Migranti e volontari, così la pineta del Vesuvio torna pulita In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Cronache Letto 2104 volte

Terzigno risponde presente alla richiesta formulata dai consiglieri di maggioranza Salvatore e Autilia Carillo. Hanno risposto presente all'appello di ripulire la pineta tanti volontari e le associazioni del territorio che si mobilitano, da qualche tempo, alla rinascita sociale e culturale del paese, ed è per questo che bisogna menzionarle: N’ata storia, I Giovani della Piazza, Carnevale Terzignese, Laboratorio Pubblico, La ginestra e il Comitato Diaz. Gli interventi di bonifica straordinaria sono cominciati dalle ore 7,00 di sabato mattina nell’area adiacente alle giostrine di via Salvatore Emblema che è stata bonificata. Tanti cumuli di spazzatura sono stati accantonati e rimossi dalla pineta, variegata la tipologia degli oggetti ritrovati: dalle vecchie cabine telefoniche ad anfore di creta, da sedie e oggetti di automobili a utensili da casa, dall’intimo di qualche ragazza a varie tipologie di abbigliamento. Un grazie particolare alla comunità degli extracomunitari di via Panoramica, che sono accorsi in massa per pulire l’area garantendo a chiunque di trascorrere una giornata nel verde. “Questa è stata una vera dimostrazione di attaccamento al proprio territorio” sentenzia il consigliere Carillo, “l’amore per la propria terra, si dimostra anche con questi piccoli gesti”. L’hastag riprendiAMOcilapineta ha dato i suoi frutti, nella speranza che in questi giorni di festa non ci siano i soliti maleducati e incivili a sversare rifiuti di ogni sorta nel parco del Vesuvio. 

Ultima modifica il Martedì, 18 Aprile 2017 10:41