Pedalare di più per far crescere il Pil in Italia In evidenza

Domenica, 24 Settembre 2017 18:58 Scritto da  Francesco Saverio Bianco Pubblicato in Economia Letto 103 volte

È stato stimato che in Italia, un utilizzo costante della bicicletta da parte dei cittadini, inciderebbe sul PIL con un saldo positivo, oscillante tra i quattro e i sei miliardi di Euro. Il valore di stima suddetto è calcolato alla stregua del fatturato del settore ciclistico, dei risparmi delle spese sanitarie, infrastrutturali e ambientali, derivanti dall’utilizzo di questo mezzo di trasporto. Legambiente ha parlato di PIB (Prodotto interno bici), che è più elevato nelle regioni del nord Italia, i cui residenti confermano e testimoniano una maggiore attenzione alle tematiche ambientali, ma anche una maggiore propensione all’attività fisica. Seppur l’Italia, nel settore ciclistico, è il secondo esportatore europeo, dopo il Portogallo, non ricopre un ruolo altrettanto elitario in termini di utilizzo del veicolo in questione, complice senz’altro l’assetto urbanistico sfavorevole, quindi l’assenza di percorsi ciclabili e la presenza di un numero troppo elevato di autovetture, che di fatto rende difficile la circolazione delle biciclette. Non è in discussione, comunque, che un maggior utilizzo della bicicletta permetterebbe alle nostre città una migliore vivibilità ed indurrebbe alla predisposizione di un’urbanistica funzionale a città senz’altro più pulite. Se la bicicletta è rispettosa dell’ambiente, permette anche di risparmiare a chi la usa, insieme al mantenimento della forma fisica. Insomma, tutto depone a favore dell’utilizzo della bicicletta ed allora non ci resta che pedalare!!!

Ultima modifica il Domenica, 24 Settembre 2017 20:07
Altro in questa categoria: Approvata la Legge di stabilità »