Vota questo articolo
(1 Vota)

Il 31 Dicembre 2018, il Miur ha reso pubbliche le Commissioni esaminatrici dell’ultimo concorso a Dirigente scolastico, lasciando irrisolte le problematiche legate all’espletamento del concorso a dirigente scolastico  del 2011. E’ bene ricordare che in quest’ultimo caso, l’iter è stato piuttosto complesso, tanto da rallentare l’assunzione dei vincitori avvenuta grazie alla legge n. 107/2015, cd legge sulla “buona scuola” che si è preoccupata di sanare anche la situazione di quei docenti-concorrenti del concorso a DS 2004/2006 che avessero avuto un ricorso pendente alla data di entrata in vigore della legge (2015), pur non avendo superato alcuna prova concorsuale, escludendo clamorosamente i ricorrenti al concorso del 2011, in analoga situazione o addirittura con delle prove superate! A fronte di una palese disparità di trattamento, il Consiglio di Stato ha depositato a giugno 2017 l’ordinanza n. 3008/2017, con cui ha inviato gli atti alla Corte Costituzionale per violazione art. 3 Cost sul diritto di eguaglianza.L’udienza fissata per il 20 Novembre 2018 è stata rinviata sine die, per l’accoglimento dell’istanza dell’Avvocatura dello Stato in cui si legge testualmente: “ ..su impulso dell’Amministrazione tali proposte potrebbero fondatamente trovare sbocco in un intervento legislativo nella prossima legge di bilancio e sarebbero rivolte a sanare le criticità che hanno dato adito all’incidente di costituzionalità oggetto di imminente discussione, anche in un’ottica di prevenzione di futuri contenziosi..” Nessun emendamento è stato presentato dal Governo nella legge di stabilità appena approvata, contravvenendo all’impegno assunto dinanzi la Corte Costituzionale, con il risultato che continuerà la battaglia legale mia e di altri colleghi per vedersi cancellare quello che sembra essere un odioso “privilegio” in favore di “alcuni” e a discapito di “altri”. Non è certo questa la strada per “ prevenire i futuri contenziosi..”.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Una tragica notizia ha scosso la comunitá terzignese. Oggi pomeriggio è venuto a mancare il Maresciallo Maggiore Giuseppe Marchese, 58 anni e per oltre 10 anni comandante della stazione carabinieri della città vesuviana. Il sottufficiale è deceduto a seguito di una ischemia celebrale. Originario di Diamante, il Maresciallo Marchese assunse il comando della stazione agli inizi del duemila succedendo al maresciallo Inverso. In servizio a Terzigno fino al 2011 Marchese era stato poi destinato al nucleo investigativo del comando gruppo di Torre Annunziata. I funerali so svolgeranno nella sua cittá di origine. La redazione del Vesuviano esprime le più sentite condoglianze a Vincenzo Marchese, figlio del maresciallo Giuseppe, che in passato è stato collaboratore del nostro giornale.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Nelle scorse settimane una rete di associazioni ha intrapreso un'azione di monitoraggio del territorio vesuviano mettendo in luce le criticità ambientali dei comuni del Parco Nazionale del Vesuvio: da quest'impegno è nato un esposto inviato alle autorità competenti. Settimane di lavoro per mappare le discariche: è il lavoro svolto dai volontari di una rete di associazioni che ha inviato un esposto, con tanto di foto georeferenziate, all'Ente Parco Nazionale del Vesuvio, ai sindaci vesuviani e alle autorità competenti. Quintali di rifiuti in ogni comune del Parco (con l'eccezione di Boscoreale, la cui porzione è piccolissima): spesso sono intere strade e vie vicinali ad essere oggetto dell'abbandono, come nel caso della Zabatta, tra San Giuseppe Vesuviano e Terzigno, e di Via Vesuvio ad Ercolano, ma anche zone limitrofe alle discariche storiche, come l'Amendola-Formisano, Cava Sari, Cava La Marca e la cosiddetta "Porcilaia" tra Torre del Greco e Trecase. Un problema che interessa anche i sentieri ufficiali del Parco: sul sentiero n. 7, meglio conosciuto come "Profica Paliata", a San Giuseppe Vesuviano, sul n. 8, "Trenino a Cremagliera", tra San Sebastiano al Vesuvio ed Ercolano e soprattutto su quello dell'Olivella, il n. 10 di Sant'Anastasia, è stata riscontrata un'azione reiterata di scarico nella più totale disattenzione delle autorità. Tra gli ambientalisti che hanno contribuito a mappare le discariche in area Parco ci sono Francesco Servino e Ciro Teodonno, che nelle vesti di giornalisti si occupano spesso delle criticità ambientali. "Se i soldi ci sono vengano impiegati per la bonifica delle discariche" ha dichiarato Servino: "Nove milioni di euro destinati, a quanto pare, alla costruzione di "simboliche" Porte del Parco, info point e all'apertura di qualche sentiero sembrano essere un enorme spreco di denaro: il riferimento è al "Grande Progetto Vesuvio", che quando fu annunciato, un anno fa, indicava come punto focale la bonifica di tutte le discariche in area Parco, una promessa che va mantenuta. La tutela della salute umana e dell'ambiente tornino ad essere centrali: il Parco tenga conto dei cittadini". In merito al "masterplan" presentato dal Parco, che prevede l'esborso di circa 9 milioni di euro per i sentieri e la fruizione del Vesuvio, anche i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, hanno espresso le loro perplessità, parlando di "grandi promesse che lasciano già l'amaro in bocca e il timore che ingenti somme rischino di essere utilizzate per progetti meritevoli ma non di primaria importanza quando in gioco c'è la salute dei cittadini vesuviani" e invitando l'Ente Parco a istituire le consulte, per una maggiore cooperazione con associazioni, volontari e ambientalisti. L'esposto, scaturito da un appello dell'Associazione Primaurora di Torre Del Greco, reca anche le firme delle associazioni Club Alpino Italiano (CAI), Let's Do It Italy, Università Verde, M.T.B. Vesuvio, Mamme Vulcaniche, Salute Ambiente Vesuvio, Comitato Fuochi Marcianise, Noi Genitori di Tutti, Arcadia (Terzigno), Animal Amnesty Onlus, Falchi del Vesuvio, Rete Cittadini Volontari, Arcadia (Gricignano d'Aversa), Collettivo Volontari per il Vesuvio, Collettivo Città Visibile, Associazione Lello Volpe con i Bambini, Fondali Campani, Aucelluzzo.it Web Community, Comitato Cittadino Bellona Triflisco, Diocesi di Napoli "Parrocchia Sacro Cuore di Gesù".

