Il Sistema, il racconto su Mafia Capitale non convince

Venerdì, 29 Aprile 2016 16:25 Scritto da  Pubblicato in Tempo Libero Letto 150 volte
Ebbene sì! È con immenso rammarico che siamo costretti a dirvi che la nuova fiction targata Rai Uno, Il Sistema in onda ogni lunedì alle 21.20 impressiona ma non convince. Il nuovo prodotto incentrato sulle recenti vicende che hanno travolto la Capitale d’Italia e portato a galla il famigerato mondo di mezzo che credevano rilegato alle storie narrate da Tolkien si fa materia viva ed investe e travolge Roma. Lo scandalo Mafia Capitale viene qui raccontato attraverso la figura di un Maggiore della Guardia di Finanza, Alessandro Luce (Claudio Gioé) che, dopo il suicidio del fratello, scopre che questi era sceso a patti con la criminalità per salvare la fabbrica di famiglia. Spinto dalla voglia di ottenere giustizia (c’è sempre il Cavaliere senza macchia e senza paura) Alessandro decide di infiltrarsi nel Sistema dove si troverà a rapportarsi con personaggi squallidi come Il Rosso, spietati come l’avvocato Alcamo ed intriganti come la dark lady Daria Fabbri, interpretata da una convincente e bellissima Gabriella Pession. Per portare a termine la sua “missione” Alessandro si farà aiutare dai suoi ex colleghi del Gico, gruppo speciale della Guardia di Finanza, ed è proprio lì che ritroverà l’ex fidanzata e capitano Floriana (Valeria Bilello) ancora innamorata di lui e in pena per la sua vita. Sulle prime la fiction ha conquistato, i dati auditel della prima puntata hanno ripagato gli sforzi, ma già la seconda messa in onda pare in affanno. La fiction è un misto di poliziesco, action puro dove le pieghe della storiella sentimentale si intrufolano giusto per ricordarci che siamo sempre su Rai Uno. Come non si può portare una fiction come Gomorra sulle reti nazionali, perché non verrebbe apprezzata, allo stesso modo non si può pretendere che il pubblico della rete ammiraglia gradisca un prodotto che predilige l’action e la storia raccontata alla curiosità di scoprire chi sceglierà Alessandro e se Daria si redimerà prima o poi. La linea di demarcazione è talmente tanto netta tra bene e male che sappiamo già per chi tifare, siamo già consapevoli che Alessandro non si farà incantare dal fascino dei soldi e che Daria è una buona travestita da cattiva. Non so se nella vita reale questo tracciato sia così netto, se i buoni restino tali sempre e comunque mentre i cattivi siano spinti ad azioni terribili perché nella vita hanno sofferto. Più che una fiction nazionalpopolare temo sia un prodotto più di nicchia ed in questo il paragone con la realtà la inchioda. Le vicende di Mafia Capitale ci hanno dimostrato tutt’altro, ci hanno fatto vedere che nel mondo di mezzo bene e male si fondono e alle volte i buoni sanno essere più spietati del cattivi.