Vota questo articolo
(0 Voti)

Al Teatro Bellini dal 12 febbraio "Macbettu"

Giovedì, 07 Febbraio 2019 20:29 Scritto da
Teatro Bellini, dal 12 al 17 febbraio Macbettu tratto dal Macbeth di William Shakespeare traduzione in sardo Giovanni Carroni con Fulvio Accogli, Andrea Bartolomeo, Leonardo Capuano, Andrea Carroni, Giovanni Carroni, Maurizio Giordo, Stefano Mereu, Felice Montervino musiche pietre sonore Pinuccio Sciola composizioni pietre sonore Marcellino Garau regia, scene, luci, costumi Alessandro Serra coproduzione Sardegna Teatro, Compagnia TeatropersonaFinalmente il Macbettu di Alessandro Serra – vincitore nel 2017 dell’UBU come miglior spettacolo e del premio ANCT – arriva al Teatro Bellini. Lo spettacolo traduce – e volontariamente tradisce – il suo riferimento testuale, il Macbeth di Shakespeare, valicando i confini della Scozia medievale per riprodurre un orizzonte ancestrale: la Sardegna, terreno di archetipi, orizzonte di pulsioni dionisiache. La riscrittura del testo operata dal regista, trasferita poi in limba sarda da Giovanni Carroni, guarda a una interpretazione sonora per cui gli attori si allontanano dal giogo dei significati per magnificare il senso e dare vita sul palco all’universalità della vicenda di Macbeth. Gli interpreti- solo uomini, come da tradizione elisabettiana – con maschere, sonagli e abiti scuri, si donano corpo e voce ad una regia tutta sonorità e ritmo. «Quell’incedere di ritmo antico, un’incombente forza della natura che sta per abbattersi inesorabile, placida e al contempo inarrestabile: la foresta che avanza», con queste parole Serra descrive la suggestione da cui ha preso forma il suo lavoro. Il risultato è uno spettacolo ricco di meraviglia tragica e affascinante, in grado di utilizzare elementi della tradizione in modo contemporaneo. In uno spazio evocativo, gli attori si muovono seguendo precise traiettorie coreografiche e Macbettu inquieta con atroce bellezza. Teatro Bellini, dal 12 al 17 febbraio Orari: feriali ore 21:00, domenica ore 18:00 Prezzi: da 14€ a 32€ – 15€ Under 29 tutti i giorni della settimana M A C B E T T U
 di Alessandro Serra tratto dal Macbeth di William Shakespeare con Fulvio Accogli, Andrea Bartolomeo, Leonardo Capuano, Andrea Carroni, Giovanni Carroni, Maurizio Giordo, Stefano Mereu, Felice Montervino traduzione in sardo e consulenza linguistica Giovanni Carroni
 collaborazione ai movimenti di scena Chiara Michelini musiche: pietre sonore Pinuccio Sciola composizioni pietre sonore: Marcellino Garau regia, scene, luci, costumi Alessandro Serra
Vota questo articolo
(0 Voti)

"Lezioni di storia" al Teatro Bellini

Giovedì, 07 Febbraio 2019 20:26 Scritto da
LEZIONI DI STORIA – NUOVO CICLO QUATTRO APPUNTAMENTI Promosso dalla case editrice Laterza, in collaborazione con il Teatro Bellini e l’Associazione A Voce Alta, il 10 febbraio si apre un nuovo ciclo di quattro appuntamenti con le Lezioni di Storia, che si terranno la domenica mattina alle ore 11.00 presso il Teatro Bellini. I quattro appuntamenti saranno tenuti dal professore Francesco Barbagallo, Professore emerito di Storia contemporanea all’Università di Napoli Federico II. Prezzo: 8€ intero, 6€ ridotto – Abbonamento 18€ intero, 15€ ridotto Primo appuntamento 10 febbraio L’Italia nel mondo contemporaneo 1945-2018 1945-1961- La democrazia e lo sviluppo nel tempo della guerra fredda L’Italia diventa una Repubblica democratica con una Costituzione molto avanzata sul terreno dei diritti sociali. È una frontiera della guerra fredda, divisa da profondi conflitti. Ma la sua classe dirigente, al governo e all’opposizione, si dimostrerà all’altezza dei drammatici problemi. Il paese passerà dalla miseria al benessere e si insedierà tra i paesi più avanzati.
Vota questo articolo
(1 Vota)

Al Teatro San Carlo va in scena "Pagliacci"

