Miss Curvy fa tappa a Napoli

Venerdì, 22 Luglio 2016 11:14 Scritto da  Pubblicato in Tempo Libero Letto 124 volte
Ospitato dal ristorante Gallo Nero di Napoli, in via Tasso, che dalle sue terrazze offre un panorama mozzafiato, oltre al cibo divino che il titolare offre attraverso una accurata ricerca di prodotti che permettono di realizzare leccornie da gran gusto, si è svolto il terzo casting nazionale per la scelta di 19 ragazze che, per la prima volta, saranno ammesse direttamente alle Prefinali nazionali di Jesolo con la fascia di Miss Curvy. Alla selezione si sono presentate 100 ragazze di varie regioni del sud, “in forma”, ma decisamente non grasse, indossanti taglie, dalla 44 alla 52. Una commissione tecnica composta dalle persone più qualificate per questa selezione di Miss Curvy, ha decretato le 9 del sud che passano a poter continuare il gioco di Miss Italia 2016 entrando a far parte del gruppo delle 25 che comprende le 16 già scelte nelle due precedenti tappe di Bologna e Roma. Dalle 25, entro lunedì prossimo 25 luglio, ne saranno scelte 15 che verranno promosse direttamente alle Prefinali di Jesolo, mentre per le 10 restanti la speranza non è terminata in quanto attraverso il popolo del web, sito www.missitalia.it, 4 ragazze verranno scelte e si aggiungeranno alle precedenti 15 formando le 19 miss che gareggeranno nelle prefinali nazionali del concorso di bellezza più amato dagli italiani per la conquista del titolo di “Le curvy di Miss Italia Keyrà 2016”, che per la rivalutazione che Patrizia Mirigliani patron del concorso ha voluto dare a questa fascia, è divenuto il più ambito di Miss Italia. Fra le nove ragazze selezionate a Napoli figurano quattro nostrane: Carmen Vollaro, 21 anni, di Sant’Anastasia (Napoli), studentessa di Economia e Management; Giovanna Di Guida, 23 anni, di Napoli, laureanda in Lingue e letterature europee; Miriam Rigione, 22 anni, di Napoli, studentessa dell’Accademia di canto; Paola Torrente, 22 anni, di Gragnano (Napoli), studentessa universitaria in ingegneria. Presente nella particolare giornata la Miss Curvy 2015 in carica, la campana Vincenza Botti. Patrizia Mirigliani afferma: “Abbiamo trovato un numero incredibile di curvy alla Loren, lo auspicavamo perché Sofia Loren non è solo l’icona d’Italia, ma anche di un certo modo di essere e rappresenta la donna anti crisi e noi stiamo appunto cercando la donna anti crisi. Purtroppo il mondo della moda non ci segue perché mentre negli altri paesi stanno capendo che le ragazze molto magre che sfilano e sembrano anoressiche hanno delle patologie e le stanno indirizzando a degli esami clinici, in Italia invece questo non avviene e continuiamo ad assistere a fenomeni che non danno un’idea di civiltà. Quindi un ulteriore messaggio che noi lanciamo al mondo della moda è che le ragazze da vestire sono quelle che girano in città e non solo quelle modelle da passerelle. Sulla nostra linea è lo stilista Alberto Cacciari, titolare di Keyrà, che ha capito i nostri obiettivi.” Sotto la vigile attenzione della patron di Miss Italia, la commissione giudicatrice delle curvy napoletana, si è impegnata a scegliere le più belle tra le tante belle con il lavoro presieduto da Elisa D’Ospina, portabandiera intelligente del mondo delle ‘forme morbide’, dall’attrice Maria Mazza, Miss Eleganza e terza classificata nel 1996, da Fabiana Sera, esperta di ‘bellezza, alimentazione e bullismo’, oltre che conduttrice radiofonica e attrice e dallo stilista Alberto Cacciari. Felicissima di rivivere momenti di Miss Italia, Maria Mazza che ci ha detto di essere particolarmente contenta di questa selezione che la Mirigliani ha voluto a Napoli e dell’invito fattole per essere giurata cosa ancor più gradita perché nella sua città, in quanto sappiamo con quanto amore sta crescendo la sua piccola stella, la figliola Sveva, per il qual motivo ha lasciato il fortunato programma di Paolo Bonolis "Avanti un altro". La grande attrice, però, rassicura subito i suoi fans affermando che: “nel prossimo autunno, a dicembre, tornerò sulle scene teatrali con la commedia “il bello della diretta” insieme al comico napoletano Lucio Pierri molto bravo nelle scritture e nella regia. Partiremo da teatro “Delle Palme” di Napoli per poi terminare la nostra tournée a Roma e sono veramente molto contenta di tornare al teatro dopo l’esperienza con Bonolis dove ho scoperto la mia gravidanza condividendola con il pubblico perché Paolo mi ha dato la possibilità di lavorare fino al nono mese. Inizierò da Napoli per poi spostarmi e porterò con me Sveva sperando che ami il teatro sin dai suoi soli due anni di vita e che possa assistere ad una mia replica con attenzione e passione senza magari gridare un mamma dalla platea. Ho la fortuna che mamma viva con me e che quindi possa darmi anche un aiuto in alcuni momenti di necessità, perché comunque sono una mamma giocherellona e provo grande gioia a trasmettere anche questo a mia figlia. Dico questo perché il mio compagno di vita Amedeo Quagliata, papà di Sveva, ovviamente ama anche lui essere sempre vicino a nostra figlia, ma per gli impegni che ha con i suoi quattro ristoranti ai quali si dedica anima e corpo per renderli il top dell’accoglienza, iniziando dalla ricerca dei prodotti per realizzare un’ottima cucina e tante altre attenzioni, molte volte è limitato a poter donare quei momenti felici che io cerco di compensare come è d’obbligo per una coppia che veramente si ama e ama essere una bella famiglia”. La curiosità per l’intervistatore, che si occupa anche prevalentemente di enogastronomia, è d’obbligo ed alla domanda alla Mazza per conoscere i nomi dei 4 ristoranti, questa risponde: ”Anzitutto la struttura che ospita oggi questo evento di Miss Italia, “La Barrique- Ristorante al Gallo Nero” in via Tasso 466, e poi la storica “trattoria Medina” nell’omonima via al N°32 a Napoli e la nuova sede, proprio di fronte al civico 43 e poi ancora “Serafino” al Vulcano Buono di Nola”. Le altre cinque elette della giornata rispondono ai nomi di: Serena Cassano 24 anni, di Castellaneta (Taranto), operatrice turistica; Roberta Campolattano, 24 anni, di Palermo, estetista; Giovanna Di Matteo, 24 anni, di Atessa (Chieti), laureanda in ingegneria; Gaia Parise,18 anni, di Cirò Marina (Crotone), studentessa; Valeria Verrico, 25 anni, di Roma, laureata in Filologia, tesi magistrale in greco e correlazione in latino.