Domenica, 11 Luglio 2021 18:57

Calcio, alla fine la spunta Lotito: Salernitana in A

Scritto da Pasquale Villani
Vota questo articolo
(1 Vota)

Caso Salernitana: il consiglio federale, approva il trust di Lotito Verrà celebrato il matrimonio tra la Salernitana e la serie A ? Questa, è stata la domanda che si sono posti i tifosi della Salernitana, per 22 anni. Si perché, è dalla stagione 98/99, che i tifosi granata, non entravano nella cattedrale del calcio italiano (un tempo d’Europa), la serie A. Il 10 maggio 2021, il club, ha ottenuto uno straordinario 2 posto nel campionato di serie B, ma ciò sarebbe potuto non bastare per affrontare Juve, Inter e company. Infatti, a frenare il risultato sportivo, poteva essere quello societario, il quale, da diversi anni aveva assunto una conformazione borderline (al limite, tra la legge e la violazione della medesima). Dal 21 luglio 2011, la Salernitana, ha avuto come proprietari Claudio Lotito e Marco Mezzaroma. Tale assetto societario, non avrebbe creato alcun tipo di problema sotto il profilo giuridico, se Lotito non fosse stato, anche presidente di un altro club militante nella stessa categoria, la Lazio. L’art. 16 bis delle NOIF (norme organizzative interne alla FIGC), si occupa delle partecipazioni societarie, nei seguenti termini: “non sono ammesse partecipazioni o gestioni che determinano in capo al medesimo soggetto controlli diretti o indiretti in società appartenenti alla sfera professionistica o al campionato organizzato dal Comitato Interregionale”; “ai fini di cui al comma 1, un soggetto ha una posizione di controllo di una società o associazione sportiva quando allo stesso, ai suoi parenti o affini entro il quarto grado sono riconducibili, anche indirettamente, la maggioranza dei voti di organi decisionali ovvero un’ influenza dominante in ragione di partecipazioni particolarmente qualificate o di particolari vincoli contrattuali”. Il comma 3, conclude, affermando che: “permanendo l’inosservanza del divieto di cui al comma 1, le società oggetto di controllo non sono ammesse al Campionato di competenza” .In pratica, sono vietate, le multiproprietà. Lotito, dopo la promozione in A, ha cercato di porre rimedio al problema, con un trust. Il trust, è un istituto giuridico ( anglosassone), con il quale un soggetto (disponente, nel caso di specie, Lotito), affida i beni ad un terzo (trustee), che li amministra (secondo le regole stabilite, nell’atto istitutivo del trust), nell’interesse di uno o più beneficiari, o per realizzare uno scopo specifico (nel caso della Salernitana, lo scopo, sarebbe la vendita). Il disponente, non viene coinvolto direttamente nelle scelte gestionali, ma può nominare un soggetto di fiducia (una sorta di guardiano), affinchè ,vegli sull’operato del trustee. Finalmente, dopo 2 mesi di paure, i tifosi della Salernitana possono tirare un sospiro di sollievo, in quanto il consiglio federale, ha dato il via libera al trust (denominato, Salernitana 2021) Mentre nelle scorse settimane, il trust era stato negato per mancata indipendenza dei suoi organi e e della stessa Salernitana, da Lotito, ora invece, la documentazione, è stata corrispondente alle aspettative richieste. La Salernitana avrà 2 trustee (Melior e Widar trust), un amministratore unico (il generale, Ugo Marchetti), un guardiano (il generale, Vincenzo Coppola), ma, dovrà essere ceduta, entro e non oltre il 31/12/2021 (pena, l’esclusione immediata, dal torneo). Inoltre, non potrà avere, alcun rapporto con la Lazio di Lotito ( es, sono vietate le trattative di mercato). La vicenda, quindi, sembrerebbe giunta, ad una conclusione (per ora). Eppure, quella delle multiproprietà, è una storia già sentita. Basti pensare, a quanto accaduto con Venezia e Mestre (entrambe ,militanti in C2) presiedute da Maurizio Zamparini; oppure al caso di Palermo e Roma con a capo Franco Sensi; ed ancora Pastorello con Verona e Parma; quello attuale di De Laurentiis, con Napoli e Bari. Una classe dirigente seria (quella sportiva , ma anche politica, dato che quest’ultima fa’ le leggi e né dovrebbe presiedere il rispetto), dovrebbe dare risposte a questi interrogativi, affinchè, le squadre ( e le relative tifoserie) possano, legittimamente contrarre il matrimonio con la loro serie d’appartenenza, senza bruschi divorzi.

Letto 530 volte Ultima modifica il Domenica, 11 Luglio 2021 19:00