Ognuno di noi il 23 aprile avrebbe dovuto prendere un libro e, se non leggerlo, almeno sentirlo tra le mani. Anche chi non legge mai, anche chi legge sempre. Una ricorrenza è bella da ammirare. Il sapore del panettone a Natale e dei baci a San Valentino, il profumo delle mimose nella festa della donna e quello dei fiori di pesco a primavera. Ci sono giorni creati apposta per ricordarci qualcosa: non si può lasciare che, come volti anonimi, scivolino via.  La giornata mondiale del libro ricorre ogni anno il 23 aprile dal 1996, su istituzione dell’UNESCO, con lo scopo di promuovere la divulgazione del materiale librario e della cultura in generale. La proposta giunse dalla Spagna, sulla base di una tradizione antica ricorrente in ambiente catalano. Fu scelto questo giorno poiché nello stesso, nel 1616, morirono tre grandi scrittori: Miguel de Cervantes, William Shakespeare e Inca Garcilaso de la Vega. I librai spagnoli, in occasione di questa ricorrenza, regalano una rosa a chiunque acquisti un libro, come simbolo di una consuetudine medievale secondo cui ogni uomo, in questa giornata, debba donare una rosa alla propria donna. Ognuno di noi ha una ragione che lo spinge alla lettura, qualcuno di ragioni non ne trova nemmeno una. Leggere è comprendere un po’ il mondo come va: le vite che leggiamo sono quelle che ci passano dinanzi ogni giorno, le storie che ascoltiamo nella nostra lettura silenziosa sono un po’ anche le nostre storie. Nessuno narra nulla che non sia vita ed addentrarsi in un buon libro equivale a saperne qualcosa in più rispetto a quando si era alla pagina precedente di se stessi. Anche Il Vesuviano, come ha fatto negli scorsi anni, si fa promotore di rassegne culturali finalizzate alla presentazione di libri di autori del nostro territorio ed oltre. Salvatore Violante, Alfredo Ranieri e Amedeo Colella sono solo alcuni tra i nomi che saranno ospiti degli incontri letterari che avverranno prossimamente nella città di Terzigno, in date da definirsi.

 

 

Pubblicato in Cultura

Alle ore 11.25 del 2 maggio 2015, presso la segreteria comunale,è stata consegnata tutta la documentazione necessaria alla presentazione della lista che ha come candidato sindaco Lina Panfilo. Per la prima volta il Movimento 5 stelle concorrerà alla tornata elettorale nel comune di Terzigno, portando avanti i seguenti obiettivi principali:

- Favorire il bene collettivo e difendere la salute pubblica;

- Tagliare gli sprechi per aumentare e migliorare i servizi;

- Creare opportunità lavorative internalizzando la gestione dei rifiuti e la manutenzione della viabilità, del verde pubblico e degli immobili comunali;

- Riqualificare e incentivare le aree di interesse storico-naturalistico e artistico-culturale;

- Promuovere e valorizzare i prodotti tipici locali;

- Eliminare le consulenze e gli incarichi esterni;

- Affidare la gestione dell’acqua e della riscossione dei tributi al comune, togliendola rispettivamente alla GORI e alla GE.SE.T.;

- Adeguamento energetico degli impianti di pubblica illuminazione;

-Studi progettuali per usufruire dei fondi europei;

-Avvio delle procedure per il rilascio licenza di taxi collettivo per agevolare le condizioni di mobilità nel paese;

- Attività di formazione sul rischio Vesuvio e sulle vie di fuga.

