Assalto al Cimitero di Terzigno, le associazioni distribuiscono i fondi raccolti In evidenza

Scritto da  Pubblicato in Attualità Letto 1276 volte

Lo scorso mese di luglio destò particolare stupore il vile assalto alle tombe del cimitero di Terzigno. Nottetempo, infatti, oltre cento tombe furono oltraggiate e distrutte dalla mano ignota di vandali, restati ancora oggi impuniti. L'indignazione e la rabbia si levò tra i cittadini vesuviani che videro i resti dei propri cari oltraggiati anche in un luogo in cui il riposo eterno non dovrebbe essere turbato. Tuttavia un gruppo di persone responsabili e tenaci non volle arrendersi alle circostanze e nel giro di pochi giorni, come segnale di forte protesta e ripresa verso gli sciacalli, associazioni e movimenti si unirono in una comitato spontaneo per raccogliere fondi da devolvere ai familiari dei defunti oltraggiati. Nei prossimi giorni il ricavato sarà devoluto grazie all'impegno delle seguenti organizzazioni:" La Ginietra" associazione presieduta da Annarita Ranieri, "La Crisalide" associazione presieduta dalla signora Giuliana Ranieri, "Il Brigantino" diretto da Pietro Avino, "Il Guizzo Azzurro" associazione presieduta da Giuseppina Casillo, "Di Lava e di Fuoco" associazione presieduta da Maria Rosaria Esposito ed il Comitato "Armando Diaz" presieduto da Michele Sepe. Un movimento spontaneo che con perseveranza è riuscito a lenire il dolore di chi ha visto oltraggiata la memoria del caro defunto...e come disse ne A' livella il grande Totò: " Ognuno ll'adda fa' chesta crianza, ognuno adda tené chistu penziero."