Quote latte, i sardi piangono mentre i padani fottono In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Attualità Letto 385 volte
Non monta la protesta degli allevatori e pastori sardi che da giorni ormai protestano contro il ribasso dei prezzi del latte sardo. I produttori isolani stanno riversando per strada centinaia di litri di latte cone segno tangibile della loro rabbia. Ma se da un lato i sardi piangono per il latte versato, dall'altra parte dell'Italia le cose stanno decisamente meglio. È giusto ricordare ai pastori sardi (ai quali va tutta la nostra ammirazione e solidarietá) che l'Italia paga da oltre un decennio milioni di sanzioni all'unione europea per lo sforamento delle quote latte dei produttori padani. Sanzioni che gli agricoltori padani avrebbero dovuto restitiure allo Stato Italiano (come i 49 mln...). Sapete come è andata a finire? Che al Ministero dell'Agricoltura c'è un leghista Centinao il quale proprio oggi in Sardegna durante un tavolo tecnico per risolvere la crisi, se ne è guardato bene di ricordare delle malefatte dei pastori padani nei suoi discorsi a 'difesa' dei sardi. È doveroso ricordare che grazie all'ultima manovra finanziaria, la cosiddetta pace fiscale (voluta fortemente dalla Lega) servirà a sanare la posizione delle centinaia di allevatori della pianura padana che non hanno restituito allo Stato l'ammontare delle multe europee per le quote latte, già pagate dall'Italia a Bruxelles. Un buco da oltre un miliardo, che tutti noi abbiamo giá pagato. ormai la musica è cambiata: la solita Padania leghista e ladrona, ma la Sardegna non perdona?