La squadra di semplici cittadini, onesti e incensurati, che si sono messi in gioco per realizzare le suddette proposte risulta così composta:

1) Annunziata Fortuna

2) Avino Antonio

3) Avino Genoveffa

4) Caldarelli Pasquale

5) Iuliano Angelo

6) Langella Ferdinando

7) Maqsoud El Mati

8) Panfilo Annarita

9) Parisi Antonio

10) Salvati Michele

11) Simone Filomena

12) Stanziano Fiore

13) Nappo Nicolangelo

Pubblicato in Locale

E’ scaduto alle ore 12,00 di oggi sabato 02 maggio il termine ultimo per la presentazione delle liste. Le prossime elezioni amministrative si terranno domenica 31 maggio (1°turno) nelle regioni a statuto ordinario in concomitanza con le elezioni regionali. L’eventuale turno di ballottaggio è fissato per domenica 14 giugno. Con il rinnovo della giunta e dei consiglieri comunali delle regioni a statuto ordinario si applicheranno le norme in materia di contenimento delle spese degli enti locali che prevedono la riduzione del numero di consiglieri e degli assessori comunali. L’election day per il comune di Terzigno vedrà la presenza di sei aspiranti sindaci. La fascia tricolore sarà contesa dall’attuale sindaco facente funzioni Stefano Pagano che avrà al suo fianco, oltre alla lista di Forza Italia, ove all’interno vi sono diversi consiglieri comunali uscenti, anche da altre due liste civiche: Forza Silvio e Lista Pagano sindaco. Il vero outsider dell’attuale primo cittadino è l’ex vice sindaco: Francesco Ranieri. L’avvocato terzignese si presenterà con ben cinque liste civiche: Il Tralcio, La Campana, Lista Francesco Ranieri sindaco, Oltre il Vesuvio e Lista Civica Terzigno. All’interno di queste liste che avremo modo di presentare dettagliatamente nei prossimi giorni vi è la presenza di due assessori comunali uscenti dall’ultima amministrazione Auricchio più diversi giovani di bella prospettiva. Il terzo aspirante sindaco è l’avvocato Enzo Aquino che concorrerà sostenuto dalla lista del Partito Democratico. La lista Pd consta di quindici persone. Altro candidato sindaco è Serafino Ambrosio che si presenterà sostenuto dalle due liste civiche: Terzigno Casa Comune e Noi Giovani. Il movimento cinque stelle sosterrà nella prossima tornata la giovane Lina Panfilo al suo esordio politico. La giovane Panfilo avrà al suo fianco una lista composta di tredici ragazzi al loro esordio in campagna elettorale. La lista civica “ Patto civico per Terzigno” sosterrà la dottoressa Rosa Rosanna. Da oggi inizia la campagna elettorale, quella pre-elettorale ha fatto registrare diversi colpi di scena, con esponenti di calibro che hanno fatto un passo indietro facendo sconvolgere i piani di qualche partito. La lotta politica diventa sempre più importante perché nell’aria c’è qualcosa che porterà a un nuovo quadro politico e nuovi scenari potrebbero aprirsi. Gli elettori non si fidano più delle chiacchiere e vogliono progetti chiari, condivisi e fattibili, senza demagogia. Progetti insomma entro i paletti che ci impone la nostra situazione economica reale. I programmi elettorali sembrano dire le stesse cose di cinque anni fa, ma intanto il tempo è passato e Terzigno cerca di rialzarsi, gli elettori vogliono combattere per vedere la luce. Questo è solo il primo round!

Le liste dei candidati:

CANDIDATO SINDACO Serafino AMBROSIO 

 

Lista Noi Giovani: Michele Cardone, Angela Miranda, Loredana Guerra, Raffaele Annunziata, Gennaro Giugliano, Carmine Celentano, Domenico Casillo, Luigi Ferrara, Daniele Aniello Miranda, Antonio Delle Chiaie, Rosa Maria Del Santo, Luigia Ranieri, Francesco Miranda, Anna Miranda, Giuseppe Miranda, Elvira Ambrosio. 

