"La Catturandi" arriva la fiction innovativa di Rai Uno

Domenica, 18 Settembre 2016 16:15 Scritto da  Paola Gentile Pubblicato in Tempo Libero Letto 993 volte

La Catturandi – Nel nome del padre è stata presentata come una delle fiction più innovative della stagione di Rai Uno. Nell’annunciarla al pubblico i vertici della tv generalista ci avevano assicurato che ci saremmo trovati dinnanzi ad un prodotto nuovo, mai visto prima, dinamico, lontano dai soliti cliché a cui siamo abituati quando si affronta la dicotomia Stato – Mafia che oppone, iconoclasticamente, i buoni Vs i cattivi; ebbene al momento, La Catturandi, offre scarne novità, copiosi “già visti” ed una psicologia dei personaggi poco stimolante per non dire povera. Ma siamo solo agli inizi direte voi, eppure il buongiorno si vede dal mattino. La fiction racconta il crimine dal punto di vista dei Buoni, ossia dei membri della squadra di Palermo nata nel lontano 1995, artisti della sorveglianza elettronica ed abili a rendersi invisibili, deputati all’arresto dei grandi latitanti ancora a piede libero. Uomini e donne costretti a turni massacranti e a stare ad ore ed ore incollati ad uno monitor per cercare di carpire anche il più piccolo movimento o parola proveniente dai boss e dai loro scagnozzi. Purtroppo però trasferire la realtà nella finzione non sempre è cosa facile, tra scene al rallenty, poliziotti in crisi esistenziale, ausilio di carte topografiche e passati irrisolti La Catturandi strizza l’occhio ad altri prodotti confratelli che vanno da La Narcotici fino a Sotto Copertura passando per il più recente Il Sistema. Fin qui non ci sarebbe nulla di male, qualche similitudine è inevitabile, se non fosse che i tre prodotti sopra citati, peraltro già andati in onda, siamo stati tutti partoriti da Rai Uno. La misteriosa morte del padre della poliziotta Palma Toscano (Anita Caprioli) tormenta la giovane fino a comprometterne la carriera. Durante un’importante operazione la donna viene assalita, infatti, da alcuni flashback riguardanti la sua infanzia che la paralizzano a tal punto da rischiare di morire. Da qui le viene revocato l’incarico di capo della squadra affidato a Valerio Vento alias Massimo Ghini, un poliziotto alla deriva dopo i fatti del G8 di Genova mandato a svernare in Sicilia. Il tema del doppio potrebbe essere una strada percorribile – anche se già trattato – battendo sul sentiero sicuro del “niente è mai come sembra” attraverso un viaggio nella vita e nelle sue contraddizioni dove il tradimento sentimentale ed amicale ci mostra come non ci si possa fidare di nessuno. Tra amori, omicidi, latitanti da consegnare alla giustizia e giovani leve criminali La Catturandi rischia di arenarsi per sei puntate in una palude narrativa a meno che non sappia tirare fuori qualcosa in più e stupire. Ottimo il cast. Colpisce sempre la maestria attoriale di Leo Gullotta.

Ultima modifica il Giovedì, 07 Marzo 2019 09:54