Vota questo articolo
(1 Vota)

Hanno vissuto una notte che difficilmente dimenticheranno i componenti di una famiglia terzignese che si sono ritrovati, nel cuore della notte, una banda di rapinatori in casa. Erano da poco passate le due quando 5 malviventi si sono introdotti nella elegante dimora di via Diaz, forzando i sistemi di videosorveglianza e sicurezza. Non appena entrati in casa, i ladri, hanno preso per ostaggio i due uomini padre e figlio tenendoli sotto minaccia di un’arma. La moglie del proprietario della villa è stata invece percossa ripetutamente affinchè indicasse dove fossero custoditi gioielli e denaro. Dopo oltre due ore, alle prime luci del mattino la banda, dopo aver depredato tutto quello che era possibile si è dileguata. Appena sono riusciti a liberarsi i proprietari della villa hanno prontamente chiamato i soccorsi. Sul luogo sono immediatamente accorsi i carabinieri ed una autoambulanza per prestare i soccorsi ai malcapitati che hanno riportato, fortunatamente, ferite guaribili in pochi giorni. Sull’episodio gli inquirenti mantengono il massimo riserbo, ma secondo indiscrezioni raccolte, si tratterebbe di una banda di malviventi provenienti dall’est Europa, specialisti in raid di stampo paramilitare. Controlli serrati in tutta l’area Vesuviana. L’auspicio è che quanto prima i carabinieri possano assicurare alla giustizia questa banda di spietati malfattori.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Martedì 25 settembre 2018 alle ore 20:00, a Trecase presso la parrocchia di S. Antonio di Padova in Via Regina Margherita n. 341 arrivano le reliquie del Beato Vincenzo Romano, l’umile parroco della città di Torre del Greco, prossimo Santo il 14 ottobre 2018. La città di Trecase e i fedeli delle comunità parrocchiali di S. Antonio di Padova, retta da don Federico Battaglia e del santuario S. Maria delle Grazie e San Gennaro, rettore don Aniello Gargiulo, si preparano a vivere un momento di viva religiosità per accogliere, in momenti d’intensa preghiera comunitaria, le reliquie del Beato Vincenzo Romano, che dal 1799 al 1831 è stato Preposito presso la chiesa di Santa Croce l’unica parrocchia di Torre del Greco e che, domenica 14 ottobre 2018 in Piazza San Pietro, sarà iscritto da Papa Francesco nell’Albo dei Santi della Chiesa. Mercoledì 26 settembre, dalle ore 9:00 alle 12:00, presso la parrocchia di S. Antonio, si tiene la celebrazione del Sacramento della Penitenza; alle ore 18:30, solenne concelebrazione Eucaristica presieduta da don Salvatore Accardo, decano del XIII Decanato della Diocesi di Napoli, a seguire peregrinatio delle reliquie del Beato Vincenzo Romano dalla parrocchia di S. Antonio di Padova al santuario-parrocchia di S. Maria delle Grazie e San Gennaro in Piazza San Gennaro, con un breve momento di preghiera e la Benedizione Eucaristica. Giovedì 27 settembre, al santuario-parrocchia di Santa Maria delle Grazie e San Gennaro, alle ore 9:00, momento di preghiera comunitaria; alle ore 10:00, incontro con i ragazzi della scuola; alle ore 20:00, momenti di preghiera con i giovani. Venerdì 28 settembre, alle ore 9:00, momento di preghiera comunitaria; alle ore 10:00, incontro con i ragazzi della scuola; alle ore 19:00, concelebrazione Eucaristica presieduta da Sua Ecc.za Mons. Lucio Lemmo, Vescovo Ausiliare di Napoli. Domenica 14 ottobre 2018 si tiene il pellegrinaggio a Roma in Piazza San Pietro per partecipare alla Canonizzazione del Beato Vincenzo Romano.