Lista Terzigno Casa Comune: Lorenzo Casillo, Pasquale Fellino, Antonio Annunziata, Nunzia Gragnaniello, Giovanna Avino, Luigi Auricchio, Sonia Guastaferro, Giuseppe Caputo, Pietro Apuzzo, Antonio Bifulco, Luciano Licone, Annarita Annunziata, Teresa Biondillo, Michele Miccio, Antonio Ambrosio, Michele Di Casola

_______________________________

CANDIDATO SINDACO Vincenzo AQUINO

 

Partito Democratico: Maria detta Mariella Stanziano, Michele Guastaferro, Teresa Esposito, Francesco Ranieri, Giuseppina Boccia, Raffaele Ranieri, Pasquale Ambrosio, Antonietta Pagano Collaro, Vincenzo Autorino, Antonietta Izzo, Alberto Randaccio, Giuseppe Giamundo, Giuseppe Aquino, Carlo Ranieri, Raffaele Carillo.

 _______________________________

CANDIDATO SINDACO Lina PANFILO

 

Movimento Cinque Stelle: Fortuna Annunziata, Antonio Avino, Genoveffa Avino, Pasquale Caldarelli, Angelo Iuliano, Ferdinando Langella, El Mati Maqsoud, Annarita Panfilo, Antonio Parisi, Michele Salvati, Filomena Simone, Fiore Stanziano, Nicolangelo Nappo

 _______________________________

CANDIDATO SINDACO Stefano PAGANO

 

Forza Italia: Domenico Auricchio, Pasquale Ciaravola, Maria Grazia Sabella, Concetta detta Tina Ambrosio, Annamaria detta Sonia Annunziata, Felice Avino, Angelo Caldarelli, Luigi detto Gigino Caldarelli, Luigi Canestrino, Pasquale D’Aquino, Giuseppe Del Giudice, Luigi Di Prisco, Angelo Massa, Maddalena Nappo, Saverio Pagano.

Lista Pagano Sindaco: Mario Auricchio, Caterina detta Katia Boccia, Michele Sepe, Giovanni Casillo, Pasquale Miranda, Giovanna Guastaferro, Elisa Parisi, Antonio Del Giudice, Nicola Bifulco, Imma Carillo, Luisa Pagano, Stefano Francesco De Falco, Pasquale Fendi, Antonio Avino, Giuseppina Ardizio

Lista Forza Silvio: Antonio Pisacane, Brigida Ambrosio, Gaetano Fabbrocini, Angela Fattorusso, Luigi Panariello, Raffaele Aquino, Cappellini Alfonso, Erminio Cascata, Giovanni Cozzolino, Antonia Giugliano, Giuseppe Guastafierro, Domenico Malvone, Giusi Rosa, Francesco Pacifico, Pasquale Giuseppe Sicignano, Anna Rosarita Sorrentino

  _______________________________

CANDIDATO SINDACO Francesco RANIERI

 

Lista Oltre il Vesuvio: Chiara Autorino, Ilaria Bifulco, Autilia Carillo, Annalisa Di Costanzo, Francesca Moccia, Maria Rastelli, Orlando Ambrosio, Massimo Annunziata, Giuseppe Avino, Giosuè Di Casola, Gennaro Troncato, Francesco Nappo, Vincenzo Macera, Pasquale Ranieri, Salvatore Tufano

Lista La Campana: Paolo Caldarelli, Raffaele Ranieri, Angelo Annunziata, Emma Stanziano, Salvatore Guastaferro, Anna Ambrosio De Vito, Caterina Esposito, Giusy Ranieri, Marika Maria Rea, Serena Severino, Maria Di Casola, Arturino Ferraro, Davide Casillo, Michele Annunziata, Giancarlo Formisano, Emanuela Di Maria

Lista Francesco Ranieri (Mivar): Rosalba Boccia, Antonella Congiu, Antonia Coppoa, Maria Di Martino, Genny Falciano, Tonia Langella, Felicia Saviano, Pierluigi Aliperta, Giovandaniele Catapano, Giuseppe De Simone, Biagio Ferrara, Raffaele Librone, Raffaele Marinaro, Antonio Mosca, Giovanni Tomassi, Antonio Vaiano