Giovedì, 07 Febbraio 2019 18:33 Scritto da
Dal 3 al 9 febbraio al Teatro San Carlo di Napoli va in scena "Pagliacci" di Ruggiero Leoncavallo nell'allestimento di di Daniele Finzi Pasca. “Sogno, ma non elusione della realtà – dice Finzi Pasca – dove il tragico epilogo è ineludibile.Pagliacci è un titolo che sento molto vicino alla mia natura e alla mia estrazione artistica. Quando ho curato questo allestimento, ho cercato di ragionare prima di tutto sulla dimensione del pagliaccio, e ho voluto che tutti i personaggi fossero dei clown. Ho utilizzato poi la presenza degli acrobati, veri e propri doppioni dei protagonisti, per amplificare le emozioni e la dimensione di ogni singola immagine sul palcoscenico”. Il Cast: Maria José Siri sarà Nedda, in alternanza con Viktoriia Chenska, Antonello Palombi e Arsen Soghomonyan interpreteranno Canio, Tonio avrà la voce di Lucio Gallo e Dimitris Tiliakos mentre a vestire i panni diPeppe ci saranno Alessandro Liberatore eFrancesco Pittari. Il Campano Davide Luciano darà volto e voce aSilvio. Le scene sono di Hugo Gargiulo, le coreografie di Maria Bonzanigo e i costumi di Giovanni Buzzi.
Vota questo articolo
(0 Voti)
È stato presentato ieri al Pan, alla presenza dell’assessore alla Cultura e al Turismo, Nino Daniele, del coordinatore del Festival, Maurizio Del Bufalo e altri rappresentanti del Direttivo del Festival, il calendario di eventi dell’ultima settimana della decima edizione del Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli. Testimonial della presentazione il musicista Maurizio Capone, frontman dei BUNGT e BANGT. Dopo il Festival Diffuso, che ha toccato in questo mese di novembre tutta l’area cittadina con anteprime e incontri, il Festival entra ora nel vivo con il concorso e gli eventi internazionali che si terranno dal 27 novembre al 5 dicembre a Forcella, nello Spazio Comunale Piazza Forcella, in Via Vicaria Vecchia 23, e che toccherà anche altre sedi cittadine. Molti gli ospiti che si alterneranno nell’ultima settimana di proiezioni del Festival, che cade nell’anniversario dei 70 anni della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e che proprio per questo si intitola “Lotte, conflitti, diritti – 70 anni di resistenze umane”. Tra questi Gino Strada, il fondatore di Emergency, che incontrerà i detenuti di Poggioreale in compagnia di Alex Zanotelli il primo dicembre. Altri appuntamenti con Gabriele Del Grande, Iffat Fatima, Maria Elena Benites, David Fedele, Ivan Grozny Compasso, la delegazione Onu di Damasco (Siria) guidata da Hala Ritzk (UNDP officer), accompagnata dal regista Simon Safieh e Laura Petricciuolo di Amnesty Italia.
Vota questo articolo
(0 Voti)

World Press Photo in mostra al PAN

Giovedì, 22 Novembre 2018 19:05 Scritto da
©ph. Ronaldo Schemidt - Agence France Presse La mostra del più prestigioso e chiacchierato premio di fotogiornalismo torna a Napoli. Dal 24 novembre al 16 dicembre il PAN (Palazzo delle Arti di Napoli) ospiterà le foto dei vincitori del World Press Photo. Mostra presente in oltre 100 città e più di 45 Paesi, la tappa partenopea è organizzata grazie all’impegno di CIME e al supporto dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo e con il Patrocinio del Comune di Napoli. La cerimonia del taglio del nastro inizierà alle 11.30 con la illustre partecipazione del fotoreporter iraniano Manoocher Deghati, alla presenza del sindaco di Napoli Luigi de Magistris e dell’assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli Nino Daniele. Dalle 12.30 è prevista l’apertura al pubblico. L’esposizione presenta a chi la visita i 135 scatti vincitori, realizzati da 42 fotografi provenienti da 22 paesi di tutto il mondo (Australia, Bangladesh, Belgio, Canada, Cina, Colombia, Danimarca, Egitto, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Norvegia, Russia, Serbia, Sud Africa, Spagna, Svezia, PaesiBassi, RegnoUnito, USA e Venezuela). Una giuria internazionale ha esaminato per tre settimane 73.044 fotografie di 4.548 fotografi. La giuria era composta da Magdalena Herrera, direttrice della fotografia Geo France, France Thomas Borberg, capo photo-editor di Politiken, Marcelo Brodsky, visual artist, Jérôme Huffer, capo del dipartimento fotografico di Paris Match, Whitney C. Johnson, vice direttrice della fotografia al National Geographic, BulentKiliç, responsabile fotografico di AFP in Turchia, Eman Mohammed, fotogiornalista. Vincitore assoluto di questa edizione è stato Ronaldo Schemidt, fotografo venezuelano dell’Agence France-Presse, che ha immortalato un ragazzo, investito dalle fiamme a causa della esplosione di una motocicletta, che scappa durante una manifestazione di protesta del 3 maggio 2017 contro il president Nicolás Maduro, a Caracas. Il ragazzo si chiama José Víctor Salazar Balzaed è sopravvissuto riportando delle ustioni di primo e secondo grado. La foto ha anche vinto il primo posto nella categoria Spot News, immagini singole.