Vota questo articolo
(0 Voti)
Napoli «esplode di cultura, turismo e partecipazione popolare». È quanto dichiarato dal sindaco della città partenopea, Luigi de Magistris che, insieme all’assessore, Ciro Borriello e il presidente della IV Municipalità Perrella, è stato in via San Gregorio Armeno, la celebre starda dei presepi, in occasione dell’accensione delle luminarie. «Sono molto soddisfatto quest'anno - ha detto ancora il primo cittadino - più degli anni scorsi: c'è stata una grande intesa già da settembre, tra tanti operatori economici, commercianti, associazioni e, ovviamente, il Comune, tutti insieme per superare i 20 chilometri di strade della città da illuminare». De Magistris ha anche voluto ricordare che l'economia della città, «si consolida sempre più», un risultato frutto, «di tanto lavoro e tanta energia. Siamo contenti e lavoriamo ogni giorno per garantire maggiori servizi per la nostra città, come meritano i napoletani e i turisti».
Vota questo articolo
(0 Voti)
«Dignità del lavoro affinché i lavoratori non siano costretti a vivere in concorrenza gli uni con gli altri. I proventi della mafia vengono reinvestiti nell’amministrazione della cosa pubblica. Accettare ed incentivare il ribasso negli appalti pubblici significa aprire le porte all’illegalità». Sono state parole chiare e precise, come è nel suo stile, quelle pronunciate dal Segretario Generale della CGIL,Susanna Camusso, nella due giorni calabrese che l’ha vista protagonista, martedì 23 gennaio, nella splendida cornice del Protoconvento francescano di Castrovillari, in un Teatro Sybaris gremito in ogni ordine di posto. Le sue parole fanno da sintesi al tema del convegno “Lavoro è legalità” dove, forse per la prima volta la congiunzione diventa verbo al fine di affermare con convinzione un secco “No” ad ogni forma di criminalità e di intimidazione mafiosa, testimoniata dalla presenza forte e diretta di don Ennio Stamile, parroco di Cetraro e coordinatore regionale di Libera, l’associazione di don Ciotti che da anni si batte contro ogni forma di sopruso ed ingiustizia sociale. «Chi fa atti intimidatori è un vigliacco - urla con decisione don Ennio - Non ci fermeremo. Alzeremo la voce. Il cancro di questa terra si chiama ‘ndrangheta. Continueremo a denunciare e a sedere, al fianco della CGIL, nei processi che vedono la ‘ndrangheta come imputata». E un auspicio «Liberare chi libero non lo è. Chi non ha né santi in paradiso né diavoli in terra, chi non ha politici potenti ai quali rivolgersi, chi non ha raccomandazioni». Asserire che il lavoro genera legalità e viceversa è un’illusione, ha sottolineato la Camusso, rimarcando la sua posizione di netto rifiuto del caporalato, rivendicando la paternità della CGIL al raggiungimento della legge che mette fine al caporalato che, in terra calabra, è una piaga mai veramente rimarginata e sempre pronta a sanguinare nuovamente. L’unico, grande, strumento per combattere l’illegalità è «il divieto di intermediazione di manodopera con il ripristino di elenchi presso le amministrazioni comunali che toglie qualsiasi alibi alle imprese perché avviene nella più completa trasparenza». «La CGIL - ha aggiunto la Camusso- non può essere il supplente dello Stato quando questi non c’è». Sulla piaga del lavoro - in Calabria si registra il 23% di disoccupazione giovanile, il 38 % di NEET e un economia sommersa del 21% - il segretario si è espresso senza mezzi termini «Un lavoratore in nero è un lavoratore ricattato. Basta ai contratti pirata fatti da imprenditori compiacenti e da sindacati che nascono e muoiono nel giro di poco tempo». E poi un appello alla politica «Non candidate chi ha condanne, sub iudice e comportamenti non legali». Parole, quelle della Camusso, che trovano eco in quelle di Giuseppe Guido, Segretario Generale della CGIL comprensoriale«La mafia fa proseliti toccando le corde deboli della società. Il lavoro relega in un angolo la ‘ndrangheta. Non saremo il bacino di voti di nessuno, ma bacino di idee messe a disposizione di quanti vorranno usufruirne come volano di sviluppo del nostro territorio» e poi l’affondo «Diremo No al Jobs Act. No ai perenni tirocini» puntando «ad un’offerta scolastica di qualità, al miglioramento del trasporto pubblico locale, ad un distretto agricolo d’eccellenza e ad un potenziamento viario». Rimarca Guido «La S.S 106 Sibari-Roseto deve essere completata» e su questo punto coglie l’appoggio totale del sindaco di Roseto Capo Spulico, Rosanna Mazzi che definisce la strada statale «una vergogna italiana colpa di un balletto surreale tra Ministero dei Beni Culturali e Ministero dell’Ambiente». Posizioni suffragate dagli interventi di Angelo Sposato, Segretario Generale CGIL Calabria, dal Presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, dal relatore Francesco Spingola e dalle testimonianzedelle tre lavoratrici: Rosaria Aiello, Carolina Luzzi e Carmela Errico. In apertura i saluti del vicesindaco di Castrovillari, Francesca Dorato che ha rimarcato l’importanza «della conoscenza del territorio. Solo conoscendolo si comprende la quantità del problema». Amara ma realistica la sintesi tratteggiata dalla Camusso che non manca di scoccare una freccia all’indirizzo del governo regionale, reo di non avere «un orizzonte verso il quale andare. La Calabria ha bisogno di un sogno e di un avvenire al quale guardare».
Vota questo articolo
(0 Voti)