Lista Il Tralcio: Anna Guadagno, Francesco Parisi, Giuseppe Auricchio, Maurizio Auricchio, Laura Ammirati, Alessandra Castellano, Gennaro Castiello, Giuseppe Fattorusso, Vincenzo Faldi, Carla Francese, Adriana Licone, Fabiola Miranda, Vincenzo Imblema, Pasquale Perna, Giuseppe Ranieri, Francesco Tortora

Lista Terzigno con Francesco Ranieri: Giuseppe Ammendola, Salvatore Carillo, Luigi Boccia, Roberto Ranieri, Annalisa Vitiello, Daniela Ambrosio, Assunta Pontino, Ilaria Cirillo, Giovanni Battello, Giuseppe Pirozzi, Massimo Ambrosio, Giovanni Avenire, Luisa Palumbo, Daniela Resoconto.

 _______________________________ 

CANDIDATO SINDACO Rosanna ROSA

 

Lista Patto civico per Terzigno: Maria Capasso, Carmen Paola De Virgilio, Antonella Esposito, Giovanna Massa, Lucia Rosaria Miranda, Pasqualina Scognamiglio, Rita Squitieri, Angela Stanziano, Raffaella Tufano, Francesco Saverio Bianco, Luigi Brandi, Ottavio Carmine Festa, Antonio Genovese, Aniello Montella, Domenico Pennasilico, Pietro Randaccio 

Pubblicato in Locale

Ho atteso un pò di tempo prima di sedermi davanti ad una fredda tastiera, per cercare di dedicare un pensiero a Chi mi ha insegnato ad amare quelle tavole chiamate palcoscenico. Il 31 marzo del 1996 ci lasciava Agostino Palomba, semplicemente ‘o Professore. Ancor più, il “nostro” Maestro. Colui che trasformava in versi il quotidiano, sempre in possesso di qualche rima per ogni situazione, per ogni circostanza. Ricordo, con grande affetto, quegli abituali inviti che rivolgeva alla nostra compagnia teatrale, all’indomani di un successo, a discutere, davanti ad una buona pizza, dei più svariati particolari che riguardavano il mondo della recitazione, dalle singole abitudini recitative ai miglioramenti da apportare in futuro. Raccontava, con quell’eterno sorriso stampato sul volto, l’origine delle sue straordinarie invenzioni di testi, monologhi che invero solo un immenso talento culturale poteva “partorire”. Ora ci insegnava la dialettica da utilizzare, ora ti parlava di Eduardo, con gli occhi intrisi di gioia e passione, proprio come un bambino che assaggia il primo gelato estivo. Mai banale, mai scontato nel replicare alle nostre richieste, democratico e sinceramente interessato al confronto dialettico. Ci insegnava ad avere fiducia in noi stessi, a sviluppare la curiosità per i fatti del mondo, a conservare il rispetto per la nostra terra d’origine e per le persone. Insomma, tutto ciò era il nostro Maestro. Utilizzo le parole con grande responsabilità, pertanto, nel parlare di Agostino Palomba, attingo anche al termine “amico”, oltre a quello di maestro. Uso questi due termini, perché credo fermamente nel loro significato e nella riconducibilità degli stessi al nostro amato Agostino. E’ triste invece, che le nostre istituzioni, nel corso del tempo, non abbiano mai pensato di realizzare un’opera, intitolargli una strada, insomma esprimere in qualche modo gratitudine per chi non ha mai rinunciato a pensare in grande per la nostra Terzigno, vantandola, a suo modo, in ogni concorso o rassegna teatrale che sia, e sempre con il medesimo grande successo. A me non resta che il ricordo vivo, lo sconfinato amore che mi ha trasmesso per quel meraviglioso mondo chiamato teatro. Termino questi miei pensieri attingendo a due brevi ma significative massime di Eduardo, che penso siano assolutamente adeguate, e quindi “con la tecnica non si fa teatro, si fa il teatro se si ha fantasia”, proprio quel che non mancava di certo al nostro Maestro; e poi “trovare la mia strada nella strada, il teatro che è stato ed è tutto per me". Lunga vita al teatro, onore ad Agostino Palomba.

