Vota questo articolo
(0 Voti)
Viaggio, avventura, spensieratezza,audacia, resistenza, forza d’animo ed un pizzico di follia. Questi e molti altri sono gli ingredienti che decretano il successo della nuova scoppiettante edizione di Pechino Express – Il nuovo mondo. L’adventure game dello zaino in spalla e della fatica estrema conduce 8 coppie di concorrenti in lungo e in largo per il continente più affascinate di sempre: l’America Latina. Un pellegrinaggio tra Ecuador, Perù e Brasile con tappa finale a Rio de Janeiro, raccontato sapientemente dall’uomo più ironico e frizzante che ci sia mai stato in Rai: Costantino della Gherardesca. Già apprezzato concorrente della prima edizione, più per la sua grande autoironia, che per le sue doti di atleta mostrate durante le prove oggi, il discendente del celeberrimo conte Ugolino, riesce a coinvolgere il telespettatore con il suo garbo, con la sua sagacia e con la battuta pronta che lo contraddistingue. Il buon Costa non si risparmia e si cimenta anche in prove ai limiti dell’umano. Nell’ultima puntata se l’è vista brutta facendosi scoppiettare il testa la “vaca loca”, simbolo di Cuenca; ed ha baciato una ecuadoregna dopo essersi spruzzato addosso del profumo terrificante. Stoico ed impavido è riuscito a non battere ciglio dinnanzi alla santona, un po’ invasata, Hermana Maria. Se si dovesse assegnare il premio personaggio dell’anno di Pechino Express il mio voto andrebbe alla mistica Made in Ecuador. Ogni lunedì sera viene dato al telespettatore il privilegio di godere, dal divano di casa, della vista di posti mozzafiato, di vivere avventure irripetibili e di tifare e soffrire con i protagonisti che, abbandonati per strada, raccattano passaggi come viaggiatori consumati e scroccano posti letto e cibo da collaudati parassiti. I Fratelli - Naike Rivelli e Andrea Fachinetti (figli di Ornella Muti), gli Illuminati - Yari Carrisi (figlio di Albano e Romina Power ) e Pico Rama (erede di Enrico Ruggeri), gli Antipodi (Pinna e il personal trainer Roberto Bertolini), gli Artisti (Paola Barale e Luca Tommassini), le Persiane (Fariba Teherani e la figlia Giulia Salemi), le Professoresse dell’Eredità di Carlo Conti (Laura Forgia e Eleonora Cortini), i Compagni (il cantante Scialpi e il marito Roberto Blasi) e gli Espatriati (il cantante partenopeo Pascal celebre in Kazakistan e Kang, il Bruce Lee nostrano, famoso in Cina) formano il cast di questa nuova edizione, a cui si sono aggiunti gli Stellati ( gli chef Philippe Leivelle e Ciccio Sultano). Tra tutto il trambusto dei viaggi e della gara c’è stato anche il momento dell’amore che ha letteralmente travolto l’esuberante Naike e lo spirituale Yari, protagonisti di un bacio rovente sull’autobus e di un “ti amo” urlato da lei mentre era in auto. Tutti ci stiamo chiedendo in questo momento cosa abbia mai fatto di male Albano nella sua vita precedente! Ma l’idillio ecuadoregno è già stato distrutto da Andrea che, nell’ultima puntata, ha sacrificato gli Illuminati in nome di quello che conta di più al mondo, il decolté della Forgia, che si è salvata insieme alla sua compagna di avventura. Questo reality ci consente di conoscere nuove culture, di affermare con tutta certezza che, almeno io, non mi sognerei mai di scalare il monte Chimborazo, che esistono lavoro massacranti pagati da fame – come raccogliere il ghiaccio fossile per 30 dollari a settimana- e scoprire che con quella miseria un uomo riesce a far sopravvivere se stesso e la sua famiglia. Sono le storie, le emozioni, l’ adrenalina, e la speranza che qualcuno dorma all’addiaccio almeno per una notte o che alle Persiane esploda il viso di plastica a non farci schiodare dal televisore. Se si è stanchi della solita tv, delle solite serie ritrite, delle stesse fiction che vanno avanti per secoli dove ogni puntata si chiude sempre con un’ecatombe – vedi l’Onore e il rispetto – seguite Pechino Express. Anche vederlo solo per un minuto vale i soldi spesi per il canone.