Americo Bianco, 95 anni ed un dovere da compiere In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Attualità Letto 1417 volte

Terzigno. In una tornata elettorale nella quale si registra, fino a questa mattina, un alto il numero di astenuti al voto, arriva una nota lieta che dovrebbe spronare molti cittadini al compimento del proprio dovere. Americo Bianco, novantacinque primavere, con una storia da deportato nei campi di lavoro per deportati civili nella Germania nazista sulle spalle durante la seconda guerra mondiale, ieri mattina poco prima della messa domenicale si è recato a votare dando più di ogni altro il buon esempio. Quello del buon padre di famiglia, del nonno instancabile, del cittadino modello e rispettoso delle istituzioni. E così verso le 11 del mattino si è presentato al seggio numero 5 ad esercitare il suo diritto al voto. Quell'esercizio di partecipazione al voto che per quelli della sua generazione ha rappresentato, indubbiamente, una conquista verso la libertà e la democrazia. Un modello, quello di Americo Bianco, da emulare per tanti cittadini distratti o impauriti dalla pandemia, per lui votare è un dovere al quale nessuno dovrebbe mai sottrarsi quali appartenenti ad uno Stato reso libero grazie a tanti uomini come lui che, con sacrificio ed abnegazione, ci hanno resi un popolo libero di scegliere i propri rappresentanti in libertà, democrazia e senza alcuna limitazione. A prescindere da quale sarà il verdetto dell'una, alle falde del Vesuvio c'è già chi ha vinto la sua "sfida" elettorale. 

Ultima modifica il Martedì, 06 Ottobre 2020 07:09