Pubblicato in Attualità

“Far emergere le eccellenze campane, valorizzare il territorio vesuviano e dare spazio a tutte quelle realtà che operano silenti nel sociale”. Sono questi i tre temi principali della nuova trasmissione “Terra Mia” nata dalla sinergia tra la redazione de “il Vesuviano” e  “Italia Mia”.

 A comunicarlo sono Francesco Gravetti e Genny Galantuomo rispettivamente conduttore ed ideatore del programma televisivo che sarà trasmesso a partire dal 20 aprile tutti i lunedi sera sull’emittente regionale “Italia Mia” visibile sul canale 274 del digitale terrestre.

 

“Nei trenta minuti di programmazione settimanale – si legge nella nota redazionale – verranno ospitati personaggi e rappresentanti istituzionali, nonché esponenti del mondo della cultura, dello sport e dello spettacolo per affrontare temi e problematiche comuni ai paesi dell’area metropolitana a sud di Napoli. Grande risalto sarà dato al mondo dell’associazionismo e del sociale, con uno spazio dedicato che sarà curato dal C.S.V. di Napoli. Intendiamo promuovere il territorio vesuviano e tutte le opportunità che esso offre cercando di far emergere -oltre alle bellezze paesaggistiche e naturali- anche tutte quelle tradizioni che da sempre hanno caratterizzato questa terra indissolubilmente e storicamente legata a “movimenti” del Vesuvio.

Pubblicato in Attualità

Si è conclusa tra gli applausi di una giovane e partecipe platea la presentazione ufficiale del Forum dei Giovani alla cittadinanza terzignese. Una nutrita schiera di ragazzi ha ben accolto l'invito dei consiglieri, i quali, allo Sweet Cafè sito in via Zabatta, hanno presentato le linee programmatiche che connoteranno da qui a due anni il modus operandi del Forum. Dapprima il presidente Romano Giovanni Francesco e i consiglieri Angelo Ranieri e Giuseppe Bianco hanno spiegato i motivi che hanno portato alla sua formazione : dall'abbandono di Terzigno da parte della compagine giovanile, alla carenza di opportunità che lo stesso Comune offre ai ragazzi (con profonde lacune che lambiscono vari ambiti del contesto sociale, di tipo scolastico, sportivo e culturale), ed alla quasi totale mancanza di forme d'intrattenimento di rilievo, le quali invece sarebbero utilissime per creare spirito d'incontro e occasioni d'aggregazione. Anche il dott. Alberto Romano , che ha fatto le veci del senatore ed ex sindaco Domenico Auricchio (oberato da alcuni impegni che non gli hanno permesso di essere partecipe all'incontro ma solo di fare ad una breve visita agli organizzatori prima dell'evento), ha avuto modo di raccontare l'entusiastica accoglienza del progetto giovanile da parte della giunta comunale: "è pienamente condivisibile l'inserimento delle idee giovanili nella politica locale ed apprezzabile la fisionomia che è stata data al Forum, supportata da un'organizzazione completa,funzionale e qualificata… lodevole poi il non aver voluto dare ad esso nessuna impronta partitica". 
Dopodiché sono intervenuti gli esponenti dei forum giovanili di alcuni paesi limitrofi, quali San Giuseppe Vesuviano, Striano, Poggiomarino, Scafati ed Ottaviano, che hanno rimarcato l'importanza della presenza giovanile nella gestione amministrativa e nella struttura politica di una comunità ed hanno incoraggiato i neo consiglieri del forum di Terzigno nell'avere il giusto temperamento dinanzi alla responsabilità a cui sono esposti e alle richieste degli iscritti che rappresentano, prendendo spunto anche da eventuali critiche costruttive. 
La serata si è conclusa poi con il verdetto finale relativo al Logo Contest: una commissione esterna e super partes, composta dal maestro d'arte Antonio Verdino, il laureando in Accademia delle Belle Arti Emmanuele Stanziano, il designer Claudio Apuzzo e i due architetti Ugo Picciau e Pietro Ranieri, ha decretato la vittoria del fotografo Michele Casillo, il quale, oltre ad una targa commemorativa, si è aggiudicato il premio di 100 euro messo in palio dagli organizzatori del Forum.