La giunta comunale di Ottaviano ha approvato il nuovo bilancio di previsione. Sono state adottate misure importanti e interventi a favore delle fasce deboli, dello sport, del sociale. Per esempio, le società e le associazioni sportive di Ottaviano che usufruiranno degli impianti sportivi pagheranno il 70% in meno rispetto alle tariffe ordinarie e tutti i cittadini pagheranno il 25% in meno la carta di identità elettronica (è stata eliminata la quota a carico del Comune). Inoltre, è stato avviato un piano di spending review che consentirà un risparmio significativo sui costi della carta, delle stampanti, delle utenze telefoniche ed elettriche e sulle altre spese dell’ente. Ancora: la mensa scolastica per le famiglie con reddito basso è gratis e sono stati accantonati fondi per la riqualificazione e la manutenzione di strade e scuole. Infine, con gli avanzi di amministrazione saranno rimesse a nuovo ancora altre strade. Soddisfatto il sindaco di Ottaviano, Luca Capasso: “Devo ringraziare gli assessori Virginia Nappo, Paolo Iovino, Marilina Perna, Salvatore Rianna e Amatore Sciesa: abbiamo lavorato tutti insieme, ancora una volta, per i cittadini e per Ottaviano”.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Minori, accoglienza dei migranti, lavoro e giovani. Sono questi i temi su cui verterà l'incontro con Emma Bonino, leader di +Europa, lista nata per supportare il Movimento Radicale italiano in occasione delle prossime elezioni politiche del 4 marzo. Un momento di confronto con i giovani e i rappresentanti del mondo del Terzo Settore, con i protagonisti di quel cambiamento che proprio da certe zone della città è partito in maniera decisa e inesorabile. Il sociale come punto di incontro e di confronto, dunque, partendo da temi di stringente attualità che aspettano risposte immediate e concrete. All'incontro, organizzato da Giuseppe Scognamiglio, candidato nel listino plurinominale di +Europa, parteciperanno, oltre a Emma Bonino, anche Marco Rossi Doria e Paolo Siani, candidati nelle liste del partito democratico. Un dibattito costruttivo, un momento di confronto con alcuni rappresentanti della coalizione di centro-sinistra che punta a dare maggiore stabilità al nostro paese partendo da temi concreti e attuali. Alla mattinata è prevista la presenza di una rappresentativa di Sanitansamble orchestra giovanile made in rione Sanità.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Palma Campania, il M5S programma il futuro

Domenica, 15 Ottobre 2017 20:48 Scritto da

La città di Palma Campania si prepara per le elezioni amministrative previste per il prossimo anno. Dopo la riunione organizzativa tenutasi la settimana scorsa, per il partito simpatizzante al Movimento 5 Stelle, sono stati nominati i seguenti portavoci l’avv. Martino Gragnianiello, il prof. Giulio Bellucci e il dott. Mario Enrico, i quali stanno programmando e stilando il programma elettorale. Al meet up tenutosi nella città del Carnevale, erano presenti anche il senatore Sergio Puglia e il consigliere regionale Luigi Cirillo. Gli obiettivi- dichiarano i porta voci- è programmare, per dare un segnale per il futuro della città di Palma Campania. Un programma basato sulle esigenze del popolo, stilato in democrazia partecipata con obiettivi ben chiari e precisi. Il commercio e l’immigrazione saranno i punti forti del programma senza tralasciare ogni aspetto, in ogni settore per il bene di Palma Campania. Nelle prossime riunioni organizzative del Movimento sarà deciso, con ogni probabilità, il candidato sindaco che concorrerà per le prossime amministrative.