Vota questo articolo
(1 Vota)
Il prossimo 20 Maggio, referenti di Cantiere Giovani saranno ad Alcalá de Guadaíra (Spagna) per il primo incontro del progetto SIVIM. In quest’occasione incontreranno i rappresentanti della città spagnola per approfondire la ricerca sulla riduzione delle diseguaglianze affrontate da parte dei giovani che non hanno accesso alle opportunità di apprendimento offerte dai programmi europei di mobilità internazionale. Durante la prima fase di questo progetto, della durata di diciotto mesi, professionisti dei settori sociale, educativo e lavorativo svilupperanno insieme materiali didattici innovativi in forma di Toolkit per la Mobilità Virtuale. I contenuti, basati in metodologie educative non formali, proporranno attività virtuali grazie alle quali giovani che hanno difficoltà a viaggiare avranno l’opportunità di sviluppare competenze simili a quelli acquisite dai loro coetanei in grado di partecipare a mobilità internazionali. Una volta effettuato il confronto e sviluppato il materiale, il progetto passerà alla seconda fase: il test del Toolkit attraverso workshops con gruppi di giovani nei diversi contesti nazionali. Il progetto, cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma Erasmus Plus, sarà una pietra miliare verso una società europea pienamente inclusiva in cui tutti i cittadini europei abbiano accesso a un’istruzione di alta qualità e alle stesse opportunità di occupazione.
Vota questo articolo
(1 Vota)
Prodotti e produttori del Sud del Mondo ma anche del Domestic Fair Trade sono i veri protagonisti della “World Fair Trade Week” che dal 23 fino al 31 di maggio fa di Milano la capitale mondiale del commercio equo e solidale. Centinaia tra espositori, ristoratori, ricercatori universitari, piccoli imprenditori, fashion maker dell’economia sociale e solidale attesi da oltre 55 paesi. Un modo per disegnare il panorama mondiale del Movimento del Commercio Equo e Solidale. L’appuntamento è organizzato da WFTO – World Fair Trade Organization – ed Equo Garantito, l’Assemblea Generale italiana del Commercio Equo e Solidale in collaborazione con il Comune di Milano, grazie al sostegno di Fondazione Cariplo e del progetto EU ‘Food Smart Cities for Development’. Il movimento mondiale del Commercio Equo e Solidale si riunisce nella città di Expo2015 per raccontare di sovranità alimentare, giustizia, ambiente e diritti. «È un’occasione unica per Milano e il movimento globale del Fair Trade – afferma Rudi Dalvai presidente di WFTO – che, con la World Fair Trade Week, afferma un modello di produzione e distribuzione, quello del commercio equo e solidale, che ‘nutre’ il pianeta in modo equo da oltre 50 anni». IL PROGRAMMA – Sei gli eventi della World Fair Trade Week: la “World Fair Trade Conference” dal 24 al 27 maggio che accoglie al Hotel Klima oltre 221 delegati WFTO da 57 paesi del mondo, la “Milano Fair City” – prima fiera mondiale del Fair Trade – alla Fabbrica del Vapore di via Procaccini che ospita 170 espositori da 30 Paesi e un calendario di 40 tra incontri e conferenze. E ancora la “Fair&Ethical Fashion Show” all’ex Ansaldo prima fiera internazionale di moda etica e sostenibile con un ricco programma culturale e 30 espositori da 12 Paesi – prevista tra le altre la premiere italiana di ‘The True Cost’ docufilm di Andrew Morgan sul mondo della produzione della moda, il “Fair Trade Symposium” è organizzato insieme al Politecnico di Milano dove 70 ricercatori da 12 Paesi si confrontano su 59 paper di studio e l’assemblea annuale di “AGICES-Equo Garantito”, momento di incontro e confronto tra i protagonisti del settore in Italia. E infine la Milano “Fair Cuisine”, che dal 16 al 31 Maggio vede gli chef di 26 ristoranti di Milano e d’Italia confrontarsi con gli ingredienti della ‘dispensa etica’ del Fair Trade e proporre serate a tema Fair Trade.
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il Centro servizi per il volontariato Città metropolitana di Milano è alla ricerca di 6 Team Leader di volontari Expo che avranno il il compito di accompagnare, supportare e monitorare l’attività dei volontari sul sito espositivo svolgendo un ruolo di aggregazione e di rafforzamento dell’identità di gruppo e raccogliendo problemi o necessità dei volontari. Il rapporto di lavoro proposto prevede un coinvolgimento pari a 40 ore settimanali, a turni su 7 giorni, per 6 mesi continuativi dal 30 aprile al 31 ottobre 2015. La candidatura dovrà essere presentata entro le ore 24.00 di domenica 19 aprile 2015, solamente tramite curriculum vitae scritto secondo il format europass. Il curriculum vitae dovrà essere inviato a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. clicca qui per scaricare il bando di selezione

Vota questo articolo
(2 Voti)

La crisi economica, la drastica diminuzione delle risorse e delle donazioni “vecchio stampo” a sostegno delle organizzazioni di volontariato determina per i volontari la necessità di attivarsi per cercare di trovare nuove forme di collaborazione e di sostentamento coinvoglendo la comunità locale. CSV Napoli promuove una tre giorni seminariale che ha proprio lo scopo di presentare alle organizzazioni di volontariato le strategie più adeguate per approcciarsi al territorio, creare una nuova economia, continuare a offrire servizi valorizzando e coinvolgendo le piccole e medie imprese e non solo. Nel corso degli incontri saranno analizzati i punti chiave della collaborazione profit-no profit e verrà dato ampio spazio alle testimonianze delle OdV che hanno realizzato attività e offerto servizi con il sostegno delle realtà imprenditoriali del proprio territorio. PER ISCRIVERSI- Gli incontri sono gratuiti e si terranno nei giorni 11, 19 e 20 marzo 2015 dalle ore 14.00 alle ore 18.00 presso il CSV Napoli. Possono partecipare al massimo 35 rappresentanti di OdV. Per aderire è necessario compilare la scheda iscrizione in allegato e inviarla all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Le iscrizioni saranno accolte in ordine di arrivo fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Vota questo articolo
(1 Vota)

E’ stato prorogato al prossimo 28 febbraio il temine ultimo per la presentazione delle istanze relative al Bonus Idrico 2016, strumento che l’Ente d’Ambito Sarnese Vesuviano ha messo a disposizione degli utenti, nell'ambito delle agevolazioni tariffarie a carattere sociale, per supportare i nuclei familiari che vivono particolari situazioni di disagio economico. Ancora un mese di tempo, dunque, per le famiglie che dispongono di un'attestazione ISEE, relativa all’anno 2016 (redditi 2015) di valore inferiore od uguale ad € 7.500,00 e le famiglie "numerose" con quattro o più figli a carico, con ISEE non superiore ad €20.000,00. Il Bonus Idrico 2016 prevede uno sconto in bolletta di 29,2 metri cubi di acqua l’anno, pari a 80 litri al giorno per ciascun componente del nucleo familiare. Sono a disposizione delle famiglie in difficoltà economica € 3.556.550, comprensivi delle somme residue dell’anno 2015, non utilizzate. Le domande per richiedere il Bonus Idrico vanno presentate presso gli uffici dei Servizi Sociali del Comune di residenza utilizzando l'apposita modulistica. Sono i Comuni, infatti, a predisporre il Bando e le procedure selettive per l'individuazione dei singoli utenti beneficiari, sulla base dei criteri stabiliti dall'Ente d'Ambito.