Pubblicato in Locale

Il presepe nella cultura e nella tradizione partenopea rappresenta oltre che il momento di commemorazione della nascita di cristo anche un momento di sana aggregazione e partecipazione familiare intoro ai valori cattolici. Dalle indimenticabili frasi di Eduardo a quella che orami è molto più di una tradizione, il presepe rappresenta un momento di vivida partecipazione alla vita cristiana. Nel segno della tradizione anche quest’anno a Terzigno il presepe, quello vivente,  nel giorno dell’Epifania è tornato a coinvolgere intere famiglie e non solo nella mera passeggiata tra vicoletti e rioni. Questa volta le famiglie- e sono state davvero tante- hanno partecipato con entusiasmo indossando gli abiti d’epoca per rinverdire mestieri e culti di un tempo che poco appartengono al culto cristiano ma tanto rappresentano per quello partenopeo. Allora capita di vedere che tra i raffiguranti ci si ritrova di fronte padre, madre e figli abilmente calati nella parte ad interpretare un ruolo di un personaggio del presepe tanto caro a San Francesco. Le rappresentazioni alla falde del Vesuvio si sono svolte nei rioni che più di tutti si prestano coreograficamente alla rappresentazione. Il rione Caprai (location che purtroppo fece da cornice ad alcune riprese di Gomorra) questa volta stupisce per l’incanto e la minuziosa attenzione posta negli abiti dei partecipanti. Ad organizzare il tutto i residenti della frazione di Boccia al Mauro ai quale va dato merito di essere riusciti ad allestire ben due rappresentazioni sia il 4 che il 6 gennaio. Non da meno è stata la rappresentazione del presepe vivente allestito tra i vicoletti e le stradine del rione Perni. Qui la curiosità dei  tanti visitatori è stata particolarmente stimolata nel vedere chi fossero i volti di alcuni personaggi come ad esempio i Re Magi vestiti di tutto punto e truccati come meglio non si poteva. Eventi che di fondo hanno accumunato fedeli più o meno assidui, nel segno di una tradizione che, a quanto pare, piace a tanti ritrovare e rinverdire in tempi in cui i valori cristiani hanno sempre più difficoltà ad affermarsi in una società molto più avvezza al consumo e poco attenta all’essenziale. Un plauso ai rappresentanti del clero, a chi ha partecipato attivamente ed a chi, semplicemente visitando i rioni ha riscoperto posti e ambienti di una Terzigno che quando vuole sa bene cosa fare. 

