parte. E far emergere il nuovo da lì, da ciò che è stato fatto e non è mai stato toccato o ascoltato». L’idea nasce in occasione del 40o anniversario della morte di Rodolfo Sciammarella -autore di “La salute, denaro e amore” e “Baci stregoni”, celebre compositore di tanghi e milonghe, denominatoil “francocriollo” del periodo franchista - che ha spinto Denise ad intraprendere questo progetto. In 5 anni di attività, lo Sciammarella Tango ha maturato 2 album e 4 tour internazionali e l’ultima fatica è uno spettacolo di ballo e canto con uno spazio importante dedicato al fachiroBlacaman, interpretato da un valente attore francese. «Parla dei dettagli della vita di Buenos Aires di quel tempo - prosegue la Sciammarella - che senza il tango del genere sarebbero stati persi. Nel testo si fa riferimento al "fachiro Blacaman" , a "Kalisay" , cose che mi hanno portato ad approfondire l'argomento». La storia del fachiro di origine calabrese ha da sempre affascinato gli addetti ai lavori e non solo. Un personaggio eccentrico, inventivo, ipnotizzatore, capace di catturare l’essenza delle persone con il solo potere dello sguardo. Partendo da un piccolo paese della Calabria, Castrovillari, è riuscito, con talento e tenacia, a conquistare tutto il mondo. Negli anni ’20 e ’30 ha raggiunto la fama con la mise en place di suggestive atmosfere orientali. Con la sua folta chioma riccuita e i suoi occhi neri penetranti, Blacaman sapeva domare le belve feroci, era illusionista, attore e personaggio delle più belle pagine della letteratura mondiale grazie alla penna del premio Nobel, Gabriel GarcìaMàrquez che lo ha tratteggiato nel racconto “Blacamàn il buono, venditore di miracoli”. La ricerca costante delle radici è la cifra stilistica che contraddistingue lo Sciammarella Tango, giovani donne animate dal sacro fuoco dell’arte che creano spettacoli che hanno l’obiettivo centrato di coniugare passato e presente portando in scena «un pensiero triste che si balla».