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Carlo Conti asso piglia tutto. Il presentatore più “abbronzato” della televisione italiana colleziona un successo dopo l’altro ed interpreta alla grande l’ideale capitalistico del “lavorare a cottimo”. Dopo il successo del Festival di Sanremo - si pensa infatti già ad un Conti bis per la prossima stagione della manifestazione canterina più famosa d’Italia - dopo essersi riappropriato del suo ruolo di conduttore storico e stoico dell’Eredità, dopo aver impennato gli ascolti Rai, da sempre un po’ fiacchi, tranne che in pochi sporadici acuti, il Conti-calimero è ritornato con un nuovo varietà/feticista che punta tutto sulla capacità di 12 disperati, in cerca di risurrezione, talenti nostrani di riuscire a superare prove difficili e spingersi oltre i propri limiti e non ultimo sfidare lo spirito di sopportazione del telespettatore. Si può fare! torna sulle reti Rai dopo il successo dello scorso anno e riconferma il suo ottimo trend. Carlo, da gran furbo qual è, è capace di coniugare una conduzione vecchio stile con alcuni elementi innovativi (battute alla giusta occasione, protagonisti azzeccati e giuria compiacente), aggiungendo in Si può fare! un erotismo visivo dato da esibizioni volutamente spinte o al limite: la prova di escatologia della prima puntata ad esempio, o il recente topless della Rodriguez nella prova di burlesque. Il cast è un potpourri adatto per tutti i gusti: l’inossidabile Pamela Prati che a 57 anni suonati ha ancora un fisico mozzafiato, usando l’ironia e la bravura (non si è ancora capito bene in cosa) che la contraddistingue da anni, capace di dare lezioni di stile a sciacquette in erba come l’ex velina Costanza Caracciolo, la sempre sorridente ed anche un po’ stancante Juliana Moreira, e l’ex concorrente di Pechino Express Mariana Rodriguez, e Dio solo sa quanto non ci fosse bisogno in Italia di un’altra Rodriguez che non sa fare nulla in tv. L’ex tuffatore Vittorio Rinaldi, il bell’attore delle fiction Simon Grechi, l’ex ciclista Mario Cipollini, mai davvero simpatico - eppure l’accento toscano va tanto di moda e fa tanto ridere di questi tempi - il ruspante Biagio Izzo, il pallanuotista Amaurys Perez che ultimamente è dovunque tranne che in piscina, la bravissima Matilde Brandi, l’ex atleta Fiona May divenuta poi attrice che recentemente ha dichiarato di essersi molto stupita perché non recita più, forse non si è mai rivista nelle sue performance attoriali; e infine Roberto Ciufoli, ex Premiata Ditta. La trasmissione è carina, ma poco empatica e questo la rende il fanalino di coda dei successi di Conti. Non ci sono mai picchi e il varietà risulta monocorde, inconsistente e a tratti noioso. Alcuni sussulti provengono dalla giuria, dallo scambio di battute vivaci, la maggior parte delle quali a doppio senso, tra la musa di Dalì, Amanda Lear, e il Pippo Baudo nazionale, sempre smanioso di protagonismo e attaccato alla poltrona come una cozza allo scoglio, a coadiuvare e a dare un po’ di aplomb Yury Chechi “il signore degli anelli”. Insomma Si può fare! non è davvero nulla di che, ma nonostante questo il pubblico continua a premiarlo, forse perché non ha validi competitor, forse perché Conti ha ormai il suo zoccolo duro di pubblico, forse perché siamo talmente tanto abituati alla mediocrità che ormai viviamo bene sguazzandoci dentro e il solo pensiero di prendere in mano il telecomando e cambiare canale, quando siamo pacificamente in poltrona, ci provoca molto più terrore che non vedere un uomo appeso con una corda al soffitto dondolarsi e prodigarsi in acrobatiche pose. La Rai punta ancora su un tipo di varietà autoreferenziale che stuzzica una parte di pubblico, quella che ancora ama vedere i reality dove i vip si coprono di ridicolo pur di continuare a rimanere sulla giostra e fare un altro giro.