Pubblicato in Tempo Libero

Sarà un fine d'anno che i cittadini campani e quelli vesuviani in particolare, difficilmente dimenticheranno. La neve, infatti, ha fatto copiosa la sua comparsa questa mattina regalando immagini da cartolina un pò ovunque. Tutti con lo sguardo verso il Vesuvio per immortalare immagini da regalare ai posteri. Il bianco candore regalato dalla nevicata imprevista ma comunque gradita, ha impreziosito questi giorni di festività natalizie all'ombra del vulcano. A tante belle immagini ha fatto da contraltare il disagio che la neve ed il ghiaccio hanno rappresentato per la viabilità ordinaria. Le strade di Terzigno e San Giuseppe in molti tratti sono state chiuse dalla Polizia Locale a causa del fondo scivoloso. A Terzigno poco dopo le ore 8 un maxi tamponamento in via Einaudi ha visto coinvolto ben 6 autovetture diventate incontrollabili all'altezza del sottopasso ferroviario della Circumvesuviana. Nessun danno per i conducenti. Il pronto intervento dei caschi bianchi ha evitato danni peggiori. Tanto da fare anche per i vigili di San Giuseppe che hanno dovuto rispondere a diverse richieste di aiuto. Ad Ottaviano il primo cittadino ha dovuto emettere addirittura un'apposita ordinanza in cui si vieta fino al termine dell'emergenza neve il transito agli automezzi e ciclomotori su tutto il territorio comunale se non provvisti di catene da neve o di pneumatici termici. La circumevesuviana, invece ha registrato ritardi nella percorrenza dei treni da Napoli verso Sarno.. Insomma a tanto clamore per la neve sono arrivati disagi che il sole di mezzogiorno ha lentamente attutito. Nelle prossime ore il meteo riserva ancora temperature basse con possibilità di nevicate anche in bassa quota. (nella foto il corso Leonardo Da Vinci a Terzigno imbiancato questa mattina alle 8.30)

Pubblicato in Cronache
Martedì, 30 Dicembre 2014 20:06

Terzigno ricorda il maestro Agostino Palomba

Una sala gremita per testimoniare l’affetto verso quel “poeta amico mio”, titolo della rappresentazione portata in scena dalla sgangherata compagnia teatrale verso l’indimenticato amico, poeta e maestro Agostino Palomba (nella foto il primo a sinistra tratta dal gruppo "Terzigno per non dimenticare"). Sono quasi diciassette anni dalla sua prematura scomparsa, ma i cittadini vesuviani non hanno mai dimenticato chi dall’interno del suo maggiolone dispensava sorrisi e rime baciate, chi nonostante la malattia continuava a chiedere informazioni sul suo amato Napoli, chi ha investito parte della sua giovane vita in cultura, in teatro, in testi in vernacolo, in poesia. Tutto è cultura, quell’entusiasmo che trasmetteva ai suoi giovani allievi manca alla società moderna, quel suo modo d’insegnare teatro, quello vero, quello classico napoletano, manca alla nuova generazione, troppo offuscata dalle nuove e moderne tecnologie. Terzigno mio te tengo dint’ ‘o core ‘e te so’ eternamente ‘nnamurate, questa è una delle sue celeberrime canzoni scritte per la sua terra, quei versi in vernacolo è l’inno di gioia dedicata all’intera comunità vesuviana. Terzigno, tramite la compagnia teatrale che porta il suo nome, ha reso omaggio prima all’uomo e poi all’artista Palomba. In sala, oltre alla famiglia erano presenti alcuni suoi allievi e un vecchio compagno di scena mentre lì su quelle tavole a rendere omaggio all’amico Agostino c’era l’amico di sempre Luigi Bifulco che tramite versi, poesie e canzoni ha ripercorso la vita del poeta nato a Torre del Greco nel lontano 1943. I ricordi con le lacrime non sono mancati, gli spettatori con un po’ di malinconia hanno ricordato con applausi scroscianti il loro concittadino che per tanti anni ha regalato solo sorrisi. A volte è triste non dare un giusto riconoscimento verso chi ha portato il nome della cittadina vesuviana in giro per l’Italia. Tanti i premi che sono stati vinti dal prof. Palomba, la celeberrima commedia “Pulcinella si sistema” ha chiuso con tre primi posti nel concorso nazionale riservato agli alunni di scuola elementare nella località di Chiusi in Toscana o la vittoria con il teatro delle marionette vinto a Sangemini, innumerevoli poi i riconoscimenti vinti con le sue poesie. Terzigno almeno per una sera ha trascorso una serata diversa in ricordo di un vero amante della cultura partenopea.

Pubblicato in Cultura
Pagina 6 di 6