Angelo Ranieri presenta il suo "potente spettacolo"

Scritto da  Pubblicato in Cultura Letto 1504 volte

Ci sono sensazioni che non si possono frenare, semplicemente accadono. E ci lasciano sconvolti, imbarazzati, senza parole per definirle: il senso della vita, le parole del mondo, un bacio a labbra sfiorate, due occhi che si toccano come fossero mani, una poesia in un libro che commuove quanto il primo giorno di luce dopo tanto buio. Si è svolta giovedì sera 27 aprile, presso la Sala Consiliare del Comune di Terzigno, la presentazione di “Che il potente spettacolo continua”, primo libro del giovane e talentuoso poeta vesuviano, Angelo Ranieri. Promotore della serata, l’avv. Vincenzo Aquino, a cui è spettato il saluto istituzionale e l’esposizione dei motivi che lo hanno condotto all’attuazione di questo evento. E’ intervenuta, inoltre, la prof.ssa Assunta Maiello, docente di lettere del Liceo A. Diaz di Terzigno, la quale ha fornito utili indicazioni sull’approccio dei ragazzi alla poesia e, in particolare, su come Angelo, che ha seguito nell’ultima fase degli studi superiori, si sia avvicinato al mondo letterario. Pasquale Ambrosio ha dato voce ad alcune pagine del libro, con slancio emotivo e forte coinvolgimento. L’intera presentazione è stata moderata da Antonella Bianco, giornalista de “Il Vesuviano”. “Che il potente spettacolo continua” nasce da un verso di una poesia di Walt Whitman, citata all’interno del film “L’attimo fuggente”. All’interno del libro si susseguono maturi spunti di riflessione sull’esistenza che va e che viene pur restando sempre intatta, sull’instancabile forza delle parole e su quella rigenerante di chi le crea, sulla guerra che non finisce ma può rallentare, sui bambini che sanno sognare ancora. Angelo è un ragazzo che è andato via da Terzigno ma sa ritornare, con un bagaglio pieno di tutte le cose viste lontano da qui. Angelo è un uomo che ha trovato in anticipo il coraggio di mettersi in gioco e prendere la propria vita in mano per investirla nei contesti più affini. Angelo è un po’ una lezione che a scuola non ci hanno impartito: una scelta senza rimpianti. Un libro per i romantici dalle situazioni impossibili, indaffarati a vivere col domani in tasca e mai lanciato in avanti con la brama di rincorrerlo. Un libro per chi ha voglia di fare un tuffo nell’amore che non torna, in quello che ci abbraccia i pensieri e in quello che verrà, e che ci lascia addosso la consapevolezza che alle cose belle della vita non occorre aprire la porta: conoscono la strada per raggiungerci anche ad infissi sbarrati.

Ultima modifica il Martedì, 02 Maggio 2017 09:20