Vota questo articolo
(0 Voti)

XXI edizione della Fiera del Disco e della Musica

Giovedì, 11 Ottobre 2018 18:38 Scritto da
Il 13 e il 14 ottobre al Palapartenope di Napoli si svolgerà XXI edizione della Fiera del Disco e della Musica. La kermesse vuole essere un luogo di incontro, di crescita, di dialogo per creare nuove sinergie tra gli attori e i protagonisti dell’universo musica: editoria, mercato discografico, artisti, etichette indipendenti, autori e associazioni. Saranno molte le nuove iniziative che si affiancheranno a quelle consolidate. Oltre ai numerosi espositori di dischi in vinile ci saranno: concorsi, workshop, mostre di fumetti e fotografiche e ovviamente live showcase. Sarà anche l'occasione per vedere esibirsi per la prima volta dal vivo Raiz & Radicato che pubblicano il 7 ottobre un nuovissimo lavoro discografico dal titolo “Neshama”, edito da Arealive con il sostegno di Puglia Sounds. Il frontman degli Almamegretta riceverà anche il Premio DiscoDays 2018. ORARI E PROGRAMMA Sabato 13 ottobre ore 16.00 Apertura Videoclip Sessions – Napoli Film Festival in collaborazione con Freak Out Magazine, proiezione in heavy rotation dei video musicali campani più belli del 2018. ore 17.00 Aniello Misto live (presentazione dell’album Parthenope) ore 17.30 Presentazione libro “Il nostro caro Lucio. Storia, canzoni e segreti di un gigante della Musica Italiana” di D. Zoppo ore 18.00 Urban Strangers live (presentazione dell’album u.s.) ore 18:30 Tommaso Primo live (presentazione dell’album 3103) ore 19.00 Anteprima Trailer del docufilm “Vinilici. Perché il vinile ama la musica” ore 19.30 Claudia Megrè live 20.30 Hydronika live (presentazione dell’album Cobalto) ore 22.00 Chiusura Domenica 14 ottobre ore 10.00 Apertura Videoclip Sessions – Napoli Film Festival in collaborazione con Freak Out Magazine, proiezione in heavy rotation dei video musicali campani più belli del 2018. ore 12.00 Firma-copie compilation DiscoDays XX ore 12.30 La Terza Classe live (presentazione in anteprima dell’EP “La Terza Classe”) ore 13.00 Presentazione libro “Bob Dylan. Parliamone” di Antonio Tricomi + Valerio Bruner unplugged live ore 17.30 Raiz & Radicanto live (Presentazione esclusiva dell’album Neshama e Premio DiscoDays) ore 18.00 Workshop con Avvocato Tozzi su Diritto d’Autore e SIAE ore 18.30 Mujeres Creando live ore 19.00 Presentazione libro “Levante. Caos dentro” di Giuliano Delli Paoli ore 19.30 Presentazione libro “Captain Mask Replica. Vita e arte di Don Van Vliet / Captain Beefheart” di F. Nunziata ore 21.00 Chiusura
Vota questo articolo
(0 Voti)
È ufficiale: dal 5 al 9 dicembre 2018 si terrà presso il Conservatorio di Napoli San Pietro a Majella la prima edizione dell’International Piano Competition ‘The Neapolitan Masters’ La competizione è dedicata ai Maestri della Scuola Napoletana e nasce con lo scopo di restituire centralità nel mondo musicale e culturale alla città di Napoli. Divisa per fasce d’età e fasi eliminatorie, è inserita nel circuito dei concorsi internazionali riconosciuti dalla prestigiosa Alink-Argerich Foundation, avrà in giuria concertisti di chiara fama tra i quali Alexey Bogorad del Teatro Bolshoi di Mosca e Giuseppe Devastato (Global Music Awards di Los Angeles) . Il primo premio sarà dedicato al grande Pianista Napoletano Sergio Fiorentino, le borse di studio ed i concerti in italia ed all’Estero rappresenteranno per i partecipanti un’importante trampolino di lancio per la carriera. Il concorso è organizzato dall’Associazione Mousikè con la Direzione Artistica di Luciano Ruotolo – Premio Culturale Internazionale Cartagine 2.0 2018
Vota questo articolo
(0 Voti)

I Baustelle al Pomigliano Jazz

Giovedì, 09 Agosto 2018 17:53 Scritto da
I Baustelle tornano a esibirsi dal vivo a settembre per un concerto esclusivo alla XXIII edizione del festival Pomigliano Jazz in Campania. Dopo il successo dei tour dedicati alla presentazione delle canzoni dell’ultimo album “L’amore e la violenza vol. 2”, entrato ai vertici della classifica di vendita e preceduto dal singolo “Veronica, n. 2”, mercoledì 5 settembre alle ore 20.30 la band toscana porterà in scena all’Anfiteatro romano di Avella uno show unico e particolare con la partecipazione straordinaria dell’ONJ – Orchestra Napoletana di Jazz. Con l’ensemble diretto da Mario Raja, i Baustelle dialogheranno in alcuni momenti del concerto, riarrangiando alcuni brani del loro repertorio con l’ausilio di una intera sezione di fiati. E così, accanto ai loro classici e ai brani dei recenti lavori “L’amore e la Violenza, vol.1 e vol.2” troveranno spazio sorprendenti rivisitazioni di “Le rane”, “La guerra è finita” o “Il Minotauro di Borges”, solo per citarne alcuni. Sul palco, con Francesco Bianconi (voce, chitarre, tastiere), Claudio Brasini (chitarre) e Rachele Bastreghi (voce, tastiere, percussioni), ci saranno Ettore Bianconi (elettronica e tastiere), Sebastiano de Gennaro (percussioni), Alessandro Maiorino(basso), Diego Palazzo (tastiere e chitarre), Andrea Faccioli (chitarre), oltre ai 10 musicisti dell’ONJ per una performance speciale e irripetibile.